Go Down

Topic: Strano comportamento di un transistor PNP.. (Read 6 times) previous topic - next topic

Michele Menniti

#60
Jun 13, 2011, 10:23 pm Last Edit: Jun 13, 2011, 10:24 pm by menniti Reason: 1

ciao
scusate se mi inserisco in questa discussione anche io sto facendo esperienza per azionare + relè con arduino e stò usando un ULN2803A, guardando il datashet indicato di un UDN2981 mi sembra di notare un orientamento diverso dei diodi interni per i carichi induttivi, sto sbagliando o sono la stessa cosa

grazie

bisognerebbe capire di che schema stai parlando, vedendolo ci si potrebbe ragionare su; per quanto ne so il 2803 è fatto con dei darlington; comunque il diodo in parallelo al relé va sempre messo nella configurazione che vedi nello schema, catodo sul polo positivo e anodo su quello negativo, serve per proteggere il transistor, messo a rovescio non serve a nulla.
EDIT: ho trovato il datasheet, l'orientamento è identico a quello dello schema che ho postato.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

stefa24

http://www.allegromicro.com/en/Products/Part_Numbers/2981/2981.pdf
questo è il datasheet indicato nella discussione

grazie
ciao
https://sites.google.com/site/agritronica/
https://sites.google.com/site/t3chconcrete/
arduino UNO rev 3
ide 105

Michele Menniti

Come detto l'avevo trovato nel frattempo, se guardi a pagina 3 lo schema elettrico di una delle porte puoi vedere in basso, sotto la R da 3K, il diodo di protezione, che in questo caso è integrato nel chip, ed è appunto con anodo a massa e catodo sul positivo (Output)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

MauroTec

Ciao Menni, tu hai scritto:
Quote

Il negativo ti arriva tramite la bobina del relé.
allora prendi il tuo NPN, collega la base al pin di Arduino tramite una R (quella che hai già usato va bene)
Collega il collettore dell'NPN al +12V
Collega l'elettitore dell'NPN al capo libero del relé (attenzione a non invertire collettore ed emettitore!!! controlla bene il datasheet del transistor
Manda un HIGH su Arduino e vedrai che ti funziona


Dunque, io questo lo traduco con questo schema.

E questo non può funzionare o meglio se riesci o meno a eccitare il rele dipende dal relè stesso dalla sua R,
e dal beta del transistor. Ma anche se apparentemente riuscisse a chidere i contatti non lavorerebbe alla massima corrente prevista.
Insomma così non funziona.

Il circuito che hai postato funziona fintantoche usi un rele che si accontenta di 20mA o poco più se le correnti in gioco sono prossime a 600mA devi usare un transistor di potenza questi hanno un beta ridotto e potrebbe non essere sufficiente per mandare in saturazione la base, se la base non è satura allora il transistor lavora in zona lineare dissipando un P che è VcVe * Ic scaldando parecchio, mentre quando non lavora in zona lineare possono benissimo commutare correnti di 2A senza scaldare tanto che non è necessario usare alcuna aletta.

Ora va benissimo sperimentare, però rimane sempre quello che ho detto, il rele a 5 con NPN da 0.2 € è la soluzione più adatta in questo caso.

@Leo
Qualla R parallela fissa l'impedenza vista dal circuito che pilota la base e vale rs + rp. Funge anche da pull-down per la base. Disturbi di commutazione entreranno in base attenuati da questa rp, quindi è bene usarla.

Ciao.

AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

Michele Menniti

Beh, ripeto, non ho alcuna intensione di entrare in meandri teorici, non sono un teorico e non posso diventarlo su un Forum.
Lo schema suggerito e quello postato si equivalgono, mettere il relé tra positivo e collettore o tra emettitore e massa, non credo cambi lo stato delle cose, se funziona o non funziona ciò avviene allo stesso modo in entrambe le soluzioni; quindi non penso che la discussione sia tra il suggerimento dato a guglio (non scordiamo che lui ha un capo del rele fisso a massa) e lo schema che ho postato, ma semmai se l'uno o l'altro non funzionano e basta.
Siccome la tua affermazione era che un NPN non avrebbe mai funzionato in quella configurazione, in assoluto e non relativamente a questo problema di guglio, tant'è che anche col micro-relé hai insistito sul PNP e sui 5V del relé, io ho semplicemente mostrato che non è vero, e cioè che un NPN pilotato con un pin a 5V può eccitare un relé da 12V.
Infatti non ho contestato le vostre affermazioni teoriche (non conosco tanto le tue competenze tecniche, e me ne scuso, ma quelle di Astrobeed le conosco eccome :smiley-eek: :smiley-eek:), anzi ho detto che avevate ragione e l'ho pure virgolettato, se poi devo distruggere a martellate tutti i miei circuiti che funzionano così, tanto per far sparire le prove non c'è problema, per te, che considero essere una persona in gamba, non esiterei a distruggere qualche euro di componenti; a tal proposito colgo la sottigliezza dei 20 centesimi del transistor "PNP" che poi non ha usato, direi di aggiungere il costo del relé che credo sia di qualche centesimo in più, tanto per far quadrare i conti. Baci e abbracci, pace?  XD
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

MauroTec

Quote
Lo schema suggerito e quello postato si equivalgono, mettere il relé tra positivo e collettore o tra emettitore e massa, non credo cambi lo stato delle cose, se funziona o non funziona ciò avviene allo stesso modo in entrambe le soluzioni;


No qui sta l'errore, cerca collettore comune e emettitore comune.
Perchè li avrebbero chiamati in modo diverso se poi si comportano in modo uguale?

Rileggiti i post, io suggerivo proprio l'uso di un NPN (no PNP) usando però un relè da 5 volts per comandare la bobbina del relè montato di serie nello scooter (se di scooter si tratta).

Ok, non sono al livello di Astro, ma questa è l'abc.
Qui è spiegato abbastanza bene. http://it.wikipedia.org/wiki/Transistor_a_emettitore_comune

Ciao.
AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

Michele Menniti

Me lo sono riletto:

..........Io userei un micro rele da 5 volts ed un pnp da un 100mA..........

Grazie del link, approfondirò e cercherò di capire perché anche la tipologia a collettore comune mi funziona senza problemi.
Ciao.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

MauroTec

Scoperto l'arcano.
Quote
..........Io userei un micro rele da 5 volts ed un pnp da un 100mA..........

Quando ho letto, mi son detto ma Menni che fà mi cambia quello che ho detto, al posto di NPN mi ci mette PNP.
Tanto che sono andato a vedere ed in effetti appare che io insista per il PNP, ma per me c'è scritto NPN perchè questo volevo scrivere e quando l'ho riletto cavolo io ho letto NPN.

Quindi il qui pro quo sta qui, Mea culpa, Mea culpa ho riletto male.

Quote
Grazie del link, approfondirò e cercherò di capire perché anche la tipologia a collettore comune mi funziona senza problemi.
Ciao.


Ti funziona nel senso che senti il click del relè, prova a misurare la corrente che scorre nella bobbina, confrontala con la corrente nominale e vedrai che sono abbastanza differenti.

Ciao.
AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

Michele Menniti

Ah, ok, ora ho capito perfettamente quello che intendi dire, così i conti mi tornano, allora ho scoperto che per la prima volta nella mia vita mi è andata a cu....  :smiley-mr-green:
Grazie.
Ciao
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

leo72

Riporto da Wiki:

Quote
In elettronica, il transistor a emettitore comune è una configurazione del transistor a giunzione bipolare usata comunemente come amplificatore. In tale dispositivo l'emettitore è collegato direttamente all'alimentazione, mentre la base si trova alla tensione VBE.


Ma lo schemino a fianco di questa descrizione è il seguente:


C'è qualcosa che non mi torna. A me pare che l'emettitore sia a massa, non all'alimentazione.

MauroTec

Quote
C'è qualcosa che non mi torna. A me pare che l'emettitore sia a massa, non all'alimentazione.


Si in effetti può portare fuori strada, se con alimentazione intendiamo il solo positivo allora si l'osservazione è giusta. Ma il negativo fa parte dell'alimentazione come il positivo senza l'uno non può esistere ddp (differenza di potenziale).

Ora l'emettitore è collegato in comune con l'alimentazione (GND) senza l'interposizione di alcun componente, quindi direttamente. Mentre il collettore è collegato all'alimentazione (vcc) tramite una resistenza.

Spostando la Rc dal collettore all'emettitore questa diventa Re. Se c'è una R tra il pin ed alimentazione la configurazione viene detta a nomepinopposto comune. Quindi "C" diretto a vcc (collettore comune), E diretto a gnd emettitore comune.

Tuttavia questo raggionamento può portare ad incomprensione, es il Collettore di un PNP può essere connesso a gnd direttamente e questo è sempre una configurazione a collettore comune.

Guarda il disegno (Transistor bjt nella configurazione ad emettitore comune) li è rappresentato un PNP, nota l'alimentazione invertita rispetto alla convenzione di disegnare il + in alto.

Ciao.
AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

leo72

Quote
Si in effetti può portare fuori strada, se con alimentazione intendiamo il solo positivo allora si l'osservazione è giusta. Ma il negativo fa parte dell'alimentazione come il positivo senza l'uno non può esistere ddp (differenza di potenziale).


Lo sospettavo.

Go Up