Pages: 1 2 [3]   Go Down
Author Topic: Interactive Visual Communication  (Read 4946 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Global Moderator
Italy
Offline Offline
Brattain Member
*****
Karma: 325
Posts: 22498
Logic is my way
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Prima mi parli di privacy e poi mi vieni a proporre un lettore di schedine che si interfaccia in rete e spedisce i tuoi gusti in giro per il mondo  smiley-wink
Logged


Milano, Italy
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 11
Posts: 3091
Sideralis Arduino!
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Non penso sia possibile parlare di privacy e pubblicità contemporaneamente...


Per altro anche la questione macchinette rfid, anche se a livello teorico molto carina, a livello pratico non realizzabile, ogni casa mette giu' e proprie macchine e le chiavi non sono compatibili. Per altro, anche quando le macchine sono della stessa casa non sono compatibili le chiavi tra i diversi luighi (c'e' qualche bit che identifica dove ti trovi e se la macchinetta e' quella giusta)
Logged

Federico - Sideralis
Arduino &C: http://www.sideralis.org
Foto: http://blackman.amicofigo.com

Italy
Offline Offline
Newbie
*
Karma: 0
Posts: 16
Giovanni Re
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Giorno 11-12 e 13 aprile abbiamo tenuto in Roland il primo Workshop sulla VIC ed Arduino.

Erano presenti al corso 28 persone di cui Davide Gomba, Uwe Federer e Mirco Piccin (Pitusso), che ben conoscete, c'erano inoltre professori e studenti dell’università di Design di Camerino, e diversi nostri artigiani tecnologici.

Il corso si è svolto in tre giornate per dar modo di dare le giuste informazioni e un giusto tempo per creare.
Il primo giorno, Davide, Uwe e Pitusso hanno hanno parlato di Arduino e del linguaggio di programmazione. Dopo aver consegnato un kit (arduino, breadboard, fili, sensori e componenti vari) ogni partecipante ha iniziato a creare delle piccole e semplici applicazioni interattive.

La seconda giornata, dopo aver mostrato alcuni esempi complessi abbiamo deciso di dividere i partecipanti in sei gruppi di lavoro basati su alcune caratteristiche di quello che abbiamo chiamato



I gruppi, nati dalla miscelazione dei vari partecipanti erano:

  • Light – luce, led, colori, illuminazione
    Touch – sensori tattili. stampa interattiva
    Motion – motori, movimento, dinamica interattiva
    Music - suoni, audio
    Education - installazioni didattico interattive
    Ambient – interazione che nasce dall’ambiente come scenografie o proiezioni

La passione di ogni partecipante o la propensione a fare qualcosa li ha portati a partecipare ad uno dei gruppi.
Nella prima fase avevano a disposizione un paio di ore per fare un brainstorming e presentare a tutti quanti la loro idea che volevano sviluppare.

Abbiamo modificato la struttura della classe creando dei tavoli di lavoro per ogni gruppo.

Le presentazioni sono state raccolte su una cartella condivisa di Dropbox dove lavoravamo in tempo reale.

Le presentazioni, pur essendo brevi erano chiarissime grazie ai rendering e alla cultura accademica dei designer e definivano degli intenti molto avanzati e interessanti. Tutti i progetti nella fase di sviluppo hanno ricevuto l’aiuto dei ragazzi di Arduino

L’ambiente era molto carico di energia e per non perdere il ritmo, un catering, ci ha consentito di proseguire i lavori sino le dieci di sera.
L’indomani, terzo ed ultimo giorno di corso, si finalizzava il codice e si iniziavano ad usare le nostre periferiche per dare una forma concreta ai sei prototipi.
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=wQuUkzkzuEQ
Hanno stampato su vinile con plotter VersaCamm, hanno tagliato rame adesivo con plotter da taglioGX, hanno fresato circuiti elettronici con iModela, o realizzato elementi dei prototipi con forex e Egx-600. Tutto da soli con l’esperienza degli artigiani tecnologici dei vari gruppi.
Alle 11,30 abbiamo dato la dead-line per la presentazione degli elaborati a tutti i partecipanti.

light

Il gruppo Light ha presentato un cubo di plexiglass bianco con coperchio e camera per riporre oggetti all’interno. Il cubo era illuminato con dei led rgb e presenta di default un colore. Una volta aperto il colore si modifica e si entra la mano iniza a lampeggiare con altro colore. Oltre l’uso come lampada si è pensato di usarlo come ulna per votazioni compreso un contatore di voti.

music

Il gruppo Music ha usato una fisarmonica Roland per aggiungere tramite arduino altre funzionalitá. È stata aggiunta una barra di led rgb che cambiano colorazione e dinamica in base a quali tasti si suonano ed inoltre è stata aggiunta una sorta di flash ogni volta che si batte con la mano sulla fisarmonica.

touch

Il gruppo Touch ha creato un sistema per dare interazione alle stampe usando del rame da posizionare sotto la stampa. Vetrine, poster, cartelli vari potranno vivere di vita propria. Il sistema funziona anche se non si appoggia la mano riconoscendo il posizionamneto a circa tre centimetri di distanaza. Costo irrisorio, al di sotto dei 30 euro per installazione.

motion

Il gruppo Motion ha usato un manubrio di harley davidson catturando i segnali dei vari pulsanti di frecce ed altro ed ha creato un modellino di moto che rispondeva alle vari azioni fatte sul manubrio.

education

Il gruppo education ha creato con una webcam e un sensore di presenza un sistema per creare dei cartoni animati in stop motion in una maniera semplice e immediata. Un altro uso del sistema progettato da questo gruppo è la scansione di documenti come libri ed altro.

ambient

Il gruppo Ambient si è cimentato nell’uso di un sistema di realtà aumentata che riconosce la faccia e proietta nel corpo una grafica scelta dal sistema. Hanno inostre creato un sistema motorizzato che cambia la rotazione di elementi scenografici in base alla distanza dell’attore.
Abbiamo deciso di premiare il miglior progetto pubblicando ogni singolo progetto sul nostro forum sulla nuova sezione dedicata al VIC e facendo scegliere il vincitore dalla community.

È una nuova era della comunicazione, molto più impattante ed economica del digital signage. In Roland l’abbiamo scoperta ed ora, dopo un anno esatto dalle prime discussioni, siamo fieri di aver battezzato in neonato VIC e siamo pronti a presentarlo insieme a voi alla fiera Viscom di Milano.
Logged


0
Offline Offline
Faraday Member
**
Karma: 45
Posts: 5784
Arduino rocks
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Dopo il simpatico spruzzino, si gireranno verso il manifesto e finalmente lo leggeranno e questa volta rimarrà impresso nella loro mente.
Che strano, io invece mi girerei per prendere gli estremi da dare all'avvocato, il mondo e' bello perche' e' vario  smiley-yell

Spero che questo tipo di pubblicita' invasiva non abbia successo, ricordatevi che Voi pubblicitari siete dalla parte dei cattivi  smiley-yell
Guardate quel giapponese nella prima immagine, non sta forse subendo una forzatura ? Con quale diritto gli vengono sparati in faccia flash non richiesti ?
« Last Edit: September 16, 2012, 10:19:27 am by Testato » Logged

- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Italy
Offline Offline
Newbie
*
Karma: 0
Posts: 16
Giovanni Re
View Profile
WWW
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Ci possono essere casi estremi come quello ma credo che generare un poster interattivo all'ingresso di una facoltà che al semplice tocco ti indica la via per arrivare all'aula o all'ufficio desiderato sia un beneficio da non sottovalutare.

La pubblicità è uno dei campi, non fermiamoci su questa ma cerchiamo di allargare gli orizzonti dove la comunicazione visiva interattiva potrebbe risolvere problemi e rendere più sostenibile l'impatto ambientale.
Logged


Pages: 1 2 [3]   Go Up
Jump to: