Go Down

Topic: Rilevatore di fughe di gas (Read 6060 times) previous topic - next topic

leo72

Ecchemmefrega  :D
L'importante è che funzioni bene. Come detto, vorrei farci il PCB. Se non funziona, spendo molto di più  ]:D

Michele Menniti


Ecchemmefrega  :D
L'importante è che funzioni bene. Come detto, vorrei farci il PCB. Se non funziona, spendo molto di più  ]:D


Funziona, funziona  ;)
Prima di andare "in stampa" conta su di me  ;)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

leo72


leo72

A distanza astronomica, pubblico il codice per chi volesse replicare il progetto oppure usare parti di esso.
Il codice è rilasciato sotto licenza GNU GPL 3.0.

Ho riscritto lo sketch in modo che sia compatibile con l'IDE 1.0.x. Utilizzo inoltre la mia libreria secTimer come contasecondi (potete scaricarla dal mio sito, link nella mia firma).


leo72

Sì. L'avevo fatto. Me l'ero fatto stampare da un service, è stato il mio primo PCB  :smiley-sweat: :smiley-sweat:
Allego i file Eagle per schema e PCB, nel caso servissero a qualcuno.

Una precisazione. L'allarme sonoro è stato progettato per poter pilotare sia direttamente un buzzer che un relé che a sua volta piloti una sirena più potente, ecco spiegato il diodo ed il transistor. Nel caso si intenda usare un piccolo buzzer da 5V di quelli da circuito stampato, si possono omettere questi componenti e collegare il buzzer (con resistore) direttamente al pin dell'Attiny.

Il circuito si pilota tramite 2 pulsanti ed un jumper, non è difficile capire come opera leggendo i commenti nel codice.

Testato


Il sensore di metano, MQ-7, è sempre collegato a Vcc. Il riscaldamento di cui parlavo, preciso perché sono stato ambiguo, si riferisce al solo sensore MQ-4, quello del monossido.

Hai invertito la descrizione dei due sensori.
Come promesso ho messo mano al mio sensore metano ed ho riletto questo post  :)
Alla fine per l'MQ-4 serve un semplice analogread ed alimentazione fissa a 5V, quindi e' facilissimo, l'MQ-7 invece ha bisogno della gestione dell'alimentazione come l'hai fatta tu, 1,4V e 5V ciclicamente.

Un paio di domande se lo hai ancora in funzione:
- visto che parliamo di un sensore che e' 24/24 sotto alimentazione, e che consuma sui 120mA e si riscalda un bel po' (la resistenza di heater e' solo 30Ohm), mi chiedevo, quanto dura ? non e' che devo cambiarlo ogni mese ?
- Il mio MQ-4 include gia' un OAmp, resistenza di carico quindi decisa da loro, e' tutto smd, in condizioni normali misura sui 20, per salire a 900 sparandogli in faccia il gas di un accendino, che non credo sia metano, ma viene rilevato benissimo. Secondo te a quanto la metto la soglia di allarme ? 200 ? 500 ? bho  :smiley-roll-blue:

grazie
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

leo72


Hai invertito la descrizione dei due sensori.
....
Alla fine per l'MQ-4 serve un semplice analogread ed alimentazione fissa a 5V, quindi e' facilissimo, l'MQ-7 invece ha bisogno della gestione dell'alimentazione come l'hai fatta tu, 1,4V e 5V ciclicamente.

Ops.. mi confondo sempre, non ricordo le sigle.

Quote

- visto che parliamo di un sensore che e' 24/24 sotto alimentazione, e che consuma sui 120mA e si riscalda un bel po' (la resistenza di heater e' solo 30Ohm), mi chiedevo, quanto dura ? non e' che devo cambiarlo ogni mese ?

Bella domanda. Io l'ho tenuto attaccatto per qualche mese nell'ambiente in cui ho la caldaia poi l'ho staccato perché i miei figlioli si erano messi a rompergli le scatole: gli interessavano i led colorati  ;)
Cmq è vero, non so quanto in teoria possono durare, sul datasheet che ho io non c'è la vita media del sensore ma ho paura anch'io che non sia un oggetto che duri molto  :smiley-sweat:

Quote

- Il mio MQ-4 include gia' un OAmp, resistenza di carico quindi decisa da loro, e' tutto smd, in condizioni normali misura sui 20, per salire a 900 sparandogli in faccia il gas di un accendino, che non credo sia metano, ma viene rilevato benissimo. Secondo te a quanto la metto la soglia di allarme ? 200 ? 500 ? bho  :smiley-roll-blue:

Il gas degli accendini non so se è GPL o qualcosa di simile (non fumo quindi non ne ho idea  :smiley-sweat: ).
Però io ho risolto il problema con un pò di logica. Visto che i sensori devono misurare un livello superiore a quello medio inizio riscaldando il sensore per il tempo dato dal data-sheet. Al termine del riscaldamento, faccio un paio di letture e salvo la media come valore ambientale. Con un jumper posso scegliere se usare la soglia 50 oppure 100, a seconda della sensibilità che voglio. In questo modo se ad esempio la lettura ambientale media è 50 e la soglia è fissata a 50, quando la lettura passa 100 inizio a contare gli sforamenti: dopo 3 sforamenti, attivo l'allarme.

Michele Menniti

giovani, anche le vecchie stufe elettriche avevano una resistenza che diventava incandescente al punto da riscaldare una stanza e non si rompevano mai ;) Il riscaldamento di un oggetto, se rientra nelle sue specifiche non ne diminuisce la durata, pensare che un sensore del genere duri qualche mese e poi si bruci è da pessimisti incalliti.
Posso però dirvi che quando installai in montagna un sensore gas da incasso della B-Ticino, ricordo di aver letto che, a prescindere dal suo buon funzionamento, si consigliava vivamente di sostituirlo dopo 5 anni. Nel giro di sei mesi si "fulminò" proprio la R di limitazione del sensore, era di circa 1watt, la sostituii con una da 2watt, era il lontano 2002, ancora funziona tutto. Ogni estate, quando vado per le vacanze, la prima cosa che faccio è chiudere la cucina e aprire tutto il gas, tempo un paio di minuti e si mette a fischiettare allegramente e stacca all'istante l'elettrovalvola del bombolone. Campate tranquilli, salvo basse cineserie....
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Testato

#24
Jul 17, 2013, 10:49 pm Last Edit: Jul 17, 2013, 10:51 pm by Testato Reason: 1
X leo, quindi tu hai usato 50 in piu rispetto al fondo, cioe io ora misuro 20 con analog read e metto 70. Avevo letto fella automemorizzazione del segnale di fondo, idea brillante, pensavo a questo punto di gargliela fare una volta al giorno, visto che è un oggetto che sta acceso 24/24 con il tempo se si altera la risposta del sensore ne tengo conto in questo modo.

X mike
Grazie della tua esperienza sul campo, non mi preocvupo della resistenza in se ma dell influenza del calore sulla parte sensibile, il fatto che non se ne faccia menzione sul datasheet cinese non è buon segno. Per lavoro mi capita di gestire sensoti ossigeno ed oltre a precise tempistiche di sostituzione, ci sono precisi protocolli di calibrazione, cosa assente su questi aggeggi. Per questo mi piace la tua idea di testarlo su campo aprendo il gas.,

Fondamentale logicamente il posizionamento, tu dove lo tieni ? Metterlo vicinissimo ai fornelli, tipo sotto la cappa, credo lo renda inutilizzabile causa vapore, schizxi olio, ecc.

Grazie ancora ad entrambi per i vostri graditi pareri.
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Michele Menniti

Io ho raccontato la storia dell'esperienza diretta, il calore viene fondamentalmente emanato, almeno nel mio caso dalla sua dissipazione e non dal sensore, che è a temperatura ambiente o poco più. Ho dei sensori gas su schedino da testare ma non c'ho mai lavorato, quindi non saprei dirti, penso solo che non possano avere una durata di vita limitata. Dovresti provare a capire cosa scalda e se il sensore scalda di suo o per induzione; nel primo caso non mi preoccuperei, nel secondo allontanerei la fonte di calore e, se è la R, la metterei un bel po' più corposa, risolverndo entrambe le problematiche. Riguardo la precisione, immagino che parliamo di O2 in ambito medico, non puoi certo paragonarlo al gas domestico, lì basta un niente in più ed il paziente lo ubriachi invece di salvarlo.... Il mio sensore è a circa 30-40 cm dal pavimento, semi-nascosto dietro l'ultimo mobile della cucina, a circa 2mt lineari dai fornelli, cappa, ecc, è assolutamente immune, in queste condizioni, da falsi allarmi, sporcizia da fumi, oli, ecc.
Ricordo, visto che anche tu sei stato un lettore di NE, che molti anni fa presentarono un rivelatore di fughe di gas e, al solito, fecero una gran bella lezione teorica, sulle varie tipologie di gas, se non ricordo male consigliavano di mettere due sensori, uno in basso ed uno in alto, per gestire tutti i tipi di gas, e comuqneu fecero delle tabelle, ma sono ricordi vaghi. Tramite sito lo rintracci facilmente il numero della rivista....
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Testato

Quedti sensori hanno alla base del loro funzuonamento proprio il riscaldamento di un avvolgimento, chiamaro heater, da 30ohm, interno alla capsula, quindi è proprio la capsula che scalda ed arriva anche sui 50°

Grazie per il posizionamento,

cercherò l'articolo NE strano non lo ricordi io come abbonamento arrivai a 130 piu o meno
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Etemenanki

Per la durata' e' piu influente quella dello strato di ossido di stagno riscaldato che quella del riscaldatore in se ... comunque, indicativamente, ricordo che sui primi datasheet dei TGS per il gas comune, i produttori davano un degrado significativo delle letture (casi di bruciatura a parte, ovviamente) dopo almeno 5 anni di utilizzo normale ... ed anche, che i sensori per il GPL erano reversibili (gli avvolgimenti di riscaldamento erano 2, simmetrici, uno si usava come riscaldatore ed uno come elettrodo di lettura, e se uno si interrompeva bastava girare il sensore di 180 gradi nello zoccolo per rimettere in funzione il rilevatore, perche' i pin dell'avvolgimento di lettura erano connessi insieme, quindi anche se non scaldava perche' era interrotto in un punto, come elettrodo di lettura funzionava lo stesso :P   ... non so perche' sui nuovi datasheet questi dati non li mettano piu ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Michele Menniti

LX745 (n.106)
LX787 (n.120)
LX920 (n.129)
LX1216 (n.179)
le prime tre dovresti averle.... ;)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Testato

#29
Jul 18, 2013, 08:39 pm Last Edit: Jul 18, 2013, 08:52 pm by Testato Reason: 1
fortunatamente ricordavo male, il mio abbonamento NE si ferma  al n.232, un centinaio di numeri dopo, ma soprattutto quasi 20 anni dopo :)
grazie Mike della ricerca, vado subito a leggere gli articoli

x eten, il giochetto di girare il sensore credo si puo' ancora fare, perche' i pin A e B sono invertibili
il datasheet del mio e' questo, e come vedi non parla di durata possibile dello strato sensibile, che appunto come ho scritto precedentemente e' il mio dubbio, per quanto rigiarda l'heater logicamente se si rompe fine, e' un avvolgimento interno quindi devi cambiarlo per forza. Credo che senza riscaldamento il segnale emesso dal sensore non ha significato

Il datasheet del nostro (cioe' quello usuato da me e leo) e' questo:
https://www.sparkfun.com/datasheets/Sensors/Biometric/MQ-4.pdf


OT: non andavo da tempo sul sito NE, vedo che la situazione e' peggiorata, siamo alla chiusura ? il numero 151 e' stato atteso un anno, cosi' leggo sul gruppo FB ufficiale, e cmq se anche uscito ufficialmente nelle edicole non si trova.
Mi dispiace, e' la rivista con la quale sono cresciuto, abbonato per 20 anni, ma era ormai dal 2007, quando disdissi l'abbonamento, che non avevo piu' speranze di rinnovamento. Hanno perso la corsa di internet, bastava aprirsi all'open source e formare un paio di tecnici interni sui micro
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

Go Up