Go Down

Topic: [Multicotteri] Elettronica : IMU, MCU, Sensori ed algoritmi di controllo (Read 249170 times) previous topic - next topic

MM81

Quote
1.6 di che cosa?
KK2.1 flight controller
Versione FIRMWARE: 1.6,
Versione SOFTWARE 2.15

Lesto, non ho proprio idea se abbia senso o no quello che ho scritto; ho solo copiato le specifiche dalo schermo quando lo accendo e per un attimo compaiono queste scritte. Non saprei scendere nel dettaglio più di così.
Lavoro permettendo provo ad iniziare quella cosa sul mescolamento dei due sensori che avevi accennato, poi se ne riparla, magari il week end, durante la settimana ho pochissimo tempo. ciao.

lesto

si appunto, ma se lui deve fare solo l'hode della ALTITUDINE e non della posizione (e l'altitudine vene già restituita in metri sul livello del mare, se non erro)
Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://telegram.me/joinchat/ALRu8ACkdTdXyz-2P7v13A

astrobeed

Venerdì 17 Enac ha rilasciato la versione 2 del regolamento per gli APR, tralasciando le varie regole per le applicazioni professionali, a partire dall'obbligo delle licenza di volo per i piloti rilasciata da ENAC, per quanto riguarda il settore ludico, che è quello che ci interessa, c'è una importante novità che sta preoccupando molti in attesa di chiarimenti da parte di Enac.
Nella sezione VII, articolo 35, del regolamento, la parte che riguarda gli aeromodelli, il paragrafo 6 cita testualmente:

Code: [Select]


Su un aeromodello utilizzato in un luogo aperto al pubblico non possono essere istallati
dispositivi o strumenti che ne configurino l'uso in operazioni specializzate,



Questo punto è abbastanza sibillino in quanto non viene detto cosa sono questi strumenti, in teoria anche la sola presenza di una GoPro per fare delle riprese può essere considerata sufficiente per qualificare il mezzo come idoneo per le operazioni specializzate.
Probabilmente l'idea del legislatore, in attesa di chiarimenti, è evitare che il solito "furbo" beccato in flagrante attività professionale senza essere in regola dichiari che si tratta di un volo amatoriale per non incorrere nelle pesanti sanzioni.

Per quanto riguarda il discorso FPV amatoriale è già stato chiarito che è sufficiente tenere il drone nell'area di volo prevista, raggio 200 metri altezza 70 metri oppure raggio 300 metri altezza 150 metri per chi è in possesso dell'attestato di pilota aeromodelli, con possibilità di tenere costantemente in contatto visivo diretto il drone.
Più semplicemente, si può volare in fpv con il monitor o il visore, però deve essere sempre possibile pilotare a vista il modello in qualunque momento.
In alternativa il doppio comando, tramite due radio e l'apposito cavo, dove un pilota usa il visore/monitor e il secondo pilota può prendere in qualunque momento il controllo del drone con la sua radio, che poi è la stessa cosa che si fa per la scuola di pilotaggio con i principianti.



Usare il GOTO in C è ammettere la propria sconfitta come programmatore

astrobeed

Arrivata da parte di ENAC il chiarimento sul articolo 35 che riguarda gli aeromodelli.

Quote
In un'intervista al Corriere della Sera, l'ingegner Cardi di Enac interviene sula questione smorzando le polemiche: "ENAC non intende certo limitare le riprese ad uso personale", il comma è stato inserito per smascherare gli abusivi che fanno operazioni specializzate mascherandole da attività aeromodellistica: l'uso di sensori a infrarossi, radar, sonar invece fa presumere che il drone sia in realtà un SAPR, e quindi all'"aeromodellista" rimane l'onere di dimostrare che invece stava solo giocando. certo, nessuno proibisce di giocare con una termocamera, ma bisognerà essere molto convincenti.
In pratica nessun problema per l'uso della classica GoPro, o altro tipo di camera, su i droni ad uso aeromodellistico, rimangono validi tutti i vari limiti imposti per questo genere di attività e il divieto assoluto di volare sulle persone, ma questo è sempre esistito e chi ha un minimo di esperienza aeromodellistica lo sa bene.
Interessante anche il chiarimento su i droni con peso non maggiore di 300 grammi utilizzabili senza patentino/licenza anche a livello professionale, sono considerati innocui, il che permette ai ragazzini, ma anche agli adulti, di giocare con i droni di piccole dimensioni in un parco, ma anche in una piazza, senza rischiare il sequestro e pesanti multe, vale sempre il divieto di sorvolo sulle persone.

Usare il GOTO in C è ammettere la propria sconfitta come programmatore

gorthan

In collegamento a questo 3d .

Buona sera a tutti.

Come ho già detto nell'altro 3d sono nuovo del campo e mi appresto a costruire un u300 per imparare prima di tutto.

Avevo intenzione di montare sul telaio una freeIMU prima di tutto perchè consigliata poi perchè mi sembra un progetto mantenuto bene con frequenti aggiornamenti, il tutto accoppiato ad una arduino mini pro da 16 mhz che ho già.

Come controller avevo intenzione di prendere il tunigy 9x in quanto un domani vorrei riutilizzarlo per altro e insieme c'è anche il controller.

Ho bisogno di due informazioni se a voi risultano: se sul telecomando risulta lo stato della batteria rimanente e se posso utilizzare un canale del trasmettitore per trasmettere video. L'idea era di inviare il video (magari con questa peso permettendo visto che pesa 13g(solo camera) +85 di telaio + 98 di batteria + 72 motori =268g manca però arduino imu ed esc però penso di starci sotto i 300g) sul cellulare android e se quindi devo accoppiare un'altro trasmettitore o no e se sapete quanto pesa.

Grazie

G.


astrobeed

In collegamento a questo 3d .
Sarò molto sintetico, nessuno usa più Arduino per far volare un multi, primo perché pone troppi limiti per via della limitata capacità di calcolo, secondo perché ci sono ottime f.c. con processore a 32 bit, complete di imu, che costano meno del solo Arduino, p.e. la CC3D.
Usare il GOTO in C è ammettere la propria sconfitta come programmatore

gorthan

Sarò molto sintetico, nessuno usa più Arduino per far volare un multi, primo perché pone troppi limiti per via della limitata capacità di calcolo, secondo perché ci sono ottime f.c. con processore a 32 bit, complete di imu, che costano meno del solo Arduino, p.e. la CC3D.
Perfetto...come cade un mito.. :( Ok approfondirò.

Grazie

Astro

astrobeed

Sto lavorando su un convertitore di protocollo tra Grapuner SUMD e Futuba SBUS, questo perché tutte le f.c. in ingresso accettano l'SBUS mentre nessuna, o quasi, accetta il SUMD.
Il motivo per cui sto realizzando questo convertitore è che ormai sono passato a radio Graupner Hott sulle cui riceventi è disponibile sia il PPMSUM che il SUMD col vantaggio che nel secondo caso è possibile ottenere tutti i canali della trasmittente anche con le economiche riceventi a sei canali, inoltre la precisione e la risoluzione offerta dal SUMD è maggiore.
Il protocollo SUMD è abbastanza simile a quello SBUS, tutti e due vanno a 115200 8,n,1 però l'SBUS usa una logica invertita, idle a 0, rispetto a quella standard delle UART, tutti e due usano un header seguito da una serie di byte che contengono il valore dei vari canali, risoluzione a 11 bit per l'SBUS, 12 bit per SUMD, il pacchetto dati SBUS ha una lunghezza fissa di 25 byte, il pacchetto dati SUMD ha una lunghezza variabile in base al numero di canali trasmessi, quanti sono è specificato nel header.
Sto facendo i primi test con una MEGA 2560 perché mi servono due seriali hardware, impossibile usare le seriali software a 115200 bps con un traffico elevato come nel caso di questi bus, una volta messo a punto il software lo trasporto sul ATtiny 841, ha le due seriali hardware e un case di solo 14 pin in modo da poter realizzare il definitivo su un piccolo pcb che farà da bridge tra la ricevente HoTT e la f.c.
Per il momento ho pronta la parte software che acquisisce i valori dei canali dal protocollo SUMD, devo scrivere la parte per l'out in SBUS.
Usare il GOTO in C è ammettere la propria sconfitta come programmatore

Go Up
 


Please enter a valid email to subscribe

Confirm your email address

We need to confirm your email address.
To complete the subscription, please click the link in the email we just sent you.

Thank you for subscribing!

Arduino
via Egeo 16
Torino, 10131
Italy