Go Down

Topic: Collegamento e misura tensione da trasformatore (Read 2874 times) previous topic - next topic

Martinix


Quote
anzi, di dico di più e te lo consiglio vivamente......

se dovessi fare per me la cosa, userei uan bella optocopia, per disaccoppiare le due tensioni (misciarle assime non mi piace come idea)

e cosi lavorare su arduinino con i suoi 5v, sempra una complicazione innutile, ma in realtà è la cosa più sicura e saggia da fare, almeno secondo mè!

MAndi


Ti posso garantire che se la sorgente (in questo caso il trasformatore) ha per natura una tensione non superiore a 5Volts non si corre alcun rischio. Per andare sul sicuro si può usare una R di caduta da circa 1K ed un diodo da 5.1Volts.

Comuque quello schema non è adatto, si entra sempre con una resistenza in serie ed opzionalmente un diodo zener e condensatore 100nF (nano farad). Anche in caso di sbalzo di tensione momentaneo non accade nulla ad arduino e se il rischio di uno sbalzo di tensione che perdura ci sono i varisistori e i fusibili che risolvono.

Ciao.


si vero, concordo, ma è una mia fissa, che quando uso "sorgenti" diverse tendo ad isolare le cose...mi da molta più sicurezza  :D (credo sia una mia fissa!!!)
vero che si puo usare anche il relè (forse mooooolto più semolicemente... non mi era vanuta in mente  :smiley-sweat: :smiley-roll-blue:)
Le informazioni date, son suggerimenti, osservazioni, ma come le applicate è a vostro rischio e pericolo!

CrAsHeR


Non hai capito, al posto del trasformatore che vorresti mettere, ci metti un rele


Spiegati meglio, così suona già diversamente :)
Mi servirebbe un relè che si eccita a 230V, ma come faccio ad ottenere 5V in uscita dal relè per mandarli su Arduino?
Fino ad ora ho visto solo relè con stadio pilota che si eccitano a 5V e in uscita mandano 230V, ma non il contrario.
Mi interessa questa soluzione perchè sarebbe anche più pulita :)

Martinix

allora, tieni conto che un rele è null'altro che una specie di interruttore comandato.

- ora il "comandante" è una tensione nota che ecita una bobina equi abbiamo bobine a +5vdc +12vdc ma anche a 220vac (quella che potrebbe fare per te)

- i contatti invece, son semplici contatti pezzettini di rame che si toccano, e li tu puo metterci qualsiai tensione e corrente (entro certi limiti indicati)

quindi, la bobina la ecciti con la 220Vac mentre sui contatti ci metti i 5vdc che arduino ti da. e li mandi all'ingresso da te desiderato, credo sia la soluzione più semplice ed efficace!

MAndi
Le informazioni date, son suggerimenti, osservazioni, ma come le applicate è a vostro rischio e pericolo!

CrAsHeR


allora, tieni conto che un rele è null'altro che una specie di interruttore comandato.

- ora il "comandante" è una tensione nota che ecita una bobina equi abbiamo bobine a +5vdc +12vdc ma anche a 220vac (quella che potrebbe fare per te)

- i contatti invece, son semplici contatti pezzettini di rame che si toccano, e li tu puo metterci qualsiai tensione e corrente (entro certi limiti indicati)

quindi, la bobina la ecciti con la 220Vac mentre sui contatti ci metti i 5vdc che arduino ti da. e li mandi all'ingresso da te desiderato, credo sia la soluzione più semplice ed efficace!

MAndi


Allora..penso di aver capito quello che intendi.
Ho letto qualche documento sui relè e adesso è molto più chiaro come funzionano e il fatto che i due "circuiti" possono lavorare a tensioni differenti.
Detto questo, ho tirato giù questa bozza



Ricapitolando:
[1] La bobina è eccitata dai 220V
[2] sui contatti di "uscita" praticamente, vado a mettere i 5V che mi da Arduino.
[3] Quando la bobina si eccita, i contatti in uscita si chiudono, cioè praticamente i 5V in ingresso fluiscono sull'altro filo posto in uscita.

Inoltre, finora mi è sempre tornato strano il fatto che in un punto, 5V e GND si unissero; per quel poco che so di elettronica, questo causerebbe un banale cortocircuito. Viceversa però, e correggetemi se sbaglio, utilizzando una resistenza di pull-down (o viceversa di pull-up), si evita il corto proprio perchè la corrente fluisce nella resistenza.

Quote
Inoltre, finora mi è sempre tornato strano il fatto che in un punto, 5V e GND si unissero; per quel poco che so di elettronica, questo causerebbe un banale cortocircuito. Viceversa però, e correggetemi se sbaglio, utilizzando una resistenza di pull-down (o viceversa di pull-up), si evita il corto proprio perchè la corrente fluisce nella resistenza.


Pensa agli estremi, zero ed infinito, tutto quello che sta in mezzo lo ottieni con una resistenza. Un circuito chiuso vale 0 (corto), uno aperto vale 1 (infinito), se vuoi un circuito che non sia ne 1 ne 0 devi usare una resistenza.

Occhio che è una semplificazione e non un spiegazione tecnica.

Quel disegno però non corrisponde alla descrizione che hai dato sotto che è corretta, ma una disegno corretto e più esplicativo di mille parole.

Ciao.
AvrDudeQui front end per avrdude https://gitorious.org/avrdudequi/pages/Home

Martinix

#20
Jan 12, 2012, 02:06 pm Last Edit: Jan 12, 2012, 02:19 pm by Martinix Reason: 1
quasi ci siamo!
solo che lo schema qui riportato è al quanto oscuro e credo anche un pò sbagliatino (almeno da come lo interpreto io).

purtoppo come ti ho detto non riesco a mettere le immagini (o non so farlo qui), se mi mandi il tuo mail in privato te la spedico li (so che nn è corretto... ma ste immagini mi fan impazzire)

forse ho risolto..qui puoi vedere lo schema come lo farei io. ho messo un rele a 2 vie..ma per te è sufficiente uno ad un solo contatto!

http://imageshack.us/photo/my-images/585/ardu2.jpg/
Le informazioni date, son suggerimenti, osservazioni, ma come le applicate è a vostro rischio e pericolo!

CrAsHeR


Quote
Inoltre, finora mi è sempre tornato strano il fatto che in un punto, 5V e GND si unissero; per quel poco che so di elettronica, questo causerebbe un banale cortocircuito. Viceversa però, e correggetemi se sbaglio, utilizzando una resistenza di pull-down (o viceversa di pull-up), si evita il corto proprio perchè la corrente fluisce nella resistenza.


Pensa agli estremi, zero ed infinito, tutto quello che sta in mezzo lo ottieni con una resistenza. Un circuito chiuso vale 0 (corto), uno aperto vale 1 (infinito), se vuoi un circuito che non sia ne 1 ne 0 devi usare una resistenza.

Occhio che è una semplificazione e non un spiegazione tecnica.

Quel disegno però non corrisponde alla descrizione che hai dato sotto che è corretta, ma una disegno corretto e più esplicativo di mille parole.

Ciao.


Perfetto..finalmente comincio a capirci qualcosa.
Lo so, il disegno non piaceva neanche a me (perchè quel relè mi sembrava più uno switch..)! Però credo di aver capito!


quasi ci siamo!
solo che lo schema qui riportato è al quanto oscuro e credo anche un pò sbagliatino (almeno da come lo interpreto io).

purtoppo come ti ho detto non riesco a mettere le immagini (o non so farlo qui), se mi mandi il tuo mail in privato te la spedico li (so che nn è corretto... ma ste immagini mi fan impazzire)

forse ho risolto..qui puoi vedere lo schema come lo farei io. ho messo un rele a 2 vie..ma per te è sufficiente uno ad un solo contatto!

http://imageshack.us/photo/my-images/585/ardu2.jpg/


Come sopra, nel mio disegno, quel relè mi sembra più uno switch.
Perfetto! L'immagine si vede perfettamente e, fortunatamente, ho capito come funziona!
L'unica cosa è che io preferirei ragionare in logica "negativa": tu hai inserito nel disegno sopra una resistenza di pull-up che dovrebbe farmi leggere tramite arduino un "1" o HIGH, quando non c'è tensione, 0 altrimenti.
Preferirei utilizzarne una di pull-down (mettendo la resistenza in serie col GND prima dell'ingresso al relè) in modo da ragionare in logica positiva. HIGH se c'è tensione, LOW altrimenti.
Ultima domanda da stupido, e con questo credo di aver esaurito l'argomento: è indifferente collegare il relè a GND o a 5V? (credo lo sia..ma non si può mai sapere :))
Grazie a tutti per l'infinito aiuto che mi avete dato! ;)

Martinix

l'importante è capire il concetto, poi ognuno "lavora" come è più comodo  XD

si puoi collegare il relè a +5vcc (io l'ho collegato a gnd mi trovo meglio e perchè un guru che lavora con noi mi aveva detto "dove puoi collegali sempre a massa" e la sua parlo per mè e vangelo hihihhihi  XD)

Le informazioni date, son suggerimenti, osservazioni, ma come le applicate è a vostro rischio e pericolo!

CrAsHeR


l'importante è capire il concetto, poi ognuno "lavora" come è più comodo  XD

si puoi collegare il relè a +5vcc (io l'ho collegato a gnd mi trovo meglio e perchè un guru che lavora con noi mi aveva detto "dove puoi collegali sempre a massa" e la sua parlo per mè e vangelo hihihhihi  XD)




Grazie a tutti quelli che sono intervenuti nella discussione..siete stati gentilissimi! ;)

Go Up