Go Down

Topic: ATTiny 45 board usb (Read 5 times) previous topic - next topic

Testato

#55
Apr 07, 2012, 11:13 pm Last Edit: Apr 07, 2012, 11:17 pm by Testato Reason: 1
mi manca qualche elemento perche' non ti seguo.
Se io voglio programmare un 328P con uno sketch che andra' a creare la v-usb (in qunto la v-usb e' un codice), perche' non potrei farlo via ISP ? O carico un blink via ISP o carico V-USB via ISP cosa cambia ?

Questo e' un progetto ufficiale v-usb, credo il primo in assoluto, il concetto che vedo e' proprio quello che sto' esprimendo, un solo micro, programmato via ISP, che si connette ad un pc via USB

Nessuno lo chiama metaboard, e' l'implementazione della v-usb nel suo concetto base secondo me
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

flz47655

#56
Apr 08, 2012, 12:20 am Last Edit: Apr 08, 2012, 12:24 am by flz47655 Reason: 1
Una prova così tanto per provare: avete provato con un cavo molto corto USB per alta velocità con quell' "tondino" per eliminare i disturbi che ora non mi ricordo come si chiama ma che è ad esempio sui cavi di alimentazione dei portatili e vedere se la situazione migliora (lo si può prendere in prestito dall'hard disk usb ad esempio)

Secondo me anche il design della millifori influisce quando si lavora con segnali ad alta velocità e con timing molto precisi, bisognerebbe fare alcune prove magari copiazzando qualche design esistente e funzionante.

Un buon oscilloscopio probabilmente è necessario per capire cosa sta succedendo senza andare alla cieca

Io sinceramente ho ordinato alcuni convertitori USB-UART per alcuni progetti http://www.aliexpress.com/product-gs/492071325-CP2102-Serial-Converter-USB-2-0-To-TTL-UART-6PIN-Module-OT814-wholesalers.html e ho chiuso il discorso, rischiavo un esaurimento a stare dietro a V-USB senza l'adeguata strumentazione per fare debug altrimenti

Ciao

niki77

A me sinceramente funziona anche Su una breadboard da 2 euro con cavi volanti...
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

astrobeed


Mettiamo dei paletti:


Si hai ragione mettiamo dei paletti  :)
Prima di tutto vi consiglio caldamente di scaricarvi l'A.N.  AVR309 di Atmel, con il relativo codice, dove spiega come realizzare una comunicazione USB di tipo CDC ACM (seriale virtuale) tramite emulazione software, che come ho già detto altre volte è si possibile, ma ci sono grossi limiti.
Se vi leggete l'AN di Atmel vi appare subito chiaro come stanno realmente le cose, tanto per cominciare il micro viene alimentato a 3.3V e non a 5V, il clock deve essere tassativamente un quarzo da 12 MHz, questo per via delle temporizzazioni imposte dalla USB.
Potete ottenere solo un device che va in Low Speed (1.5 mbps) e che fa solamente ed esclusivamente il convertitore USB seriale, oppure un canale dati HID, con la possibilità di comandare da USB svariati pin per farli commutare di stato, nulla di più ovvero potete scordarvi di farci girare sopra del software utente, tanto meno degli sketch di Arduino, perché tutte le risorse e tutto il tempo cpu sono impegnati per gestire la USB.
Da notare che il software Atmel, sia per ATmega8 che per Attiny 2313, è scritto in Assembler per via della criticità dei vari timing, si può fare anche in C ANSI, ammesso di essere molto esperti, ma non certo con un compilatore limitato come l'avr-gcc che per la cronaca non è il massimo dell'efficienza con gli AVR.
Il software Atmel usa un driver dedicato, c'è solo per Windows, e mette a disposizione un demo in Delphi per testare tutte le funzionalità, se lo provate e realizzate bene il circuito, semplicissimo però deve essere montato a regola d'arte, state pure certi che funziona come atteso.
Rimane valido il limite della lunghezza cavo perché manca il transciever hardware per la USB, due GPIO non sono la stessa cosa anche se riescono ad emularlo in parte, difficilmente riesce a funzionare con un cavo più lungo di 1 metro.

BrainBooster


Go Up