Pages: [1]   Go Down
Author Topic: Valutazione difficoltà progetto  (Read 502 times)
0 Members and 1 Guest are viewing this topic.
Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Salve a tutti voi  smiley
Vorrei sapere quale pensate sia il grado di difficoltà di questo progetto, e quindi in grandi linee, se sarei in grado di realizzarlo smiley-grin

Vorrei creare un piccolo modellino ( piccolo indicativamente, dipende da quanto grande sarà meglio farlo...) con due ruote, ad entrambi i lati.
Imitando quei famosi "monopattini" o come si chiamano che rimangono sempre inpiedi e si usano per andare in giro smiley-grin
Se ci riesco, in seguito, mi piacerebbe renderlo radiocomandato, nelle quattro direzioni... ma direi che sto pensando troppo in là  smiley-roll

Sò che si deve usare un accelerometro o simili, ma non ho la minima idea di come si implementi con Arduino.

Contate che mi piace programmare, anche se sono quasi alle prime armi ( conosco un poco di assembler, C++ a livello scolastico, un pò di programmazione ad oggetti in C++ da autodidatta ).
E di elettronica, anche se faccio un ITI, non ho mai fatto nulla del genere. (tipo, i due motori di che tipo mi servono? Come li interfaccio con arduino?)

Dite che è fattibile con un pò di impegno?
Dite che mi costerà molto?
« Last Edit: March 21, 2012, 01:55:47 pm by Mosc » Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 213
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Intendi i segway?

Per quanto riguarda il costo direi proprio di si.

Per la realizzazione invece prova a guardare su google self balancing arduino. Non vorrei sparare una ca...ta ma il principio dovrebbe essere lo stesso.
Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Intendi i segway?

Per quanto riguarda il costo direi proprio di si.

Per la realizzazione invece prova a guardare su google self balancing arduino. Non vorrei sparare una ca...ta ma il principio dovrebbe essere lo stesso.

Si ma non devo fare nulla del genere, dovrebbe essere un modellino (tipo macchinina radiocomandata) che l'unica cosa che fà è tenere in piedi se stesso o un piccolissimo peso (qualche scheda aggiuntiva).
Cosa c'è di costoso?  smiley-sweat
Logged

piacenza
Offline Offline
God Member
*****
Karma: 0
Posts: 684
prima della pazzia c'è la passione
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

ciao
dai una occhiata qua
http://www.gioblu.com/tutorials/robotica/295-robot-self-balancing-con-arduino-e-4-led

stefano
Logged


Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 213
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Quote
Si ma non devo fare nulla del genere, dovrebbe essere un modellino (tipo macchinina radiocomandata) che l'unica cosa che fà è tenere in piedi se stesso o un piccolissimo peso (qualche scheda aggiuntiva).
Cosa c'è di costoso?

Scusa pensavo volessi realizzarne uno di dimensioni reali.  smiley-red

Penso che se a casa non hai niente, dovresti riuscire a stare sotto 100 euro.
Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset


Grazie mille, lo terrò in considerazione  smiley-twist
Ma perchè si consiglia questo metodo piuttsto che l'utilizzo di un accelerometro (ad un asse penso)
Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 213
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Perche 4 led costano meno di un accelerometro smiley
Logged

Rome (Italy)
Offline Offline
Tesla Member
***
Karma: 134
Posts: 9687
"Il Vero Programmatore ha imparato il C sul K&R, qualunque altro testo è inutile e deviante."
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Perche 4 led costano meno di un accelerometro smiley

Vero, però un balancing robot realizzato in quel modo può solo rimanere in equilibrio da fermo e spostarsi a bassissima velocità per brevi tratti, basta una leggerissima pendenza per fargli perdere l'equilibrio.
Un vero balancing robot richiede l'utilizzo di un giroscopio, ne basta uno mono asse, e un accelerometro ad almeno due assi da far lavorare in sensor fusion.
Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset


Vero, però un balancing robot realizzato in quel modo può solo rimanere in equilibrio da fermo e spostarsi a bassissima velocità per brevi tratti, basta una leggerissima pendenza per fargli perdere l'equilibrio.
Un vero balancing robot richiede l'utilizzo di un giroscopio, ne basta uno mono asse, e un accelerometro ad almeno due assi da far lavorare in sensor fusion.


Il che è molto complicato per uno alle prime armi?
Si trova materiale per imparare a interfacciare giroscopio e accelerometro con Arduino?

Grazie mille  smiley-twist

p.s. Il tempo non è un problema  smiley-lol
Logged

Rome (Italy)
Offline Offline
Tesla Member
***
Karma: 134
Posts: 9687
"Il Vero Programmatore ha imparato il C sul K&R, qualunque altro testo è inutile e deviante."
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Si trova materiale per imparare a interfacciare giroscopio e accelerometro con Arduino?

Il problema non è interfacciare i sensori, a seconda del modello o lo utilizzi tramite ADC, sconsigliato per via della bassa risoluzione offerta da Arduino (solo 10 bit), oppure tramite I2C o SPI.
Il vero problema è realizzare il software che usa i sensori, serve il Kalman, il pid per la gestione del pendolo inverso e tante altre cosette, insomma non è una realizzazione per un principiante.
L'alternativa è seguire il progetto di Gioblu, molto semplice ed economico, però i risultati ottenibili li vedi chiaramente nei video, c'è sicuramente un margine di miglioramento lavorando molto sul software, ma non pensare di poter fare molto di più.

Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Si trova materiale per imparare a interfacciare giroscopio e accelerometro con Arduino?

Il problema non è interfacciare i sensori, a seconda del modello o lo utilizzi tramite ADC, sconsigliato per via della bassa risoluzione offerta da Arduino (solo 10 bit), oppure tramite I2C o SPI.
Il vero problema è realizzare il software che usa i sensori, serve il Kalman, il pid per la gestione del pendolo inverso e tante altre cosette, insomma non è una realizzazione per un principiante.
L'alternativa è seguire il progetto di Gioblu, molto semplice ed economico, però i risultati ottenibili li vedi chiaramente nei video, c'è sicuramente un margine di miglioramento lavorando molto sul software, ma non pensare di poter fare molto di più.

Mmmh capisco... grazie mille della spiegazione!
Logged

Offline Offline
Full Member
***
Karma: 0
Posts: 103
View Profile
 Bigger Bigger  Smaller Smaller  Reset Reset

Si trova materiale per imparare a interfacciare giroscopio e accelerometro con Arduino?

Il problema non è interfacciare i sensori, a seconda del modello o lo utilizzi tramite ADC, sconsigliato per via della bassa risoluzione offerta da Arduino (solo 10 bit), oppure tramite I2C o SPI.
Il vero problema è realizzare il software che usa i sensori, serve il Kalman, il pid per la gestione del pendolo inverso e tante altre cosette, insomma non è una realizzazione per un principiante.
L'alternativa è seguire il progetto di Gioblu, molto semplice ed economico, però i risultati ottenibili li vedi chiaramente nei video, c'è sicuramente un margine di miglioramento lavorando molto sul software, ma non pensare di poter fare molto di più.


Un'ultima domanda, c'è un modo per imparare qualcosina su questo tipo di programmazione; senza spendere soldi per componenti?

Cioè, se volessi imparare... come potrei fare?  smiley-red
« Last Edit: March 22, 2012, 02:35:39 pm by Mosc » Logged

Pages: [1]   Go Up
Jump to: