Go Down

Topic: Consiglio per indirizzare 12 led e controllo remoto (Read 5193 times) previous topic - next topic

critical

@Michele sono riuscito a trovare un negozio che ha il transistor che mi hai consigliato :). Appena riesci riusciresti a dirmi se resistenze, alimentazione e massa del circuito sono corretti?
Grazie!

Michele Menniti


@Michele sono riuscito a trovare un negozio che ha il transistor che mi hai consigliato :). Appena riesci riusciresti a dirmi se resistenze, alimentazione e massa del circuito sono corretti?
Grazie!

Scusa ma ieri mi sarà sfuggito il tuo post altrimenti ti avrei risposto subito :~
Allora, il circuito va bene, devi solo collegare il GND delle batterie e della breadboard al GND di Arduino, altrimenti non ti funziona nulla; anche la R da 4,7 ohm va bene ma che sia 3W; il BC337 (B-C-E) se è di qualità sopporta da 500 a 800mA, se non lo è può farti scherzi; nel dubbio puoi prendere un BD137 (E-C-B) o similari, molto più potente, oppure un 2n2221 o 2n2222, una buona via di mezzo (forse il BD137 costa meno del 2n2222); questi hanno il vantaggio di essere metallici e quindi dissipano meglio il calore ma puoi anche alettarli.
Insomma il transistor non è critico come modello, l'importante è che sia in grado di lavorare con correnti > 500mA, se poi è 1A meglio ancora.
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Tranquillo figurati, grazie mille invece!!! Avanzi uno spritz :)!
Ti avverto già che se ho problemi con la parte del controller remoto con infrarossi ti scrivo qua.... XD così avanzi 2-3 spritz!
Grazieeee

Michele Menniti


Tranquillo figurati, grazie mille invece!!! Avanzi uno spritz :)!
Ti avverto già che se ho problemi con la parte del controller remoto con infrarossi ti scrivo qua.... XD così avanzi 2-3 spritz!
Grazieeee

ma figurati, solo che col controllo remoto non ho mai lavorato, però ce ne sono tanti, vedrai che ti aiuteranno alla grande, comunque io ti seguo finché non funziona tutto, non preoccuparti ;)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Come vedi non c'ho messo tanto a chiederti aiuto. Hai sottolineato il fatto di usare resistenze da 3W come mai? Usarne da 1/4W al 1%?

Michele Menniti

No, leggi bene: 1 resistenza da 3W che è quella che limita la corrente dei led, se la usi da ¼ watt ti prende fuoco; l'altra può essere benissimo da 1K ¼ watt; 1% è la tolleranza, nel tuo caso non serve a niente, vanno benissimo entrambe al 5%
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Imparato una cosa nuova anche stasera :) ora so che anche la potenza è importante su una resistenza :smiley-red:!!
Grazie Michele

Michele Menniti


Imparato una cosa nuova anche stasera :) ora so che anche la potenza è importante su una resistenza :smiley-red:!!
Grazie Michele

La potenza è direttamente proporzionale alla corrente che scorre nella resistenza; aumentando la corrente aumenta la temperatura da dissipare, se la potenza della R non è adeguata surriscalda e può anche prendere fuoco; le potenze delle R vanno di norma da 1/8 watt (per segnali) ed arrivano tranquillamente a 25/50W. Per applicazioni speciali ne esistono di più potenti. Nell'uso comune, pilotaggio di transistor o un solo led o trasmissione di segnali si usano quelle da 1/4 watt, quando bisogna far passare maggiore corrente occorre calcolarne la potenza. Nel tuo caso ho abbondato di brutto, ma perché tu vuoi realizzare una lampada ed io non so dove va a finire questa R, se venisse chiusa in un ambiente molto ristretto, considerando p.es. la piena estate, la temperatura potrebbe salire parecchio, deve essere qualcosa che duri per sempre, è lo stesso principio per cui abbiamo diminuito la corrente rispetto a quella massima.
In realtà la potenza si misura W = V * I = (5-3,3)*.24 = 0,4 W, cioè ½ watt, poiché devi sempre sovradimensionare pensiamo ad 1W, raddoppiamo per le condizioni proibitive, diciamo che va benissimo anche da 2W; se la metti da 3W no si brucia neanche col napalm :smiley-mr-green: :smiley-mr-green: (va benissimo da 2W, avevo fatto i conti al volo...).
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Cavoli avere avuto te come professore di fisica sarebbe stato molto ma molto meglio :) :)!!!!
Spiegazione chiarissima!! grazie!!

Michele Menniti


Cavoli avere avuto te come professore di fisica sarebbe stato molto ma molto meglio :) :)!!!!
Spiegazione chiarissima!! grazie!!

meno male che ogni tanto qualcuno si accorge di che mestiere faccio, serve a dissipare dubbi interiori :)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Eccomi nuovamente. Mi sono messo a guardare la parte per il controllo remoto e ho optato per un telecomando compatibile, anziché farlo da me, e come receiver un TSOP2438 con frequenza di rilevazione a 38KHz. Questo richiede come alimentazione 4,5V- 5,5V e un assorbimento di max 5mA. Ora cercando in Internet guide ed esempi (http://www.dadacode.it/it/arduino-telecomando-tv/, http://letsmakerobots.com/node/29634) ho visto che nessuno ha usato una resistenza è corretto? Poi altro dubbio con l'aggiunta di questo sensore l'alimentazione da 4,5V è ancora sufficiente o devo aumentarla? Se si a quanto e devo anche ritarare le resistenze tra il piedino C del transistor e l'alimentazione giusto?
Ho cambiato il transistor con un 2n2222A che dissipa meglio come ha suggerito @Michele, questo però ha come corrente massima del collettore 0.8A posso aver problemi se eventualmente aumento il voltaggio di alimentazione?

Domanda di carattere generale :~ c'è qualche regola che mi permette di capire quanti V sono necessari per alimentare un circuito?

Grazie a tutti!!

Michele Menniti

Il + dell'alimentazione del TSOP lo devi interrompere con una R da 100 ohm ¼ watt; tra Vcc e GND del TSOP devi mettere un condensatore da 47µF elettrolitico 10-16V.

L'alimentazione da 4,5V dovrebbe essere sufficiente ma questo lo puoi appurare trovando il datasheet del TSOP, lì c'è scritto tutto.

Un circuito si alimenta con le tensioni richieste dai suoi componenti, nel tuo caso 5V vanno bene, forse ti riferisci alla corrente assorbita: in linea di massima è la somma delle correnti di assorbimento previste per i singoli componenti, e lì ti fai un'idea, poi raddoppia quel valore e stai in una buona situazione. Nel tuo caso hai 240mA dei LED, poi hai 5mA del TSOP, devi sommare il consumo del transistor, ma parliamo sempre di pochi mA (v. sempre datasheet), quindi ti servono circa 500mA; ora bisogna vedere che tipo di batterie usi, sono proprio le duracell da 1,5 o piuttosto le ricaricabili? in questo caso te ne servono proprio 4, perché la tensione nominale è 1,2V. Sul telecomando, come detto, non riesco ad aiutarti; fai un po' di prove ed in caso specifica cosa hai usato, eventuali problemi, messaggi ecc.; cioè metti gli altri in condizione di capire qual è il problema per darti una mano.
Aggiungo che sarebbe meglio provare PRIMA la sezione LED da sola, e poi aggiungere la parte del telecomando
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

critical

Ho aggiornato lo schematic con il condensatore e la resistenza (che avevo intuito che servisse e con quel valore :)) il condensatore dopo la resistenza vero? Fa differenza se prima o dopo giusto? Si brucerebbe il condensatore?
Ma quello che non mi è chiaro è perché gli esempi non l'hanno usato.
Io come alimentazione pensavo di usare pile Duracell da 1.5V non le ricaricabili e pensavo di usarne 3 o me ne servono in ogni caso 4?
Si si ovviamente procedo per step prima i led e poi il sensore :).

Grazie

BrainBooster

Dallo schema sembra tutto corretto, la posizione del condensatore và bene, deve essere più vicino possibile al ricevitore ir, perchè il suo compito è di sopprimere i disturbi sulla linea di alimentazione e fornire una tensione di riferimento stabile el ricevitore ir.
il datasheet è qui:
http://www.farnell.com/datasheets/30487.pdf
la tensione di alimentazione và bene così per quel sensore, visto che accetta tensioni da - 0.3 a +
6.0V.

Michele Menniti


Ho aggiornato lo schematic con il condensatore e la resistenza (che avevo intuito che servisse e con quel valore :)) il condensatore dopo la resistenza vero? Fa differenza se prima o dopo giusto? Si brucerebbe il condensatore?

No, il condensatore non si brucia, però devi attaccarlo ai pin del TSOP perché svolga la sua funzione di serbatoio di energia nei picchi di assorbimento.

[quote ]
Ma quello che non mi è chiaro è perché gli esempi non l'hanno usato.
[/quote]
non è che ogni cosa pubblicata su Internet sia perfetta, anzi la rete è stracolma di fesserie.
Quote

Io come alimentazione pensavo di usare pile Duracell da 1.5V non le ricaricabili e pensavo di usarne 3 o me ne servono in ogni caso 4?

Vanno bene tre, sempre che il datasheet del TSOP ti dica che vanno bene 4,5V (considera poi che iniziano a scaricarsi...) devi vedere la capacità che hanno per capire quanto ti possono durare. Comunque quando avrai finito tutto liberiamo Arduino e ci mettiamo un bel micro in stand-alone e lì utilizzeremo un alimentatore  normale  ;)
Guida alla programmazione ISP e seriale dei micro ATMEL (Caricare bootloader e sketch):
http://www.michelemenniti.it/Arduino_burn_bootloader.php
Guida alla Programmazione ATmega328 noP:
http://www.michelemenniti.it/atmega328nop.html
Articoli su Elettronica In:
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Go Up