Go Down

Topic: [OT] PIC, 8051, MCU e CPU varie (Read 508909 times) previous topic - next topic

BaBBuino

#30
Sep 30, 2013, 07:54 pm Last Edit: Sep 30, 2013, 08:22 pm by leo72 Reason: 1


Circa il Professionale, lamento il fatto che, discorrendo con vari professionisti del settore, quando gli parli di PIC storcono il naso,


Allora non sono professionisti del settore :)
Premesso che non esiste il micro/mcu ideale che va bene per tutto di sicuro Microchip offre un ampia di gamma di mcu che spaziano dall'uso generico a modelli verticalizzati per applicazioni particolari.
Personalmente uso Microchip quando non ho vincoli di progetto, in alternativa Atmel solo se mi viene imposto, non voglio aprire un flame Microchip vs Atmel perché non ha alcun senso proprio per il motivo che non esiste la mcu ideale, ci sono applicazioni dove Microchip offre mcu che vanno meglio e altre applicazioni dove le mcu Atmel vanno altrettanto bene.

Quote

Per esempio, la ditta di firmware a cui si appoggia la mia Azienda, va matta per i Fujitsu, un altro collega mi riempe la testa dei suoi Renesas, un altro guai a chi gli tocca i suoi Freescale, e così via.


Diciamo che gli "altri" per poter continuare a vendere hanno sfornato prodotti che possono risultare nettamente superiori a Microchip e Atmel, per contro sono prodotti di "nicchia" con costi elevati degli ic e altissimi per i relativi sistemi di sviluppo, va da se che in ambito professionale è un problema "relativo" spendere molte migliaia di Euro tra programmatore/debugger e software di sviluppo quando si parla di prodotti che verranno venduti in decine di migliaia di pezzi, il discorso cambia molto se la produzione è medio/piccola.
Personalmente per l'high level sono migrato verso gli STM32 di ST, costano poco gli ic, sono disponibili board per lo sviluppo a prezzi ridicoli, si possono programmare tramite ambienti free usando il gcc oppure tramite compilatori commerciali a costi contenuti tra i quali c'è il MikroC Arm che permette di scrivere software quasi senza leggere il datasheet, però è meglio farlo :)



Non tutte le realtà sono di nicchia e costose. Freescale offre anch'essa ottimi tool e cpu a buon mercato, Infineon sta approcciando (in ritardo nel settore) con una strategia molto aggressiva, con chip a prezzi molto bassi e performance notevoli, con il loro software con wizard molto potenti. Però purtroppo non hanno il supporto immenso che ha Microchip, che credo sia secondo solo ad Arduino.

Ho un Infineon DIP a 28 pin, che si programma in 5 minuti, e che contiene un core Cortex-M0 a 32 bit. E costa una s**a. Peccato che se vuoi "tirargli il collo" a tutte le sue potenzialità, il supporto per comprenderne le modalità è scarso, e devi cmq essere un buon conoscitore dell'architettura-programmazione Cortex.

Ci sono anche i 16 bit di Texas, i MSP430 che sono facili, economici e con un ottimo supporto. E adesso è uscito Stellaris 32bit, con tool gratuiti, molto supporto e basso costo.

Diciamo che la lotta nel segmento è serrata e tutt'altro che risolutiva verso uno o verso l'altro, ma gratta gratta i PIC, almeno sulla carta, non sono poi la scelta tecnicamente migliore.

Però... chissà perchè mi stanno simpatici i PIC.. :D

astrobeed


Diciamo che la lotta nel segmento è serrata e tutt'altro che risolutiva verso uno o verso l'altro, ma gratta gratta i PIC, almeno sulla carta, non sono poi la scelta tecnicamente migliore.


Se vuoi fare dei paragoni tra MCU abbi la correttezza di farlo a parità di famiglie, troppo comodo dire che il processore xyz è meglio del zyx quando il primo ha caratteristiche hardware nettamente superiori, è come fare un paragone tra un 16F84 e un ATmega 328 per affermare che Atmel è meglio di Microchip.
Tra parentesi anche Microhip offre dei 32 bit, i loro PIC32 con core MIPS, in case pdip 28 con pinout compatibile dsPIC33/PIC24.
Dato che uso Microchip da sempre, però li ho provati quasi tutti i processori della concorrenza, posso affermare tranquillamente che a parità di famiglia/modello il prodotto Microchip non ha nulla da invidiare all'equivalente della concorrenza, anzi spesso è sensibilmente superiore come prestazioni e affidabilità.
Dato che il mercato lo conosco bene ribadisco il concetto, la concorrenza di Microchip e Atmel, che rappresentano pochi punti percentuale del mercato a testa, per poter continuare a vendere i loro prodotti si sono attestati nelle nicchie del mercato, p.e. con micro che funzionano anche in presenza di forti radiazioni o dotati di caratteristiche particolari, se non facevano così era già un bel pezzo che avevano chiuso le loro di produzione mcu, ovviamente sto parlando del mercato 8/16 bit, quello del 32/64 bit è un mondo a parte con altri numeri e valenze dove Microchip è entrata da poco.
Scientia potentia est

BaBBuino

Interessante, cmq si fa "pour parler" nessuna diatriba...

Quindi anche tu sei un sostenitore PIC... Dovresti partecipare alle discussioni con altri colleghi, che quando parliamo di MCU, e io nomino i PIC, mi sotterrano di caratteristiche e datasheet dei loro Motorola, Renesas ecc! Ed io subisco impotente!


astrobeed


Quindi anche tu sei un sostenitore PIC.


Non ho mai nascosto che li preferisco agli AVR e che rappresentano la stragrande maggioranza nei miei progetti.

Quote

.. Dovresti partecipare alle discussioni con altri colleghi, che quando parliamo di MCU, e io nomino i PIC, mi sotterrano di caratteristiche e datasheet dei loro Motorola, Renesas ecc! Ed io subisco impotente!


Ribadisco il concetto, di quali mcu parlano ? Troppo comodo fare paragoni con mcu high end, spesso e volentieri a 32 bit, con delle mcu general purpose ad otto bit.
Immagino che i tuoi colleghi farebbero le stesse obiezioni anche se gli parli di AVR Atmel :)
Scientia potentia est

BaBBuino

Beh.. intanto puoi rispondere a Lock, che non ha parlato in termini entusiastici del core dsPIC, addirittura preferendogli un cadavere su base 8051 (anche se spinto a 100MHz)...  :smiley-mr-green:

Torno tra poco e facciamo una panoramica sulle MCU varie, così cerchiamo di farte un pò di chiarezza a 360°

leo72

Sto guardando il datasheet del 18F2620... uh.. bello  8)

BaBBuino

il 2550, o ancora meglio il 4550 (la differenza è solo nel formato: 2xxx = 28pin, 4xxx = 40pin) che hanno una porta USB, che fai funzionare con uno stack (libreria gratuita) USB facile da usare.

Migliorie: puoi fare un bootloader direttamente in USB, senza il solito traslatore FTDI232. Comunichi con il PC alla velocità della luce, può diventare un oggetto (device) USB che ti inventi tu. Chessò, un tastierino, una memory card, un puntatore strobognomico, con tanto di stringa device driver che ti indica cosa è quando lo inserisci nel PC.

testato

Anche con 32u4 è possibile giusto ?
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

BaBBuino

Allora... facciamo un riassunto di quello che si può trovare sul mercato, senza andare a trovare oggetti esoterici che resistono ai Raggi Cosmici o alle onde Elettron-Aliene.
Questi sono quelli che ho incontrato "per strada", cercando di definire una piattaforma aziendale su cui destinare delle risorse di R&D:

PIC:
8bit
- PIC16
- PIC18

16bit
- PIC24
- dsPIC3x

32bit
- PIC32MX (core M4K)


TEXAS Instruments

16bit
- MPS430

32bit
- Stellaris
- C2000

ATMEL
(troppe sigle, non ho mai indagato a fondo)


RENESAS

8bit
- RL78

16bit
- 78Kxx

32bit
- RXxxx

Infineon
32bit
XMC 1000 (Cortex M-0)
XMC 4000 (Cortex M-4)


STM

8bit
- STM8S105

32bit
- STM32F103

Fujitsu

16bit
16FXxxx

Mi sono perso qualche altro dispositivo degno di interesse?

Alla fine ho scelto PIC per l'enorme mole di dati presenti in rete, e forse per una innata simpatia. Ma a parità di costi avrei potuto scegliere qualche oggetto più performante e/o interessante.

leo72

Andrebbe fatto la distinzione fra gli oggetti in formato DIP (quindi usabili dagli hobbisti) e non.


yoshi93

Es anche una panoramica relativa agli strumenti di sviluppo (piattaforme sulle quali girano, professionalità/livello hobbistico,facilità dei programmatori e loro reperibilità).

BaBBuino


Anche con 32u4 è possibile giusto ?


Certo che si, è fatto apposta per evitare il FTDI232. Ha il supporto per un Transceiver USB Full Speed, quindi anche bello veloce.

BaBBuino


Andrebbe fatto la distinzione fra gli oggetti in formato DIP (quindi usabili dagli hobbisti) e non.




Ma scherzi? Aspè che ti posto una cosa...

BaBBuino

L'Hobbista può farsi tranquillamente queste cose:

La prima è una scheda di sviluppo per PIC a 8bit (PIC18F)
La seconda è per PIC a 16bit (PIC24 e dsPIC3x)
La terza è per PIC a 32bit (PIC32MX)

A destra puoi vedere degli adapter per TQFP a 64 pin e TQFP a 100 pin saldati a mano (!)





yoshi93


A destra puoi vedere degli adapter per TQFP a 64 pin e TQFP a 100 pin saldati a mano (!)


Dubito che un hobbista alle prime armi possa fare una cosa del genere. Sarebbe meglio fare la distinzione così il principiante sa dove dirigersi come prima scelta.

Go Up