Go Down

Topic: Modifica libro starter kit (Read 509 times) previous topic - next topic

330R

Premetto che non possiedo lo starter kit né il relativo libro, ma leggendo le domande di alcuni principianti su questo forum c'è un tema che ricorre spesso:

1. Perché non funziona se scrivo i numeri di riga?

2. Quante righe devo saltare fra un'istruzione e l'altra?

È possibile che il libro non spieghi, come prima cosa, che i numeri di riga non vanno trascritti e che lo spazio vuoto è a discrezione del programmatore, mentre il compilatore lo ignora?

Se davvero il libro lascia questi dubbi, non sarebbe una buona idea chiarire i fatti in una futura edizione?

ElenaSgarbi

A volte capita di non far caso a delle cose basilari, hai fatto bene a segnalare questo problema. Forse il libro ne parla solo nell'introduzione. Io ancora non sono sicura quale libro comprare. Mi serve qualcosa che sia già un po' avanti in elettronica, ma che parti da zero per quanto riguarda la programmazione. Nel mio caso conosco il vecchio Basic e HTML, sempre però a livello hobbystico, ma assolutamente nessuna cognizione di linguaggio C e simili.

Maurotec

L'idea che mi sono fatto di quel libro non è positiva, ma penso che sia legato al fatto che le pagine sono poche per spiegare tutto partendo da zero e allora il libro è più da vedere come i quaderni da colorare per bambini, dove non si impara nulla se non a colorare.
La similitudine mi pare ancora più lampante quando il bambino piccolo tende a colorare tutto non rispettando i bordi, tranne in qualche eccezione alcuni bambini sanno già cosa fare e noi adulti rimaniamo allibiti.

Quindi c'è chi grazie al libro e alla propria predisposizione impara a programmare e chi invece (colora fuori i bordi) trascrive i numeri di riga nell'editor di Arduino.

Forse ciò che manca è una descrizione generica di informatica e dei processi informatici necessari per far si che il codice sorgente venga convertito in codice binario eseguibile per poi essere trasferito nella memoria flash del microcontroller. Inoltre sarebbe il caso di studiare almeno in via generale come è fatto un moderno microcontroller. In questi casi mi viene in mente il termine overview, che io interpreto come vista volando dall'alto. Volando dall'alto non apprezzi i dettagli, ma cogli la vista di insieme. Una volta affrontato il volo dall'alto si può scendere di quota per apprezzare meglio i particolari più evidenti e poi via via sempre più in basso fino a scendere al suolo per cogliere le sfumature più nascoste.

Quote
Mi serve qualcosa che sia già un po' avanti in elettronica, ma che parti da zero per quanto riguarda la programmazione.
In questo caso evita il libro in questione o altri simili e affronta la cosa con un libro sul C/C++ e/o risorse on line. Sono convinto che la vista di insieme aiuta tanto da essere il primo passo da affrontare.

Ciao.



Martinix

#3
Jan 30, 2015, 01:45 pm Last Edit: Jan 30, 2015, 01:45 pm by Martinix
se parti da zero totale in C...io mi ero studiato all'univerisita i fondamenti su C++ di deitel&deitel a me pareva molto chiaro e ben fatto.
Ma ovviamente non parla delle funzioni prprie di arduino (ovviamente!!)

Ad ogni modo concordo al 100% con MAuroTec
Le informazioni date, son suggerimenti, osservazioni, ma come le applicate è a vostro rischio e pericolo!

astrobeed

È possibile che il libro non spieghi, come prima cosa, che i numeri di riga non vanno trascritti e che lo spazio vuoto è a discrezione del programmatore, mentre il compilatore lo ignora
Non ho il libro quindi non so cosa c'è scritto sopra, però tutti gli sketch dello starter kit sono già inclusi nel IDE sotto forma di esempi, "File->Esempi ->10.Starter kit", non c'è bisogno di digitare nulla, basta caricarli.
Scientia potentia est

330R

Non ho il libro quindi non so cosa c'è scritto sopra, però tutti gli sketch dello starter kit sono già inclusi nel IDE sotto forma di esempi, "File->Esempi ->10.Starter kit", non c'è bisogno di digitare nulla, basta caricarli.
Vero, ma non è certo il modo migliore per imparare a programmare.

astrobeed

Vero, ma non è certo il modo migliore per imparare a programmare.
Non c'è nulla di male nel caricare un programma pronto, non è che se lo digiti impari prima e meglio, anzi la perdita di tempo per digitare tutto, gli inevitabili errori, fanno perdere tempo che rallenta il processo di apprendimento.
Non si impara copiando un programma da un testo, o caricandolo da un file, si impara modificando il programma per fargli fare cose diverse o estenderne le funzioni.

Scientia potentia est

Maurotec

Quote
Non c'è nulla di male nel caricare un programma pronto, non è che se lo digiti impari prima e meglio, anzi la perdita di tempo per digitare tutto, gli inevitabili errori, fanno perdere tempo che rallenta il processo di apprendimento.
Non si impara copiando un programma da un testo, o caricandolo da un file, si impara modificando il programma per fargli fare cose diverse o estenderne le funzioni.
Vero, ma qualcosa di non piacevole la si impara, o almeno al primo errore di sintassi si dovrebbe capire quanto fiscale è il compilatore, sempre che si sappia che sotto c'è un compilatore c++.

Ai tempi che furono, ci diedero (si sono sforzati tanto) un M24 con gwbasic che faceva girare un programmino che mostrava il risultato di funzioni matematiche a video, visualizzando ad esempio una sinusoide. Maledetti... non ci fu un professore che spiegò cosa accadeva, come funzionava il programma, maledetti fu frustrante per me e allora mi misi a giocare cambiando cose a caso, che fosse questo l'obbiettivo dei professori mah.....non lo so saprò mai.

Ciao.

Go Up