Go Down

Topic: (Risolto) Progetto mini ups  (Read 3992 times) previous topic - next topic

Enzo--

Quando è completamente accesa... qui servirebbe una lampadina 3V 2W
Se la vuole vedere completamente accesa può andare bene se non gli da fastidio la luce.

Enzo--

#31
Feb 05, 2017, 10:06 pm Last Edit: Feb 06, 2017, 12:07 am by Enzo--
Grazie tantissimo delle risposte.
Solo una cosa non riesco a capire bene:

Per la batteria da 10Ah limitavamo con una R pari a 100 Ohm.
Con una batteria da 7Ah non dovremmo limitare di più ? Mi sono perso ?



Cambiano i tempi di ricarica della batteria io ho messo un r da 100 ohm perché il mio progetto prevede che la batteria dovrà alimentare il mio router e arduino per farmi arrivare una notifica quando manca o torna tensione a casa e quindi ho valutato una ricarica lenta. Quindi se in base al tuo progetto usi la batteria spesso, ed hai bisogno che si carichi velocemente devi mettere o una resistenza da 4,5 ohm o una lampadina da 12v 5w se non vuoi vederla illuminare quando passa la corrente per caricare la batteria altrimenti se la vuoi vedere illuminare segui il consiglio di Claudio.
Spero si essere stato abbastanza chiaro!
Enzo

Zamundo

Per il mio progetto le esigenze sono molto simili al tuo (ricarica lenta) quindi pur essendo da 7Ah, anzicchè 10Ah, lascerò la resistenza da 100 Ohm.

Grazie
Che Arduino sia con Voi !

Enzo--

Per il mio progetto le esigenze sono molto simili al tuo (ricarica lenta) quindi pur essendo da 7Ah, anzicchè 10Ah, lascerò la resistenza da 100 Ohm.

Grazie
Si esatto ;)

Etemenanki

#34
Feb 06, 2017, 03:27 pm Last Edit: Feb 06, 2017, 03:28 pm by Etemenanki
Rispetto al tuo schema del post 17, ti suggerirei di collegarli in modo diverso (lascia perdere che e' indicata una batteria NiMh e diodi schottky, la connessione e' uguale anche per il 12V e diodi normali) ...



In questo modo hai comunque sempre la batteria che si ricarica come con l'altro schema, ma quando alimenti il tutto da batteria, il positivo passa attraverso un solo diodo, verso il carico, dimezzando la caduta di tensione e permettendoti di sfruttare la batteria un pelo di piu ... ;)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Enzo--

Rispetto al tuo schema del post 17, ti suggerirei di collegarli in modo diverso (lascia perdere che e' indicata una batteria NiMh e diodi schottky, la connessione e' uguale anche per il 12V e diodi normali) ...
Ciao, interessante ma la domanda sorge spontanea:
se non uso i diodi schottky ma dei diodi normali non ho più lo stesso amperaggio in uscita che a me serve per alimentare router e arduino con adattatore per esp +esp8266-01

Etemenanki

Uhm ... cosa c'entra l'amperaggio ? ... i diodi li scegli tu in base alla corrente che ti serve ... l'unica differenza e' che con diodi al silicio standard la caduta di tensione e' circa 0.8V per ogni diodo, mentre usando degli schottky la caduta e' circa 0.4V per diodo (dipende dal tipo di diodi, comunque e' sempre minore che con diodi silicio standard)

Se invece intendi la tensione, perche' non dovresti averne a sufficenza ? ... rispetto allo schema tuo, dove sia il positivo dell'alimentatore che quello della batteria attraversano due diodi, nel mio sia l'alimentatore che la batteria attraversano un solo diodo verso il carico, quindi la caduta di tensione e' la meta' in entrambi i casi ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Enzo--

Uhm ... cosa c'entra l'amperaggio ? ... i diodi li scegli tu in base alla corrente che ti serve ... l'unica differenza e' che con diodi al silicio standard la caduta di tensione e' circa 0.8V per ogni diodo, mentre usando degli schottky la caduta e' circa 0.4V per diodo (dipende dal tipo di diodi, comunque e' sempre minore che con diodi silicio standard)

Se invece intendi la tensione, perche' non dovresti averne a sufficenza ? ... rispetto allo schema tuo, dove sia il positivo dell'alimentatore che quello della batteria attraversano due diodi, nel mio sia l'alimentatore che la batteria attraversano un solo diodo verso il carico, quindi la caduta di tensione e' la meta' in entrambi i casi ...
Probabilmente mi sono espresso male,
Il mio dubbio è:  se usassi per esempio dei diodi in4007 la caduta di tensione se non erro è di 0,20 ma allo stesso tempo non farà passare più di 1 Amper da quello che ho letto nel datasheet.
Quindi se a me servono 1,8 Amper per il router più 700mA circa per arduino e esp8266 non vanno bene o sbaglio?

Etemenanki

In effetti mi sembra che tu abbia le idee non molto chiare su correnti e tensioni ;)

I diodi 1N4007 sono dei normali raddrizzatori al silicio da 1000V 1A di portata, il che significa che al massimo reggono appunto 1000V di tensione ed 1A di corrente, ma non e' che "non fanno passare" piu di 1A. e' solo che facendoci passare dentro piu di 1A massimo, si bruciano ... inoltre, come per tutti gli altri diodi al silicio, la loro caduta interna e' di circa 0.8V (0.7V con una decina di milliampere, che possono arrivare a circa 0.85V con 1A) ...

Se devi farci passare piu di 1A (ma sarebbe meglio dire piu di 800mA circa), meglio scegliere diodi con una portata in corrente piu alta ... ad esempio, sempre usando diodi al silicio, c'e' la serie 1N540* da 3A, i piu comuni credo siano 1N5404, che dovrebbero essere da 400V 3A, piu che sufficenti ... oppure ci sono da 5A, o da 10A, piu grossi, ma se non ti servono piu di un paio di ampere, quelli vanno bene ...

Come alternativa, se ti serve meno caduta di tensione sui diodi, si usano gli schottky, come ad esempio SR3100, da 3A, oppure MBR3100, o SR310, o SR315, o altri simili ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Enzo--

Grazie mille per la spiegazione ,
Alla fine mi stai confermando che è meglio lasciare i diodi da 5A visto che i diodi in4007 si potrebbero bruciare visto che il carico finale   sarà di 2,5A.
Corretto?

Etemenanki

Si, se hai gia dei diodi da 5A, sono ok ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

thehotstuff

#41
Jan 12, 2018, 08:37 am Last Edit: Jan 12, 2018, 08:52 am by thehotstuff
...ho programmato arduino con un modulo esp-01per inviarmi una notifica quando manca tensione e quando torna.
Mi è sufficiente essere avvisato in tempo reale.
Ciao, mi sono imbattuto per caso nel tuo post, vorrei realizzare anch'io qualcosa di simile. ESP8266+mancanza rete+monitoraggio congelatore+mini ups. Come hai implementato a livello hardware la mancanza 220V? Mi passi lo schetch?
(Mi scuso con i moderatori se ho usato un thread di un anno fa..)

gpb01

(Mi scuso con i moderatori se ho usato un thread di un anno fa..)
Sei fortunato ...
... l'ultimo post è del Feb 2017 quindi NON sono passati i 12 mesi (REGOLAMENTO, punto 16.9) , altrimenti ... scuse o non scuse ... sarei stato comunque costretto a cancellare il tuo post e chiudere il thread per "anzianità" ;)

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

gpb01

#43
Jan 12, 2018, 09:48 am Last Edit: Jan 12, 2018, 09:49 am by gpb01
Detto questo, il 220V lo rilevi facilmente con un semplice alimentatore con uscita 5V collegata ad un pin digitale. Se il pin è HIGH vuol dire che c'è la rete, se è LOW ... ovviamnete non c'è più segnale di rete.

Magari mettici in parallelo un piccolo carico così da scaricare rapidamente i condesatori all'interno dell'alimentatore ed avere l'indicazione il più velocemente possibile ;)

Ovvio che il modulo che fa tutto ciò deve avere una sua alimentazione a batteria indipendente dall'alimentatore di rete.

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

Go Up