Go Down

Topic: Cnc Laser progetto in costruzione (Read 279727 times) previous topic - next topic

lestofante

una piccola precisazione, per cominciare arduino non ha uscite analogiche ma solo PWM, il PWM defautlt è a 490Hz ma raddippia per i pin legati al timer90 per via delle millis() e delay(), se non erro al massimo arriva a metà clock, quindi 8MHz bnel nostro caso
Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://t.me/genuino

Etemenanki


... Non uso i mosfet perchè ....  smiley-sad ... non li sò usare! ...


Non ti preoccupare, e' facilissimo ... dopo aver fritto i primi otto o dieci, ci prendi subito la mano ... :P :D (scherzo, ovviamente ;) )

Quote
...
Mentre invece non ho trovato niente sul  TL34A.
Non è che hai sbagliato sigla?
...


AAARGH ... hai ragione, ho confuso le sigle ... e' LT431A, non TL34A, che e' una cosa che non esiste piu :P ... scusa, colpa mia.

Comunque, ho tracciato uno schema di principio che avesse entrambe le funzioni (ricordarsi pero' che e' uno schema di principio, non una cosa collaudata, perche' le modifiche me le sono inventate al momento, quindi e' da testare ... e non nel senso di tirarmelo in testa :P :D) ... provo ad allegarlo come immagine.

Il mosfet lo puoi scegliere fra quelli ad alta corrente ce trovi, io su ebay ne ho trovati alcuni che andrebbero bene a prezzi "umani", tipo questi:

http://www.ebay.com/itm/2PCS-IRL3713-IRL-3713-SMPS-MOSFET-TO-220-NEW-/220656830245?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item33602c0725

http://www.ebay.com/itm/2pcs-IRLB3034PBF-IRLB3034-Transistor-TO-220-NEW-m-/170780872137?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item27c3554dc9 (questi sembrano i migliori)

http://www.ebay.com/itm/2-x-IRF3205-MOSFET-N-CHANNEL-55V-110A-Free-Shipping-/170868763402?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item27c8926b0a

http://www.ebay.com/itm/5PCS-IRF4104-TO-220-IR-/271107600012?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item3f1f45ae8c

http://www.ebay.com/itm/1pcs-IRF1407-IRF-1407-MOSFET-Power-Transistors-TO-220-A15-/280763056247?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item415ec84077

http://www.ebay.com/itm/1pcs-IRFB4310-POWER-MOSFET-MOSFETS-TO-220-/220786763468?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item3367eaa6cc

ecc ... l'integrato e' un doppio operazionale tipo 358 ... il funzionamento dovrebbe essere il seguente: la corrente che attraversa il carico viene letta misurando la caduta di tensione sulla resistenza sensore (0.2 ohm, in questo caso dato che non e' facile trovare il valore, conviene usare 5 resistenze da 1 ohm 1W in parallelo, il che "appiattisce" anche il possibile scarto dovuto alle tolleranze), che vale 0.2V per ogni A, e mandato al pin dell'operazionale, usato come comparatore ... all'altro ingresso mettiamo la tensione di riferimento, cosi se la corrente diminuisce, l'operazionale pilota di piu il mosfet che da maggiore corrente, e se aumenta lo pilota di meno per diminuirla.

Il transistor serve come interruttore per spegnere il laser, perche' quando lo piloti in pratica azzera o quasi la tensione sul riferimento, causando l'abbassamento anche di quella sul carico fino sotto la soglia di funzionamento del diodo laser (se invece preferisci dare il consenso di accensione quando lo piloti, basta aggiungerne un'altro con 2 resistenze) ... i due trimmer T1 e T2 sono interdipendenti, e siccome a te serve che il sistema funzioni in modo un po particolare, li devi regolare in questo modo: prima metti T2 a zero (cursore verso massa) e T1 a meta', poi con il carico fittizio collegato, dai tensione al driver e piloti l'ingresso PWM con la MASSIMA intensita' che vuoi usare, e regoli T1 finche leggi la corrente massima che vuoi usare ... poi piloti il PWM con la MINIMA intensita', e ritocchio T2 per la minima corrente ... e' da fare in 2 o 3 passate, alternando minima e massima, ma e' abbastanza semplice.

Le alimentazioni del driver sono 2, indipendenti ma con massa in comune ... per alimentare l'operazionale basta un qualsiasi 7809, mentre per alimentare il diodo laser e' meglio usare un convertitore buck di quelli che trovi in internet, regolato fra 5 e 6 V ... c'e' un motivo preciso per questo ... il mosfet lavorando in lineare come regolatore di corrente deve dissipare in calore tutta la tensione di alimentazione inutilizzata dal diodo ... quindi meno ne deve dissipare, piu e' contento (e meno pela le dita :P) ... se lo alimentassi a 12V, ad 1A dovrebbe dissipare in calore circa 8W, mentre se lo alimenti a 5V, la dissipazione scende attorno ad 1W (e' sempre meglio metterci un piccolo dissipatore, comunque)

IL CARICO FITTIZIO E' IMPORTANTE ... quando si lavora con i laser, il rischio non e' solo di rimetterci una retina o di ustionarsi, ma anche di buttare in fumo parecchi soldi a causa di un contatto fasullo o di una regolazione fatta male, quindi finche' il circuito non funziona ed e' regolato come si deve, al posto del diodo laser si usa il carico ... e' semplicissimo, basta una resistenza da 0.1 ohm 5W con in serie 4 diodi BY255, ed un normale led con una resistenza da 470 ohm in parallelo alla serie di diodi (per controllare ad occhio se e' connesso in modo corretto) ... le misure si fanno con un comunissimo tester connesso in parallelo alla resistenza, che causa una caduta di 100mV per ogni A che scorre nel carico.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77

Meraviglioso , sembra ben curato, professionale e ha tutto quello che serve.
Ora va messo a ferro e fuoco per vedere come si comporta, e lo faccio ben volentieri!
Spero di non sembrare maleducato, ma visto che l' hai disegnato con eagle, è possibile avere il file sch che intanto sbroglio il PCB?
Te ne sarei grato, senno fa lo stesso, lo ri disegno io.
Grazie mille ancora!
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Etemenanki

Ho usato dei dummy per i componenti, perche' l'ho ridisegnato al volo mentre facevo altre cose, quindi il file sch non ti si converte in brd una volta caricato ... dammi un momento per sostituire i dummy con componenti reali e te lo allego.

EDIT: preferisci lavorare in SMD o con componenti discreti ?
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77

Discreti, ma posso farlo io quel lavoro, ti ho già fatto perdere un sacco di tempo!
Lasciami fare qualcosa !!  :smiley-mr-green:
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Etemenanki

#290
Apr 30, 2013, 09:39 am Last Edit: Apr 30, 2013, 09:42 am by Etemenanki Reason: 1
Ok, se vuoi il file in queste condizioni te lo allego anche subito, e' che poi ti devi sostituire tu i componenti esatti al posto dei "dummy", se no non puoi convertirlo in brd (avevo gia cominciato a metterli in SMD ... peccato :P :D).

EDIT: pero' le prove e' meglio se le fai su un millefori o breadboard ( se usi la breadboard ricordati della corrente che ci passa ... connessioni esterne con filo di sezione adeguata per la parte mosfet/resistenze ;) ), e di usare un carico che simula il diodo laser, non direttamente quello (non hai idea di quanti siano riusciti a "ledizzare" quei diodi per un semplice falso contatto)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77

Perfetto grazie mille.

Tranquillo, ho una certa dimestichezza con 'aquila' , non ci metto molto a  fare anche la versione smd  :P
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Etemenanki

#292
Apr 30, 2013, 09:57 am Last Edit: Apr 30, 2013, 10:00 am by Etemenanki Reason: 1
A proposito, ho ritrovato qualcuno dei grafici di quei diodi laser ... questo e' quello delle caratteristiche



e questo e' quello dell'efficenza



Attenzione che ci sono due serie di diodi della Nichia tolti dai proiettori, quelli della serie 130 e quelli della serie 140, che hanno caratteristiche diverse, ma non sono distinguibili esternamente, quindi per calcolare le correnti bisognerebbe sapere quale diodo e' quello esattamente ... ad esempio, i primi 2 grafici si riferiscono al modello che era estratto dall'A140, mentre in questo grafico puoi vedere le differenze fra un diodo proveniente da un'A130 e da un'A140



Un'altra cosa, i venditori danno la potenza dei loro diodi laser in base all'uso come puntatore, non come datasheet, quindi bisogna sempre considerare le loro indicazioni con moooooooolta cautela ... ad esempio, il modello che viene venduto come 1.6W, e' un diodo tolto da un'A140, che ha come caratteristica intrinseca una potenza a regime di 1W ... questo significa che se lo usi a 1W, ti puoi aspettare le classiche 50000 ore di lavoro, se lo usi a 1.3W, aspettati che ti saluti intorno alle 15000 ore di lavoro, a 1.6W puo durare dalle 2000 alle 5000 ore, e con 2W siamo fra le 50 e le 200 ore di vita, ma a questa potenza potrebbe anche friggersi in 5 minuti, non c'e' modo di saperlo ... c'e' anche chi e' riuscito ad arrivare a 2.4W, ma solo per periodi di pochi secondi, e solo per esperimento ... sempre ben dissipati, ovviamente.

EDIT: problemi con le immagini

ARIEDIT :P : ora vanno, credo
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77



EDIT: pero' le prove e' meglio se le fai su un millefori o breadboard ( se usi la breadboard ricordati della corrente che ci passa ... connessioni esterne con filo di sezione adeguata per la parte mosfet/resistenze ;) ), e di usare un carico che simula il diodo laser, non direttamente quello (non hai idea di quanti siano riusciti a "ledizzare" quei diodi per un semplice falso contatto)



Tranquillo, faccio prima a fare un pcb, cosi mi metto al riparo da possibili falsi contatti !!
Se poi ci sono errori li sistemiamo sul prototipo , e una volta fissato tutto faccio una revisione anche del pcb.
Mi piace lavorare 'ordinatamente' , i millefori non fanno per me se non per cose semplicissime.
Per questo mi sono messo nelle condizioni di poter realizzare pcb in pochi minuti.
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Etemenanki


... i millefori non fanno per me se non per cose semplicissime.


Si, anch'io li uso solo per cose semplici ... http://postimg.org/image/g85anuif1/ ... :P :D :smiley-mr-green:  XD ;)

Quote
... Per questo mi sono messo nelle condizioni di poter realizzare pcb in pochi minuti .


Cosa usi, fotoincisione o trasferimento ?

Anch'io mi faccio i PCB in casa, ma non ne realizzo abbastanza per mettere in piedi un sistema troppo complesso ... ho provato sia le pellicole da fotoincisione (quelle che trasferisci sul rame con il rullo a caldo), sia le vernici resist (non un gran che), sia il trasferimento a caldo delle stampe laser (non sempre riesce) ... agli inizi usavo i trasferibili, ma ormai lavorando in SMD, non sono piu proponibili ... e come corrosione uso acido cloridrico e acqua ossigenata (il percloruro lo usavo tempo fa, ma sporca un po troppo :P)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77



Si, anch'io li uso solo per cose semplici ... http://postimg.org/image/g85anuif1/ ... :P :D :smiley-mr-green:  XD ;)



E sticatsi nce li metti ?? (curiosità, cos'è)



Cosa usi, fotoincisione o trasferimento ?



Toner transfer con press'n'peel  a 1200 dpi , ottimo risultato.



... e come corrosione uso acido cloridrico e acqua ossigenata (il percloruro lo usavo tempo fa, ma sporca un po troppo :P)



Anche io ho seguito questa strada, e i tempi di incisione sono anche molto ridotti.(con le concentrazioni che uso io penso che anche la mia salute si sia molto ridotta ultimamente :D)

In realtà posso anche scontornare e forare a cnc, il punto è che soprattutto ora, con la bimba piccola, ha una rumorosità che non mi posso permettere.

Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Etemenanki

:P la scheda e' uno dei miei vecchi prototipi :D

Anch'io ho provato i press'n'peel con il toner transfer, ma a volte non riescono bene, specie le piste molto sottili ... ora dovro' fare un'altra scheda, e pensavo di provare quei fogli gialli che spacciano come toner transfer, ne ho ordinati un po assieme al ROSOL3 per stagnare a forno, quando mi arrivano faro' un test e vedremo se vanno meglio ... o almeno se vanno :P :D
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

PaoloP

Se cerchi sul forum "press'n'peel" o "toner transfer" dovresti trovare delle vecchie discussioni con dei confronti tra metodi diversi di produzione dei PCB. Se ne è discusso molto tempo addietro.

Etemenanki

Grazie ... ho gia provato parecchi sistemi, ma tutti quelli che danno buoni risultati, non sempre sono semplici ed economici, e viceversa, quasi tutti quelli semplici ed economici non sempre danno buoni risultati ... ma del resto, e' abbastanza logico, per avere un buon risultato, serve attrezzatura e materiale di qualita', e impegno ... e poi, se esistesse un singolo sistema che fosse contemporaneamente semplice, economico, e desse risultati a livello professionale, tutti lo userebbero gia, e non ci sarebbe piu neanche da provare soluzioni alternative, sperimentare e discuterci sopra ... che fine farebbe tutto il divertimento allora ? ;) :D
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

niki77

#299
Apr 30, 2013, 02:55 pm Last Edit: May 07, 2013, 05:20 pm by niki77 Reason: 1

Le alimentazioni del driver sono 2, indipendenti ma con massa in comune ... per alimentare l'operazionale basta un qualsiasi 7809, mentre per alimentare il diodo laser e' meglio usare un convertitore buck di quelli che trovi in internet, regolato fra 5 e 6 V ... c'e' un motivo preciso per questo ... il mosfet lavorando in lineare come regolatore di corrente deve dissipare in calore tutta la tensione di alimentazione inutilizzata dal diodo ... quindi meno ne deve dissipare, piu e' contento (e meno pela le dita :P) ... se lo alimentassi a 12V, ad 1A dovrebbe dissipare in calore circa 8W, mentre se lo alimenti a 5V, la dissipazione scende attorno ad 1W (e' sempre meglio metterci un piccolo dissipatore, comunque)


Quindi la logica è stata progettata per un alimentazione da 9v, ed è ok.
Per il buck, conosci qualcosa di pronto da implementare ?


IL CARICO FITTIZIO E' IMPORTANTE ... quando si lavora con i laser, il rischio non e' solo di rimetterci una retina o di ustionarsi, ma anche di buttare in fumo parecchi soldi a causa di un contatto fasullo o di una regolazione fatta male, quindi finche' il circuito non funziona ed e' regolato come si deve, al posto del diodo laser si usa il carico ... e' semplicissimo, basta una resistenza da 0.1 ohm 5W con in serie 4 diodi BY255, ed un normale led con una resistenza da 470 ohm in parallelo alla serie di diodi (per controllare ad occhio se e' connesso in modo corretto) ... le misure si fanno con un comunissimo tester connesso in parallelo alla resistenza, che causa una caduta di 100mV per ogni A che scorre nel carico.

Si è molto importante, ma non sono sicuro di aver bene capito come vada fatto, allego un immagine:



Ho capito?

Grazie ancora.
Vi è una spiegazione scientifica a tutto.
La fede è solo quell'anello che si porta al dito dopo il matrimonio.

Go Up