Go Down

Topic: [OT] richiesta di aiuto per programmino x Accordatore (Read 79999 times) previous topic - next topic

menniti

da una rapida lettura dello sketch posso dirti che il software fa già tutto ciò che deve fare; i due ingressi usati sono A0 (per la potenza riflessa) e A1 (per la potenza diretta), ovviamente riferiti a GND; il vero problema è che non avendo tu previsto alcuna forma di indicazione visiva non capisco come tu possa pensare di "vedere" i valori letti. Per fortuna c'avevo pensato io nel senso che ho lasciato liberi i pin della seriale, così possiamo inserire due comandi di visualizzazione sul serial monitor. Però qui dobbiamo capire prima (e bene) che tipo di prova intendi fare con l'accrocchio manuale, altrimenti qui ci perdiamo di vista. Per cui, gentilmente, considerando che il software attualmente fa tutto ciò che deve fare, come pensi di usarlo allo stato attuale? Puoi cioè descrivere ogni singolo passaggio che intendi fare per verificare se sta funzionando?
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

leo72

Ieri non mi sono sentito bene, e non ho seguito questa discussione.
Non ho però capito se campa ha provato oppure no il software. Ovviamente è una bozza grezza, dovrebbe fare solo l'accordatura secondo lo schema proposto, nessuna info passata all'utente di ciò che sta facendo... Ma questo è facilmente risolvibile con un pò di messaggi sulla seriale o con qualche led lampeggiante  XD

Ad ogni modo io sono un pò incasinato in questi giorni per cui non posso metterci le mani nel caso qualcosa non funzioni. O fate voi gli interventi oppure aspettate che mi liberi  ;)

menniti

Non ha capito che avevi già pensato a tutto tu e credeva di dover metterci mano... e poi non gli era chiaro dove andavano collegate le due sorgenti di simulazione delle potenze. Tu prenditi il tuo tempo senza problemi, ovvio che ognuno di noi, anche Andrea (Campa1957), ha il proprio lavoro e le proprie cose da fare, qui si dedica un parte del (poco) tempo libero che abbiamo, quindi tutti devono avere la giusta pazienza.
Il problema, dal mio punto di vista è diventato un altro: comprendere dal punto di vista hardware cosa Andrea ha messo in piedi per testare lo sketch. Se pensiamo che normalmente tutto debba avvenire in automatico, io non capisco dovendo lui gestire le potenze in modo "simulato" e manuale, coma faccia a vedere gli effetti dell'inserimento delle impedenze e come faccia in tempo reale a fornire le nuove info al software. Allora prima di andare avanti gli ho chiesto che ci spieghi in modo chiaro, dettagliato e comprensibile come funziona la sua simulazione rispetto al funzionamento prestabilito del software, altrimenti qui corriamo il rischio di procedere su strade diverse e divergenti.
Una volta che lui ci spiega tutto tu potrai valutare se la cosa è "compatibile" col tuo attuale firmware, poi se c'è da mettere mano si aspetta quando sarai libero.
Io resto assolutamente dell'avviso che lui dovrebbe fare i test con un apparecchio muletto collegato ad un accordatore manuale in modo che si possa valutare tutto in tempo reale, almeno io farei così....
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

leo72

Io sono partito dal presupposto che il suo accordatore fosse composto da 16 relé 8 per pilotare le impedenze ed 8 per i condensatori.
Se usa quei relé dotati di led di segnalazione, alla fine del processo di accordatura avrà alcuni relé attivi, e di conseguenza gli basterà verificare quali sono per capire l'impedenza e la capacità che gli servono per accordare l'antenna.

menniti


Io sono partito dal presupposto che il suo accordatore fosse composto da 16 relé 8 per pilotare le impedenze ed 8 per i condensatori.
Se usa quei relé dotati di led di segnalazione, alla fine del processo di accordatura avrà alcuni relé attivi, e di conseguenza gli basterà verificare quali sono per capire l'impedenza e la capacità che gli servono per accordare l'antenna.

ah :smiley-mr-green: allora non hai letto il mio schema :smiley-sweat: i relé sono 6+6 e ti ho indicato anche le relative uscite, che spero tu abbia rispettato, altrimenti davvero qui facciamo Babilonia :smiley-yell: Inoltre c'è un settimo relé che quando inizia la fase dei condensatori fa due test immediati: OFF mette il C PRIMA delle induttanze rimaste collegate, e legge il ROS, ON lo sposta DOPO le induttanze rimaste collegate, e rilegge il ROS, li compara e poi si "piazza" definitivamente nella posizione migliore tra le due, per poi proseguire con gli altri C. Proprio perché questa cosa era un tantino più complessa ti avevo chiesto di non realizzarla e di fermarti alle sole induttanze.
Comunque Leo, resta quanto ho scritto nel precedente post, quindi aspettiamo il fondamentale intervento di risposta di Andrea.
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

leo72

Scusa, i relé sono 6+6.
Sul fatto dei condensatori mi sa che ho saltato quella parte, ma Andrea fa presto ad eliminarla perché deve giusto commentare il secondo richiamo della funzione di setup.

Campa1957

Ciao a tutti,

grazie per il grosso lavoro fatto!

spero dopocena di riuscire a studire quello che avete postato  :)  :)  :)

Scusate la lentezza con cui lavoro al progetto in questi giorni ma il lavoro mi rompe precchio le p...e!!!

Andrea

Campa1957

Ciao a tutti.

cerco di inserire un breve riepilogo e di rispondere a qualche domanda che mi è stata fatta, spero poi tra oggi e domani di riuscire a provare il SW.

1) il numero dei relè non è particolarmente importante, soprattutto in questo fase del lavoro, 6 va benissimo. Nella migliore delle ipotesi si potrebbe pensare di fare un qualcosa che in un secondo tempo si possa espandere, ma in questa fase è comunue superfluo.
2) allego più sotto la scansione dello schema del circuito di prova, semplicissimo. Con Pot1 vario la tensione del segnale 'Riflessa" e con i contatti dei relè cortocircuitando le varie R cerco di riportare il valore della 'Diretta' al miglior rapporto di ROS possibile. Così funziona, provato con il mio vecchio SW, per il ramo delle "L", devo valutare come aggiustare i valori delle R per per provare anche il ramo "C".
3) appena inizia a funzionare il tutto assemblo l'accoppiatore RF e allora inizieranno le prove SeRiE!  :)
4) nel frattempo mi sono arrivati anche gli altri 2 blocchi di 4 relè così posso simulare anche le 6 uscite del ramo "C"

Appena verificato il funzionamneto del SW vi informo.

Andrea

menniti

Finalmente ho capito! Vedi che quando vuoi.. XD Quindi tu manualmente generi il ROS ma la risposta è poi automatica, allora va bene anche se vedrai che nelle prove SERIE il ROS non si comporterà allo stesso modo, ma comunque a noi interessa il meccanismo di massima. Ok allora aspettiamo l'esito delle prove. :)
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Campa1957

#84
Jun 15, 2013, 11:05 am Last Edit: Jun 17, 2013, 05:52 pm by Campa1957 Reason: 1
Nel mio post precedente mi sono dimenticato di dire che le misure le faccio con un'altra scheda Arduino UNO su cui è montato un LCD 2x16 che visualizza le due tensioni e il ROS calcolato con la formuletta che sappiamo oltre a una teorica potenza in uscita.
Penso la lettura possa essere affidabile e di continuare le prove con i due Arduino in parallelo salvo vostre diverse indicazioni.

Andrea

menniti

sì, va bene, poi vedremo di ottimizzare tutto quanto alla fine.
Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Campa1957

Ciao a tutti,

scrivo questo post solo per dire che non ho accantonato il progetto, in tutto questo tempo sono solo riuscito a mettere insieme tutte le componenti HD, mancano solo i collegamenti al riduttore di tensione 12 --> 5V.
Spero domani di riuscire a fare gli ultimi collegamenti e caricare il SW.

Andrea

leo72


menniti

Manuale "Arduino e le tecniche di programmazione dei microcontrollori ATMEL"
http://www.michelemenniti.it/manuale_di_programmazione.html
http://www.michelemenniti.it/offerta.html
Articoli ElettronicaIN
http://www.michelemenniti.it/elettronica_in.html

Campa1957

#89
Jun 24, 2013, 06:59 pm Last Edit: Jun 24, 2013, 08:14 pm by Campa1957 Reason: 1
Ciao a tutti,

finalmente sono riuscito a collegare i blocchi di relè, alimentarli e caricare il programma di Leo.
Ho collegato sui pin A0 e A1 i due segnali (diretta e riflessa) generati tramite due potenziometri multigiri.
Non ho ancora collegato le resistenze per simulare l'inserimento delle induttanze.

non trovando un punto di 'pareggio' vengono inseriti tutti i sei relè!

Spero domani di riuscire a fare il simulatore con le rsistenze

Resto in attesa di vostri consigli ...........

Andrea

Go Up