Go Down

Topic: [OT] richiesta di aiuto per programmino x Accordatore (Read 79244 times) previous topic - next topic

lestofante

orsù per i transiosto intendevo al posto dei relè, anche se fosse in alternata, credo che se anche usate solo le semionde positive tagliano le negative con diodi, non sorgano grossi problemi, no?

Quote
Dici che la precisione dei servo è bassa per lo scopo prefissato?

dipende che servo prendi. Ma in generale uno stepper economico fa meglio di un servo; uno stepper sai esattamente il passo, un servo analogico dipende da vari fattori, tra cui il voltaggio di alimentazionee credo anche il carico,la temperatura.. ma magari mi sbaglio.
Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://t.me/genuino

paolosanna

#286
Oct 24, 2013, 09:10 pm Last Edit: Oct 24, 2013, 09:16 pm by Paolo S Reason: 1
ciao a tutti...


i servo hanno un posizionamento "a spanne", molto meglio uno stepper.
ma poi se siete in continua (o meglio, sepre sopra GND) perchè non usare i transistor?

io ho acquistato due di questi: li ho pagati poco più di 12 euro l'uno oltre un anno fa....
http://www.robotstore.it/product/156/Servo-standard-Hitec-HS-485HB.html
sono precisi, veloci e potenti (coppia 5/6 Kg*cm) a 5 V .. fa ruoatare qualsiasi condensatore tra quelli che ho io...

i transistor non possono usarsi al posto dei rele'  che devono inserire/togliere capacità e sezioni dell'induttore, mantenendo una separazione elettrica tra le parti percorse da RF, anche ad elevata potenza, ed il resto dell'elettronica, micro etc....

di seguito allego lo schema ricavato da manuale del fc757 che uso io... in alto a sinistra la COUPLER UNIT, del tipo a toroide, per ricavare Vdiretta e Vriflessa (REF - FWD), oltre ad un rele per inserire un carico fittizio .... questo vorrei replicare io....
in altro a destra la TUNER UNIT, la parte di accordatore vero e proprio.... anche se cercando di decifrare lo schema non mi pare sia a pgreco... infatti:
il commutatore di banda, suddiviso in 4 sezioni coassiali
-   S01-b inserisce una capacità di valore decrescente con la banda selezionata, sul lato ingresso --> GND
-  S01-d e S01-c cortocircuitano  sezioni della L , riducendo quindi l'induttanza totale a seconda della banda selezionata (mi pare un pò contorto come sistema) .. credo sia molto più efficiente farlo con alcuni rele' ....
-  S01-a restituisce al micro il feedback della posizione assunta dal commutatore di banda
- il condensatore variabile VC01 (200 pf) sul lato ingresso (TUNE) risulta essere in parallelo alla capacità fissa inserita dal commutatore S01-b
- il condensatore variabile VC02 (430 pf) sul lato carico (LOAD) risulta essere in serie con l'uscita.. ecco perchè non mi sembra uno schema a pgreco...

marco che mi dici????



Maurotec

Quote
Sai come fare per "congelare" o "mettere in sleep" o  rallentare  il funzionamento del controllore ATM di
arduino ?. Non vorrei che in ricezione  i disturbi del clock di arduino si infilassero nell'accordatore e disturbassero la ricezione radio dei segnali deboli.


Quote
Per Maurotec:
i rele assorbono al massimo 11*0,04 = cica 500 mA, si possono prendere dal Valim di arduino1
Riguardo ai disturbi,: concordo è meglio schermare, ma  sono pigro e spero che che Arduino venga poco disturbato dalla RF vicina.


Per scongiurare che il clock si infili nell'accordatore ho pensato di usare 2 alimentazioni, una per il micro con il suo clock su una scheda separata. L'altra alimentazione serve per i relè, così facendo si apre la strada alla possibilità di interfacciare le due parti tramite accoppiatori ottici. La separazione dell'alimentazione può essere totale, cioè a partire dai trasformatori di rete, ponte diodo ecc, oppure un solo trasformatore e due ponti, regolatori lineari ecc.
In tal caso non sarà più necessario mettere il micro in sleep per evitare contaminazione RF, ma solo per ridurre il consumo ma lo considero superfluo.

Ovviamente per i test, va bene Valim, ma poi è meglio dedicare un alimentatore composto da Trasformatore doppio ponte e filtro e regolatori.

Ciao.


lestofante

scusate, ma che io sappia il clock consuma una cosa ridicola, con un paio di condensatori classici sulle alimentazioni non vedo perchè dovrebbe influenzare...

che parte del ragionamento è sbagliata?  :smiley-mr-green:
Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://t.me/genuino

paolosanna

@lesto:
.. non certo per gli assorbimenti, ma per il fatto che la frequenza di clock, o qualche sua armonica,  nonchè eventuale "rumore"  prodotto dalle commutazioni elettriche del micro possono generare "rumore" radiolettrico che disturba il ricevitore... magari inibendo la ricezione su intervalli più o meno ampi dello spettro radio di interesse, che nel nostro caso è compreso tra 0,1 - 30 Mhz.. almeno io, su quello sto lavorando....

lestofante

accidenti non pensavo fosse necessaria una precisione del genere... ma allora anche lo scatto del relè, o l'elettromagnetismo emesso da un motore... ma anche la confugurazione stessa delle piste diviene molto importante.
Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://t.me/genuino

paolosanna

#291
Oct 25, 2013, 04:54 pm Last Edit: Oct 25, 2013, 05:00 pm by Paolo S Reason: 1
@lesto
lo scatto di un relè certamente crea una perturbazione, una sorta di "crak", che viene rilevata dal ricevitore, disturbando!!! ...ma fintanto che è una sola non ci sono grossi problemi.

Diverso è il caso di presenza di rumore "radioelettrico" di fondo, continuo e non occasionale,  che fà si che tutti i segnali sotto quel livello non vengono più distinti... da qui l'esigenza di separare bene, dal punto di vista elettrico micro e radio ....
Il problema del rimore radioelettrico, dovuto alle comuttazioni nel processore, nelle memorie etc .. è particolarmente evidente con vecchi pc, (queli nuovi non lo fanno), che se accesi vicino ad un ricevitore, il rumore generato ricade  su tutto lo spettro ricevibile. Un'altra brutta sorgente di rumore radioelettrico sono le nuove lampade a risparmio energetico .... .. comunque è meglio che le parti siano separate elettricamente ed anche le piste ben distanziate  per evitare accoppiamenti capacitivi ...

marcopxm


Per Paolo:

Nell' URL è descritto un accordatore che prendo come riferimento:
http://www.elecraft.com/manual/KAT100%20man%20rev%20C.pdf

viene descritto nei particolari il rosmetro usato.

Il rosmetro del tuo accordatore AT..   è migliore in bassa potenza perchè ha la compensazione della caduta di tensione nei diodi raddrizzatori.

----------
in altro a destra la TUNER UNIT, la parte di accordatore vero e proprio.... anche se cercando di decifrare lo schema non mi pare sia a pgreco... infatti:
il commutatore di banda, suddiviso in 4 sezioni coassiali
- S01-b inserisce una capacità di valore decrescente con la banda selezionata, sul lato ingresso --> GND
- S01-d e S01-c cortocircuitano sezioni della L , riducendo quindi l'induttanza totale a seconda della banda selezionata (mi pare un pò contorto come sistema) .. credo sia molto più efficiente farlo con alcuni rele' ....
- S01-a restituisce al micro il feedback della posizione assunta dal commutatore di banda

- il condensatore variabile VC01 (200 pf) sul lato ingresso (TUNE) risulta essere in parallelo alla capacità fissa inserita
dal commutatore S01-
--------------   
VC01 è da 290 pF
-------------------------------------------------
NO  VC01 è connesso all'altro lato dell' induttore commutato.
----------------------------------------------------

- il condensatore variabile VC02 (430 pf) sul lato carico (LOAD) risulta essere in serie con l'uscita.. ecco perchè non mi sembra uno schema a pgreco...
----------

Condivido: è piu' complesso di un pi greco. E' un ibrido costituito da unm pigreco seguito da un partitore capacitivo
composto dai condensatori VC02 da 430 pF e VC01 290 pF.
Non saprei come effettuare l'accordo.
Per quanto sia un progetto vecchio di 20 anni è di ottima fattura.

Riguardo il servo Hitec HS485HB non comprendo la caratteristica della velocità:
velocità  Sec./60 6.0V 0,18  ; si riferiscealla velocità per fare un giro  o 60 gradi di rotazione ??, a vuoto o   con quale coppia torcente  ?? 
Può essere una buona soluzione per l'accordatore con condensatori variabili.

Se lo monti, e se ti interessa,  ti insegnerò come inserirlo in un oscillatore e come misurare la variazione della capacità con la variazione della frequenza di oscillazione. Il tutto con arduino.

    saluti a tutti

marcopxm

seguito msg precedente:
anche un accordatore che avevo esaminato mesi fa, ha la stessa configurazione.
Allego immagini e schema.
Ci dovrebbe essere un motivo per la preferenza rispetto alla configurazione a pigreco o a T.
Ma non la conosco, mi intriga, cercherò di approfondirlo per mio diletto.
   Saluti a tutti.

testato


orsù per i transiosto intendevo al posto dei relè, anche se fosse in alternata, credo che se anche usate solo le semionde positive tagliano le negative con diodi, non sorgano grossi problemi, no?

A volte non ti sai proprio trattenere  ;)
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

leo72

@Paolo S:
1) ma lavorando con un Arduino, anche se metti il 328 in sleep per evitare i disturbi provocati dal suo clock, sulla scheda esiste un altro integrato dotato di clock, il 16U2 usato come interfaccia USB. Quello non dà noia, "vivendo" sulla scheda e restando sempre in funzione?
2) esiste un modo per campionare tramite ADC riducendo il disturbo, con gli Atmel. Si tratta di usare la modalità di risparmio energetica detta ADC Noise Reduction, che mette in sleep (ergo, toglie il clock) la CPU lasciando però l'ADC funzionante. Terminato il campionamento, si può generare un interrupt che risveglia la CPU che può procedere con i suoi calcoli.

paolosanna

#296
Oct 27, 2013, 05:17 pm Last Edit: Oct 28, 2013, 09:15 am by Paolo S Reason: 1

@Paolo S:
1) ma lavorando con un Arduino, anche se metti il 328 in sleep per evitare i disturbi provocati dal suo clock, sulla scheda esiste un altro integrato dotato di clock, il 16U2 usato come interfaccia USB. Quello non dà noia, "vivendo" sulla scheda e restando sempre in funzione?
2) esiste un modo per campionare tramite ADC riducendo il disturbo, con gli Atmel. Si tratta di usare la modalità di risparmio energetica detta ADC Noise Reduction, che mette in sleep (ergo, toglie il clock) la CPU lasciando però l'ADC funzionante. Terminato il campionamento, si può generare un interrupt che risveglia la CPU che può procedere con i suoi calcoli.

leo... si parlava di questo perchè marco ha ipotizzato questo problema... io mi sono limitato  a fare un pò di prove per verificare che l'lgoritmo di ricerca del minimo e del massimo, muovendo i condensatori funzinasse.. ma non ho provato collegando il tutto a un ricevitore per vedere se effettivamente si riscontrava il disturbo...
certamente il tutto va separato elettricamente ... da qui l'esigenza di usare relè per inserire/disinserire componenti di capacità/induttanza ....
ad ogni buon conto se uso lo schema con i rele, userò gli shift register 74HC595 .. non so se questi emettano "rumore" ... bho!!!




Ci dovrebbe essere un motivo per la preferenza rispetto alla configurazione a pigreco o a T.


ok.. aspetto le conclusioni del tuo ragionamento...

riguardo all'adattamento effetuato con inserimenti/disinserimenti di un modulo minimo di L o di C, da farsi con relè... devo dire che sto rivalutando seriamnete questa opzione...
8 capacità ed 8 sezioni di induttanza.. si possono gestire facilissimamente con 8 + 8 bit con due shift register
8 bit consentono di inserire gradualmente 256 "gradini di capacità , ottenendo un'ottima approssimazione lineare..
idem per le induttanze.... giusto come dicevi tu....
tutto a stato solido, niente parti in movimento.... si si.. mi hai convinto marco!!!
i rele non è un problema procurarseli ma i condensatori ceramici per alta tensione dove li troviamo... qui io ho difficolta a trovarli se non trovo qualcosa su ebay..

per la logica di accordo, facendo riferimento allo schema elekraft,  io farei cosi...
1 capacità a metà del suo valore
2 ricerca del minimo ROS variando L, se aumenta, inverto il senso di variazione, così fino a trovare il minimo
3 aggiustamento fine modificando le capacità---
4 memorizzazione su eeprom del punto di accordo per quella banda...

naturalmente poi ci sarebbe un'interfaccia per fare comunicare alla'ccordatore la banda selezionata sull'RTX....

marco fammi sapere la tua opinione .. ciao





testato

È sbagliato dire tutto a stato solido senza parti in movimento, i rele normali non sono a ststo solido ed hanno parti in movimento.
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

lestofante

Guida per principianti http://playground.arduino.cc/Italiano/newbie
Unoffical Telegram group https://t.me/genuino

paolosanna


È sbagliato dire tutto a stato solido senza parti in movimento, i rele normali non sono a ststo solido ed hanno parti in movimento.


si .. testato.. hai assolutissimamente ragione....

Go Up