Go Down

Topic: [OT] Crittografia e sistemi di protezione dei dati (Read 18723 times) previous topic - next topic

Etemenanki

C'erano una marea di cose che non tornavano, in quel fatto ... un mare di telecamere, e l'unico  filmato diffuso "ufficialmente" era quello di una telecamera che NON inquadrava il punto ... le riprese ufficiali dei vigili del fuoco (che sono state mostrate anche in un documentario intitolato "9/11 in plane site" tempo fa) mostrano un buco simile a quello di un proiettile cinetico autopropulso, ed il rotore di un motore a reazione di una sessantina di cm di diametro circa (quelli dei Boeing sono "leggermente" piu grossi ... non di molto, neh, solo alcuni metri :P) ... nessun frammento di aereo, nessun sedile, nessun bagaglio, nessun corpo (avete mai visto le riprese di altri schianti di aerei ? ... :P) ... per non parlare del resto ...

Pero', se qualcuno vuol credere alla versione "ufficiale" dell'aereo che si disintegra nell'impatto (struttura, contenuto e carburante inclusi) senza lasciare tracce rilevabili, faccia pure ... :P XD XD XD
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

testato

parliamo di un popolo/organizzazione statale che ha ucciso piu' di un proprio presidente, non mi meraviglio di niente, ma arrivare ad uccidere volontariamente non uno, 5, o 10, ma duemila/tremila propri cittadini sul proprio suolo, facendo diventare la cosa come la sconfitta piu' importante degli USA nella storia, mi fa propendere verso tesi non complottistiche.
Se complotto c'e' stato gli USA sono 1000 volte piu' "cattivi" di quanto gia' crredevo.

Sul punto in questione, il pentagono, la spiegazione del foro piccolo io la spiego con il fatto che le ali sono delicatissime, non so quanti metri di spessore sia il muro del pentagono, ma ci sta' che le alinon abbiano superato il muro ripegandosi su se stesse.
Piu' strano e' che sia caduta poi la parete che dici.
Di certo quello che e' accaduto e' registrato frame per frame da almeno centinaia di telecamere.

Io cmq non ho aggiornato la mia lista di cattivi, ed ho mantenuto, se non rafforzato, la posizione in classifica degli USA  XD
- [Guida] IDE - http://goo.gl/ln6glr
- [Lib] ST7032i LCD I2C - http://goo.gl/GNojT6
- [Lib] PCF8574+HD44780 LCD I2C - http://goo.gl/r7CstH

leo72

Ora non apriamo un flame qua su quanto siano buoni o cattivi gli USA; anzi, chiudiamo velocemente questo argomento visto che siamo OT nell'OT.

Resta il fatto che diversi punti sono poco chiari, usando un eufemismo.


Etemenanki

Nessun flame Leo, davvero ... ho citato il nome del documentario solo perche' se qualcuno vuol vederlo, almeno sa cosa cercare ... quanto alle dichiarazioni "ufficiali" ... lasciamo perdere, le nostre sono anche peggiori a volte :P XD ...

fine OT, torniamo OT XD ... a livello di crittografia, in che campo si classificano i metalinguaggi ? ... non come semplice cifratura, suppongo, dato che non comportano algoritmi ma "l'invenzione" di un linguaggio "alternativo" ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

leo72

Un metalinguaggio usato come sistema crittografico? Esempio?

Etemenanki

Non so come definirtelo in modo semplice, ma indicativamente, un linguaggio "di definizione" creato specificamente per una determinata classe di informazioni (classe che potrebbe anche comprendere "qualsiasi informazione", se il linguaggio fosse abbastanza complesso), le cui regole e significanti siano note al gruppo che deve comunicare, ma non ad estranei ... in questo caso non credo si possa parlare di "cifrario" o di "crittografia" in senso vero e proprio, sarebbe piu che altro la creazione di un linguaggio "ad hoc" per il trasferimento di informazioni, ma allo stesso tempo agirebbe come una sorta di "messaggio cifrato", in quanto le informazioni veicolate non sarebbero decifrabili dagli "estranei", che non lo conoscono (e che non avrebbero nessun mezzo per "decifrarlo", in quanto non comporta una "chiave" o una "cifratura", se non a livello di significanti)

Pensa ad esempio ad un linguaggio di programmazione, per stare nel vostro campo ... i "programmatori" ne conoscono il significato, e possono usarlo per scambiarsi "informazioni", mentre gli "estranei" no, e se un programmatore non gli fornisce un "testo didattico" per imparare il linguaggio, non possono neppure "decodificarlo" da zero (almeno per i linguaggi piu complessi) ... ora estendi il principio ad un "metalinguaggio" inventato specificamente per non fornire alcuna "informazione di decodifica" all'estraneo, utilizzando livelli multipli di significanti e significanti multipli basati sul contesto invece che sul contenuto ... ;)

Ci sarebbero anche un paio di esempi "pratici", volendo tirarli per i capelli :P ... pensa al Cinese Mandarino ... 70.000 simboli di base, letteralmente decine di significati e di significanti intercambiabili per ogni termine, e decine di termini intercambiabili per ogni significato, basati principalmente sul contesto e non sul contenuto, e questo solo per la forma scritta, perche' se si passa a quella parlata, i significati cambiano anche in base al tono della voce ... oppure al linguaggio di alcune tribu indiane, che durante la guerra gli Americani usarono per scambiare messaggi radio che i Tedeschi non riuscivano a decodificare, perche' i termini usati non erano fissati su significanti e ripetizioni ordinarie, ma cambiavano in base ai contesti dell'intero messaggio ...  come potrebbe un'estraneo, senza un'insegnante, "decodificare" il contenuto ? ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

leo72

@Etem:
quello che vuoi fare è già stato fatto in passato  ;)
Ti dice nulla "parla-codice"?  :P
Erano indiani Navaho che furono usati durante la II guerra mondiale per spedire messaggi in codice dagli USA alle truppe nel Pacifico. Ti ricordo, giusto per rinfrescarti la memoria, che il Giappone era alleato con l'Italia e la Germania (il cosiddetto Asse). Negli anni Trenta alcuni studiosi tedeschi avevano visitato diverse tribù indiane, le uniche con cui non avevano avuto contatti erano i Navaho. I Navaho usavano una lingua propria, diversa da tutti gli altri dialetti dei Pellerossa americani. Durante il conflitto furono spediti diversi "parla-codice" nel Pacifico per ricevere le trasmissioni sul movimento delle truppe spedite da un altro "parla-codice".
Il parla-codice sul fronte era sempre accompagnato da un soldato americano che aveva l'ordine di uccidere il parla-codice nel caso fosse stato a rischio di cattura.

https://it.wikipedia.org/wiki/Code_talker


Etemenanki

> Leo, si, quelli intendevo ... ;)


> Lock: a me sembra che il piu "idiota", in quel caso, non sia stato il computer, che si e' limitato a tradurre alla lettera, ma chi gli ha fornito la frase originale scrivendola in "slang" anziche' in "plain English" :P

("lontano da" e' piu correttamente scritto "far from" , che "out of", che in vece vuol dire "fuori da" ... quindi "out of sight, out of mind" era gia all'inizio scritto come "fuori dalla vista, fuori di testa", ed il computer non ha poi sbagliato di tanto, ritraducendolo con "invisibile, idiota" :P XD XD XD)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Go Up