Go Down

Topic: Modulo Wi-Fi ESP8266 (Read 549487 times) previous topic - next topic

cam9500

Le nodeMCU arrivano programmate con un interprete LUA e ci sono anche esempi in tale linguaggio interpretato che però io ritengo un po' inefficiente proprio perché interpretato.
Ho letto che il lua può dare problemi su applicazioni un pò più complesse. Però nulla vieta di utilizzare il C con IDE arduino es. QUI quindi è possibile programmarlo in entrambi i modi direi.... o no?



gpb01

Non seguo molto questo thread ... però in merito a quest'ultima domanda posso confermare la programmazione in 'C'.

Per giocare ho comprato un po' di QUESTE ed ho seguito QUESTE indicazioni ... funzionano che è una bellezza :D

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

zoomx

Le nodeMCU vengono con il LUA a bordo ma puoi benissimo usare il core Arduino che sovrascriverà l'interprete.
Questo vale per tutti i moduli ESP noti ad oggi: sono tutti equivalenti, cambiano solo i pin a disposizione e la dimensione della flash ma a parte questo si possono interscambiare.

SukkoPera

Per programmare in LUA su ESP ci si carica un firmware apposito, non c'è una versione specifica del chip. Quindi tutti gli ESP sono programmabili sia in C che in LUA, a seconda della propria volontà.

Recentemente, grazie ad un Kickstarter, l'ESP si può programmare anche in MicroPython: https://github.com/micropython/micropython/tree/master/esp8266.
"Code is read much more often than it is written, so plan accordingly. Design for readability."

Guida rapida a ESP8266: https://goo.gl/kzh62E

bibi2

salve,

avrei bisogno di far comunicare il mio pc con arduino inviandoli dei comandi via wifi, questo modulo potrebbe fare al caso mio?

grazie.

gpb01

Non so qualcuno lo ha già viso, ma mi sembra un articolo degno di nota da segnalare in questo thread ...
... "ESP8266 NodeMCU Backdoor uPWM Hack for IR signals" che permette di inviare segnali IR.

Buona lettura :)

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

gpb01

#2121
Jul 08, 2016, 11:09 am Last Edit: Jul 08, 2016, 11:09 am by gpb01
avrei bisogno di far comunicare il mio pc con arduino inviandoli dei comandi via wifi, questo modulo potrebbe fare al caso mio?
L'ESP8266 è un modulo WiFi che puoi connettere ad Arduino (... ed in questo thread è ben spiegato come) per collegarlo alla tua rete WiFi e quindi per poter inviare comandi ad Arduino via WiFi.

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

bibi2

L'ESP8266 è un modulo WiFi che puoi connettere ad Arduino (... ed in questo thread è ben spiegato come) per collegarlo alla tua rete WiFi e quindi per poter inviare comandi ad Arduino via WiFi.

Guglielmo
grazie, guardando i primi post mi è sembrato che la scheda in questione che contiene il modulo wifi non può essere collegata, passatemi il termine "direttamente" ad arduino, ma sono necessari diodi e resistenze per fare degli adattamenti, la situazione è ancora così? esistono delle alternative più semplici che possono essere collegate direttamente ad arduino senza ulteriori componenti?

SukkoPera

Vedi questo: http://www.mlt-group.com/Products/ESP8266-WIFI-Shield-with-ESP-01-ESP-07-ESP-12-for-Arduino.

Oppure puoi anche prenderti un NodeMCU o WeMos D1/D1 Mini e programmarli direttamente.
"Code is read much more often than it is written, so plan accordingly. Design for readability."

Guida rapida a ESP8266: https://goo.gl/kzh62E

gpb01

#2124
Jul 08, 2016, 04:04 pm Last Edit: Jul 08, 2016, 04:06 pm by gpb01
NO, i moduli ESP8266 funzionano a 3.3V e NON sono "5V tolerant" ... quindi, devi per forza sia alimentarli con una alimentazione separata (il pin 3.3V di Arduino NON è in grado di dare la corrente sufficiente), sia adattare i livelli.

Altrimenti ... prendi una shield WiFi fatta a pronta per Arduino che conterrà tutta l'elettronica necessaria a bordo.

Guglielmo

Edit: SukkoPera, che mi ha preceduto, ti ha dato il link ad una shield fatta apposta ;)
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

minimanimo

Per programmare in LUA su ESP ci si carica un firmware apposito, non c'è una versione specifica del chip. Quindi tutti gli ESP sono programmabili sia in C che in LUA, a seconda della propria volontà.

Recentemente, grazie ad un Kickstarter, l'ESP si può programmare anche in MicroPython: https://github.com/micropython/micropython/tree/master/esp8266.
A questo punto penso che acquisterò una WeMos D1 grande,poichè ha la polssibilità di essere alimentata esternamente dai 9 ai 24V.
Visto che i pin di questa board (come le altre board basate su ESP) lavorano con una tensione sui pin di 3.3V quindi non sufficiente ad alimentare i relè,che a loro volta lavorano con una tesione di 5V,ho pensato di usare uno scherma del genere:




Perdonate le imprecisioni,non uso Eagle da 4 anni e l'ho fatto velocemente.
Il diodo in effetti non mi sembra necessario,dovrebbe essere già montato.
Che ne pensate? Serve altro?

SukkoPera

Ma hai dei relé nudi e crudi oppure una schedina con dei relé sopra?
"Code is read much more often than it is written, so plan accordingly. Design for readability."

Guida rapida a ESP8266: https://goo.gl/kzh62E

brunello22

A parte il fatto che quel collegamento BJT-Relè è sbagliato e non fai altro che metterlo in corto...

e poi, la Wemos D1 è questa

che oltre ad avere gia' il +5V si usa come se fosse un Arduino

minimanimo

#2128
Jul 08, 2016, 07:23 pm Last Edit: Jul 08, 2016, 07:31 pm by minimanimo
Ma hai dei relé nudi e crudi oppure una schedina con dei relé sopra?
Ho sia i relè crudi,sia le shield con i relè sopra che vengono alimentati a 5V e che vengono eccittati da un eventuale segnale HIGH.
L'ho rappresentato cosi in corto per spiegare in modo sintetico che la shield verrebbe alimentata esternamente e il segnale di eccitamento verrebbe gestito da un transistor,poichè la WeMos ha le uscite a 3.3V

A parte il fatto che quel collegamento BJT-Relè è sbagliato e non fai altro che metterlo in corto...

e poi, la Wemos D1 è questa

che oltre ad avere gia' il +5V si usa come se fosse un Arduino
So benissimo che la WeMos è un'altra,infatti sullo schema l'ho scritto. Ho usato quello di un Arduino Uno perchè la libreria del WeMos non l'ho trovata,ma dato che sono simili....
Per il relè vale il discorso fatto sopra.
Per i più 5,a quanto ho capito non sono sufficienti per alimentare altri moduli,come quello dei relè. Felice di essere smentito,risparmierei sui componenti (non dovrei comprare quindi il regolatore).

brunello22

Quote
L'ho rappresentato cosi in corto per spiegare in modo sintetico che la shield verrebbe alimentata esternamente e il segnale di eccitamento verrebbe gestito da un transistor,poichè la WeMos ha le uscite a 3.3V
ok, pero' lo schema che hai fatto è totalmente errato, questo è corretto



Go Up