Go Down

Topic: [OT] Stampa 3D per tutti ... novità, curiosità, amenità, chiacchiere varie (Read 164745 times) previous topic - next topic

astrobeed

Premesso che Cura e Slic3r sono tutti e due dei validi software, che a seconda del tipo di stampa può convenire usare uno o l'altro, rimane il fatto che Simplify3D è decisamente su un altro livello. :)
Scientia potentia est

gpb01

Premesso che Cura e Slic3r sono tutti e due dei validi software, che a seconda del tipo di stampa può convenire usare uno o l'altro, rimane il fatto che Simplify3D è decisamente su un altro livello. :)
Verissimo ...
... altrettanto vero che, nel il 75% dei casi va benissimo usare "Cura" nella nuova versione 2.1.3 che ha un'infinità di parametri personalizzabili. Non è sicuramente a livello di Simplify3D, ma ci si avvicina parecchio. ;)

Guglielmo

P.S.: Uso entambi ... ;)
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

PaoloP

Cura 2 nel mio PC si pianta spesso e volentieri, Cura 15 invece gira benissimo così come Simplify3D.
Slic3r neanche lo considero.

gpb01

Cura 2 nel mio PC si pianta spesso e volentieri
Cura 2.1.3 ? Lo uso regolarmente (su OS X) e non ho mai avuto grossi problemi ... ::)

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

PaoloP

Si. E' lentissimo e a volte mentre calcola gli strati si blocca.
Inonltre e lento anche nel ruotare l'oggetto e ogni volta che modifico un valore.
Cura 15 e Simplify3D non si inceppano mai.

gpb01

Si, lo "slicing" non è propriamente un "fulmine di guerra" :D ... però non riscontro alcuna lentezza nella rozazione di oggetti, anche molto complessi ::)

Cura versione 1.x è sicuramente più veloce e più stabile (Cura 2.x è tuttora in fase di sviluppo).

Simplify3D, ovviammnete, nulla da dire ;)

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

menniti

Aggiornamenti rapidi: mi hanno inviato il loro config.ini per singolo estrusore 0.35 e filamento 1.75, però prima di fare prove barbare voglio portare tutto su un foglio comparativo, così adotto il sistema di ricerca a cui sono abituato, non riesco a tenere a mente le decine di prove che faccio con i vari valori, devo scrivermi tutto.
Ho finalmente modificato (è la terza volta) il sistema del finecorsa "Z", che mi permette una regolazione finissima, mi resta sempre un lieve disallineamento tra le varie parti del piatto ma le problematiche in gioco sono troppe, quindi rinvio la ricerca dell'impossibile a quando avrò idee chiare....
Quindi ora metto via arnesi e ferramenta ed installo OPENSCAD, così faccio prove con oggetti che mi servono e non con cubetti, che ormai sembro una bisca clandestina per il gioco dei dadi.....

menniti

La nottata appena trascorsa....:
Finalmente stampo su vetro senza warping, anche se un piccolo oggetto di 2.5 cm di diametro, fondo a specchio :), vedremo con oggetti più grandi, fondamentale è stato il nuovo sistema di regolazione dell'asse Z.
Al momento niente shift ma praticamente non c'erano riempimenti, però ho notato che il config che mi hanno inviato mi da ragione, circa il fatto che l'infill va realizzato a velocità minime.
Invece mi resta questo strano effetto delle microbolle sulle pareti, nel caso di questi tappi un paio di giri di carta vetrata grossa e poi fine li hanno resi decenti, e comunque le pareti spariranno nel tubolare, ma per qualcosa di visibile non va bene per niente: le pareti sono piene e costanti, solo che ci sono questi granuli fastidiosissimi alla vista. Interventi provati: temp. 180°, estrusione 0.95, ritrazione Z 2.5mm + 0.3, forse dovrei diminuire la velocità di estrusione, ma qual è il valore da ritoccare?
Qualcuno ha altri suggerimenti?
Io intanto cerco sui troubleshooting in rete.

PaoloP

Il perimetro lo stampi interno-esterno o esterno-interno?
Puoi fare una foto delle bolle?

menniti

Non saprei dirti, ma l'effetto è su entrambe le pareti, però vedo scanalature oltre che estrusioni, e considera che la superficie ora è stata trattata con carta vetrata, prima grossa, poi fine.

EDIT: Il perimetro è realizzato in tre diverse passate dall'interno verso l'esterno, lo sto vedendo seguendo l'anteprima in diretta del Repetier.

astrobeed

Michele, sono contento che hai risolto la questione asse Z e ora stampi sul vetro, +1 per me e Guglielmo :) , però permettimi di dirti che le ultime stampe sono una vera schifezza. :D
C'è ancora molto da lavorare per arrivare alla perfezione, per i blobs & zit, è il tuo problema, leggi qui.
Scientia potentia est

menniti

Michele, sono contento che hai risolto la questione asse Z e ora stampi sul vetro, +1 per me e Guglielmo :) , però permettimi di dirti che le ultime stampe sono una vera schifezza. :D
C'è ancora molto da lavorare per arrivare alla perfezione, per i blobs & zit, è il tuo problema, leggi qui.
:smiley-mr-green:  :smiley-mr-green:  :smiley-mr-green:
karma giustamente attribuiti ad entrambi, ma ti avevo detto che avrei affrontato e risolto la cosa, mica non mi fidavo di voi ;)
Il link l'ho trovato già stamattina (mi avevi già detto che era quello il difetto), ma per me non è facile traslare quelle indicazioni da un programma all'altro, grosso modo sono le indicazioni che mi sono già state date, però ora voglio riprovare a stampare il cubetto perché mi è venuto il dubbio che il problema esista solo con le stampe curve, non risolvo niente ma almeno ho un elemento in più.In effetti il pezzo parallelepipedo stampato per la modifica dell'asse Z è perfetto, dopo metto la foto e quella del cubetto che è già in stampa.

EDIT: come pensavo le stampe lineari vengono perfette, e quindi devo capire perché nella stampa curva avviene questo effetto, forse l'inerzia o la velocità che va ridottaal minimo.
Ma stampando oggetti con il filling denso in piccoli spazi mi succede di nuovo il problema dello shift, la velocità eccessiva fa scattare qualcosa e mi sfasa l'asse X.
Mi è venuto in mente di misurare le temperature di driver e motori con un termometro IR e il driver del motore Y misura stabilmente 100°C contro i 60° dell'asse x ed i 35° di asse z ed estrusori; anche lo stesso motore y misura 50°C mentre tutti gli altri sono a 36° circa.
Allora ho invertito i driver di x e y ma la situazione è rimasta invariata, quindi non è il driver che riscalda il motore ma è il motore che sforza di più, d'altra parte non si sentono attriti a parte quelli ovvi del movimento a cinghia e dei cuscinetti. Per stasera basta, domani provo a controllare la meccanica per vedere se trovo qualche sfasamento che giustifichi uno sforzo in più del dovuto.
Però ora che sto facendo una stampa in cui i motori si muovono lentamente, i motori x e y sono entrambi a 36° mentre il driver y continua a misurare 100° e quello x 60°; da cosa può dipendere secondo Voi?

menniti

Un aggiornamento sul problema shift. Ho notato che quando arrivo ad un layer sul quale inizia un piccolo filling pieno, quindi il suo primo strato, l'estrusore va ad una velocità pazzesca, sento una specie di scatto e lì so di aver perso le coordinate x ed inizia lo shift; ormai ho imparato e risolvo rapidamente mettendo in pausa, cliccando sul pulsante origine x e riprendendo la stampa, ma ovviamente un layer si perde e non va bene e nemmeno posso stare ore ed ore a controllare le stampe. Sugli strati successivi va molto più lentamente e problemi non se ne creano; ora sto stampando un oggetto ed analizzando i layer vedo che il prossimo sarà al 91 (sono al 75), se è vero ciò che sostengo lì avrò di nuovo il casino.
Siccome questi piccoli filling sono stampati sopra un layer di riempimento leggero (che peraltro ho abbassato al 20% ma poi lo ripristino) ho idea che l'unico campo sul quale posso agire è quello della stampa sul vuoto (bridge, credo) che è messa al 100% per le note ragioni tecniche.
Al momento ho portato la velocità generale a 60/100, ma è cosa da pazzi…..
Che ne pensate?

EDIT: con velocità al 60% il problema non si manifesta; avendo il tempo ora la porto al 100% per i layer normali, che sono la maggioranza e la abbasso al 60% al layer precedente a quello del filling pericoloso, e così recupero un mare di tempo, ma ovviamente devo trovare il modo di automatizzare questa cosa....

PaoloP

Se l'estrusore aumenta la velocità è perché glielo dice il Gcode. Quindi è questione di Slicer e configurazione.
Michele ma tu puoi stampare da SD? Sarebbe interessante farti stampare un tuo pezzo preparato con Silmplifi3D. Posso preparalo io oppure Astro. Ma servono tutti i parametri della stampante 3D e il file stl.

menniti

Ciao Paolo, ormai ho certezza assoluta, ho "sgarrato" un layer con un infill pieno primo strato di 3mm2 e subito ho perso l'x. Se lascio fisso 60% va a meraviglia; il mio problema è come agire su questa particolare fase di stampa, a mio parere è il valore di stampa sul vuoto (credo sia il bridge).
Nessun problema a fare la prova, ho il controller grafico con SD anche se non ho mai stampato in locale, ma con l'occasione imparo. Che tipo di parametri ti servono?
Come file ti dò quello del tappo da 25, che ho ottenuto modificando quello da 60 che mi ha fornito Astro, perché qui ho il problema blobs & zit, sul quale davvero non so come intervenire, anche se ho appurato con certezza di avere questo difetto solo con le stampe circolari, quelle rettilinee mi vengono di qualità decente.
A me al momento basta poter ottenere un oggetto guardabile senza avere intoppi durante la stampa, poi pian piano affinerò i parametri qualitativi.

Go Up