Go Down

Topic: Costruzione Orologio a led da parete - guida per dummies (Read 67799 times) previous topic - next topic

Etemenanki

Aggiungo solo che se e' presente la freccetta (che in genere quelli normali non mettono, ma alcuni si), significa semplicemente che quello e' un'ingresso "di comando", clock o simile (infatti sull'ingresso dati, il 14, non c'e' nessuna freccetta) ... poi dipende da chi disegna i simboli, io personalmente ho sempre usato le diciture a lettere che danno immediata indicazione della funzione, ma questo quando me li disegno io ... i pazzoidi che stabiliscono i cosiddetti "standard internazionali", mica c'e' modo di sapere cosa si fumano mentre si inventano i simboli, ma a volte da l'impressione di essere roba "strana" ... :P :D
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

claudio_f

Quote from: Etemenanki
Aggiungo solo che se e' presente la freccetta (che in genere quelli normali non mettono, ma alcuni si), significa semplicemente che quello e' un'ingresso "di comando", clock o simile (infatti sull'ingresso dati, il 14, non c'e' nessuna freccetta)
Più precisamente indica che quell'ingresso è sensibile ad un fronte e non ad un livello, fronte di salita = freccetta, fronte di discesa = freccetta + pallino. Poi tipicamente gli ingressi sensibili ai fronti sono appunto usati per i vari comandi come clock e latch. Per non avere malfunzionamenti c'è anche un hold time da rispettare prima e dopo gli impulsi di clock (tempo entro cui gli altri segnali devono restare fissi), ma sono tempi di pochi nanosecondi contro i 5 microsecondi richiesti da una digitalWrite, per cui pilotando gli shift register tramite sequenze di digitalWrite non si avrà mai alcun problema.

ghezzia

OK,
ora (forse) ho capito come collegare gli Shift....
nel frattempo sto guardando in giro gli altri componenti che mi mancano tipo RTC.

Ho trovato questo che, mi sembra interessante. Non capisco perchè amazon me ne propina 5 però vabbè...

Vi faccio una domanda in tal senso, visto che questo componente gestisce anche formato ora (12/24h) e data, pensate si possa fare in modo che il nostro fantastico orologio alla fine alterni l'orario alla data?

Altra domanda che non centra con l'RTC... con un sensore esterno collegato alla scheda potrei anche alternare la visualizzazione della temperatura esterna?

Immagino si possa fare tutto ma mi chiedo: quanto complicato diventa la costruzione di questo orologio? si complica anche la parte elettronica, oppure è solo questione software?
A dopo
Alex

brunello22

Quote
pensate si possa fare in modo che il nostro fantastico orologio alla fine alterni l'orario alla data?

 ... con un sensore esterno collegato alla scheda potrei anche alternare la visualizzazione della temperatura esterna?
E' solo software e nemmeno troppo complicato

Quante cifre ha l'orologio ?

ghezzia

E' solo software e nemmeno troppo complicato

Quante cifre ha l'orologio ?
per il momento lo sto progettando con solo 4 cifre... l'idea era che si alternasse l'ora, con la temperatura esterna, con la data con delle frequenze a mio piacimento. MI sembra interessante il fatto che sia solo software. Sicuramente devo considerare come gestire il sensore della temperatura esterna a meno che non lo si faccia in modalità wireless... ma mi sa che si complica ulteriormente :)

ghezzia

scusate altra domandina riguardante lo schema di etem: ma i componenti vicino ai quali è scritto 100u oppure 100n con, in alcuni casi il voltaggio a lato, che componenti sono? ;)

zoomx

Condensatori
100u -> 100 microFarad
100n -> 100 nanoFarad

Il voltaggio è quello oltre il quale c'è il rischio che avvenga una scarica fra le armature del condensatore.

Etemenanki

Le tensioni che ti ho segnato vicino agli elettrolitici, sarebbero le tensioni minime da usare ... ad esempio, sui 5V di solito si usano condensatori da 12 o 16 V (si possono usare anche tensioni minori, ma non e' sicuro ... ad esempio, non so se hai mai visto qualche motherboard rotta con quasi tutti gli elettrolitici "scoppiati" o gonfi in cima ... quello e' quello che puo succedere usando tensioni troppo basse (loro usano 6.3V sui 5V, perche' a quelle tensioni i valori elevati sono meno ingombranti, poi dopo un po esplodono :P)

Per i non elettrolitici non ha molta importanza, perche' sia i ceramici che i poliestere sono come minimo da 64V, quindi e' inutile specificarlo, a meno che le tensioni in ballo non siano piu elevate.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

claudio_f

Quote from: Brunello
E' solo software e nemmeno troppo complicato
Ho qualche dubbio sulle temporizzazioni, nel senso che non sono così pratico di Arduino da capire "cosa gira sotto il cofano". Il progetto prevede il pilotaggio multiplex di 4 cifre, quindi al massimo va fatto un cambio cifra ogni 5 millisecondi precisi (meglio se di meno). Non so valutare quanto influisca la comunicazione i2c su questi tempi (uso di timer sottostanti in conflitto con millis, procedure bloccanti ecc).


Quote from: ghezzia
scusate altra domandina riguardante lo schema di etem
Mi viene un certo timore... meglio chiarire: le resistenze non hanno un verso, mentre diodi e condensatori elettrolitici sono polarizzati, di solito il terminale più lungo è il positivo/anodo. Sugli elettrolitici c'è anche la fascia stampata per il negativo. Il corpo dei LED è anche appiattito lato negativo/catodo, mentre su altri diodi questo terminale è indicato con una fascetta. Per i display già pronti ci si deve rifare al datasheet, oppure provare i segmenti usando una resistenza e una *bassa tensione* di prova non superiore ai 5V (i LED si danneggiano facilmente con una tensione inversa superiore).


Etemenanki

#129
Nov 16, 2016, 03:08 pm Last Edit: Nov 16, 2016, 03:13 pm by Etemenanki
Il multiplexing per non dare fastidio dovrebbe andare minimo a 25 Hz, se di piu e' meglio ... se usi 10mS sei gia a 100Hz ... ma anche 5 ci dovrebbero stare dietro, le istruzioni della MCU se non sbaglio "viaggiano" in termini di pochi microsecondi l'una ... mettiamo 5, anche se non sono sicuro, con 5mS hai "tempo" per 1000 istruzioni a cifra ... anche se ne servissero 10 di microsecondi, con 5mS a cifra avresti sempre 500 operazioni per cifra ... mi sa che bastano ... ;)

Certo il tutto NON deve essere bloccante ... se poi ci vuole fare pure la sveglia, con il pin OE puo perfino far lampeggiare l'intero display indipendentemente dal codice che gestisce le cifre (per quello l'ho portato fuori nello schema :D) ... e se lo sketch prevede delle temporizzazioni, magari per alternare ora/data/anno/temperatura/ecc, vanno tutte gestite in modo non bloccante con millis ... ma la "base", cioe' lo schema elettrico, cambierebbe poco, giusto l'aggiunta della parte per leggere la sonda di temperatura, il grosso del lavoro lo farebbe lo sketch ...

c'e' solo una cosa da prendere in considerazione ... sia che usi i led separati, sia che le cifre poi le faccia con le strisce di led, essendo in multiplex appariranno meno luminose che se le pilotasse direttamente a 12V, e per risolvere questo ci sarebbe un solo modo, cioe' usare piu di 12V per alimentarci la parte del display ... ma questo e' un problema che dovra' prendere in considerazione solo piu tardi, alla fine, quando passera' alla realizzazione definitiva ... per adesso, e' l'ultima delle cose di cui preoccuparsi ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

claudio_f

Quote from: Etemenanki
Il multiplexing per non dare fastidio dovrebbe andare minimo a 25 Hz, se di piu e' meglio ... se usi 10mS sei gia a 100Hz
Sono quattro cifre da accendere in sequenza e la sequenza va ripetuta tot volte. 25 volte mi sembra davvero poco, il tremolio si vede chiaramente, mentre 50 lo noti solo muovendo rapidamente gli occhi. 50Hz sono 20ms, 5ms per cifra.

Quote
... ma anche 5 ci dovrebbero stare dietro, le istruzioni della MCU se non sbaglio "viaggiano" in termini di pochi microsecondi l'una ... mettiamo 5, anche se non sono sicuro, con 5mS hai "tempo" per 1000 istruzioni
Questo si, ad esempio se lavoro in assembly so esattamente quanto tempo ho per fare ogni cosa (con un PIC a 4MHz ho mediamente a disposizione circa 900 istruzioni al millisecondo) e so sempre quali periferiche sto usando e che tempistiche richiedono. Però con il C di Arduino e le funzioni di libreria non c'è più questo "controllo" a basso livello (o meglio, c'è per chi lo conosce). Io non so se la lettura da bus i2c richiede troppo tempo, se coinvolge interrupt che sfalsano millis ecc. Il risultato potrebbe quindi essere una luminosità tremolante sui display (motivo per cui la soluzione brunello con uno shift register per cifra e niente multiplex è *molto* più semplice dal punto di vista software... poi c'è il discorso luminosità, e non c'è niente da fare, o sovralimenti i LED, o la luminosità sarà un quarto di quella possibile con le cifre sempre accese... ma potrebbe anche bastare).

Etemenanki

#131
Nov 16, 2016, 06:57 pm Last Edit: Nov 16, 2016, 06:58 pm by Etemenanki
25Hz e' la frequenza di variazione dei film su pellicola ... non e' che lampeggino molto ;) (la retina gia a 20Hz, salvo alcune eccezioni, non si accorge dello sfarfallio)

Be', se li fai andare a 50Hz, anche se sfasano di un millisecondo in piu non se ne accorge nessuno ...

Certo senza multiplexing sarebbe piu semplice, aggiorni la sequenza solo quando cambiano le cifre ... ma se lui vuole farlo cosi ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

ghezzia

Certo senza multiplexing sarebbe piu semplice, aggiorni la sequenza solo quando cambiano le cifre ... ma se lui vuole farlo cosi ...
Aspetta aspetta! diciamo che la scelta del multiplexing mi sembrava fosse logica dal momento che la uno (o la MCU che la sostituirà) non hanno un numero sufficiente di pin... giusto?

Comunque ho quasi tutto il materiale e il prototipo sta per nascere :).

A tal proposito vi chiedo un consiglio pratico che serve ora che sto montando il prototipo, ma mi servirà anche quando metterò tutto "in produzione" sulla millefiori: considerando che sto partendo dagli switch, conviene impostare tutto il "tragitto" che ogni collegamento fa dal PIN dello switch fino al display per poi passare al successivo PIN oppure imposto lo step 1 del primo PIN poi lo step 1 del secondo e così via per poi passare allo step 2 di ogni PIN per arrivare fino alla fine?
NON so se mi sono spiegato bene :) ma questo consiglio mi servirebbe per cercare di fare meno casino possibile :D

Altro quesito che riguarda lo sketch, sapete dove posso trovare qualcosa che faccia al caso mio? in rete ho trovato questo ma non sono sicuro possa fare al caso mio... forse basta solo modificarlo.

Thanks a lot
Alex

ghezzia

scusate,
altra domanduccia: come riconosco positivo da negativo dei transistor bc337 e bc 327? ho visto solo che la testa è una sorta di semicilindro :)

zoomx

I transistor hanno 3 piedini, devi cercare su un motore di ricerca il transistor specifico perché non esiste una piedinatura unificata e ogni transistor ha la sua piedinatura, più o meno.

A me sembra che tu stia aggiungendo sempre più funzioni quando ancora non hai acceso nemmeno un led.
Cerca esempi che usano direttamente i led a 7 segmenti, l'esempio che hai trovato usa un LCD e con quello l'orario si scrive come in un print.
Visualizzare una temperatura non sarà un problema. Anche per la data. Ma questo viene dopo.

Go Up