Go Down

Topic: Misuratore Ampere / Volt / Continuità per pista Slot (Read 16104 times) previous topic - next topic

astrobeed

Il problema di base è che non puoi modificare controller e auto, i proprietari sicuramente non lo permettono, quindi alla fine può solo misurare tensione e corrente sulle varie tracce, punto e basta. :)
Scientia potentia est

docsavage

E' stato bello... ma appunto: è stato
Ocio, che adesso c'è qualcuno che dice le stesse cose per le quali mi martellavate... Il tempo è galantuomo

Etemenanki

Si, fino li ci ero arrivato persino io :D ... il mio discorso era sulla ipotetica implementazione di un sistema presenza/assenza della macchina (o per meglio dire, contatto/noncontatto delle spazzole), non sulle altre misure che poteva o meno fare ;) ... ovvio che se non si puo, non si puo ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

ricki158

Ragazzi, siete una forza!! Quindi in pratica mi state dicendo che non si può fare.
Chiedo un'altra volta. Che display OLED posso prendere, che sia grande? Non ne ho mai usato uno e non so cosa c'è in commercio.

Etemenanki

... Quindi in pratica mi state dicendo che non si può fare.
...
Non proprio ... ti stiamo dicendo che, per quanto riguarda il controllo di presenza dell'auto sulle tracce, modificando le auto si potrebbe, ma senza una modifica all'auto non si puo fare ... mentre per quanto riguarda misure di correnti e tensioni, mi sembra ti abbiano gia detto che si puo, anche se ti servono 8 ingressi analogici, per 4 tracce, perche' ogni parametro ha bisogno del proprio ingresso (4 per le 4 tensioni e 4 per le 4 correnti) ... inoltre se vuoi anche temperatura, umidita', eccetera, ovviamente servono ulteriori ingressi analogici ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

ricki158

Si intendevo il controllo sulla presenza o meno.

Etemenanki

Senza una minima modifica all'auto, non mi viene in mente alcun altro sistema ... a parte ovviamente quello suggerito come alternativa, di far circolare una minima tensione in permanenza fra le tracce e rilevarne l'assorbimento ... ma che con le correnti ed extratensioni dovute alle manovre, avrebbe un sacco di problemi, e sarebbe estremamente difficile da implementare, specie se anche i regolatori fossero degli utenti come le auto ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

docsavage

Auto presente= Tensione presente corrente presente

auto assente = tensione presente corrente assente

NON determinato (ma ininfluente) tensione assente

è il massimo fattibile, mi spiace


controllare una cosa, però...

che a causa di normative EMC non sia già obbligatorio il condensatore citato
E' stato bello... ma appunto: è stato
Ocio, che adesso c'è qualcuno che dice le stesse cose per le quali mi martellavate... Il tempo è galantuomo

Etemenanki

Ci avevo pensato, ma se dicono di non volere peso extra, possibile che non ci sia (o che lo rimuovano, magari :D) ... se c'e', comunque, si puo provare ...

Se poi non fosse possibile aprire le auto, forse basterebbe costruire un circuitino con un 555 sui 500KHz o frequenza simile, collegarlo ad un sistema di rilevazione (accoppiato in modo capacitivo), e poi misurare se c'e' attenuazione e quanta collegando i capi alle spazzole dell'auto ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

docsavage

oh beh...

se fosse obbligatorio, per ragioni EMC

si obbliga la verifica dell'auto, con misura esplicita, con lo stesso circuito che rileva la presenza

o meglio ancora, si aggiunge per regolamento che un auto "assente" ovvero che non risulta in pista col circuitino non avrà una eventuale vittoria omologata

se ci fosse l'obbligo...........
E' stato bello... ma appunto: è stato
Ocio, che adesso c'è qualcuno che dice le stesse cose per le quali mi martellavate... Il tempo è galantuomo

ricki158

Ho parlato con un po' di piloti e il guru per noi slottisti... "Beh tu prova a vedere, se è interessante si può provare a renderlo obbligatorio".
Però non sono molto preparato su questa parte dell'elettronica.

ricki158

Ho fatto alcune ricerche ed è lo stesso metodo utilizzato nei plastici per trenini per capire se un treno è deragliato o meno.
In pratica si tratta di mettere un'impedenza in serie al positivo, dopo questa bisogna iniettare la frequenza. Il condensatore serve per cortocircuitare la frequenza e quindi abbassare l'ampiezza del segnale.
Nei trenini vengono usate frequenze da 100 kHz.

A questo punto però sorgono altri due problemi:
-1: Qualcuno può usare un regolatore in PWM per il motore. Usare una frequenza molto alta potrebbe non influire sulla regolazione in PWM;
-2: Se le spazzole (magari perché troppo lunghe o perché dopo un'uscita si sono arricciate) vanno in cortocircuito fra di loro? Se vanno in cortocircuito sul telaio e quindi sul corpo del motore e quindi sui magneti del motore? Possono succedere danni?

Etemenanki

si usano due o trecento KHz, e non dovrebbero interferire con i PWM, basta calcolare opportunamente le impedenze ...

Se va qualcosa in corto, fa gli stessi danni sia con che senza il sistema ed i condensatori, quelli non influiscono ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

ricki158

Eh, il calcolo di impedenze e condensatori non l'ho mai fatto. 300 KHz ok. I danni in quel senso corrispondono solo alla macchina che non si muove o che in curva non ha potenza, su un sistema di regolazione "lineare" come l'ho io.

ricki158

Buongiorno a tutti,
alla fine ho preso l'hardware che mi deve ancora arrivare dalla Cina.
La scelta per il momento, per quello che serve a noi con maggiore celerità, è ricaduta su due display 1.8" TFT con connessione SPI ed un Arduino Pro Micro Clone.

Display:
https://www.ebay.it/itm/1-8-Inch-TFT-LCD-Touch-Panel-Board-Display-Module-For-Arduino-UNO-MEGA-Nano-HOT/311967275698?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649

Arduino Pro Micro:
https://www.ebay.it/itm/Pro-Micro-5V-16MHz-ATmega32U4-Replace-ATmega328-Arduino-Pro-Mini/122745843861?ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT&_trksid=p2057872.m2749.l2649

Innanzitutto non ho mai fatto un collegamento con lo standard SPI.

Questo è il pettine della breakout board dei due display:



Nell'ordine abbiamo:

1 GND
2 VCC
3 NC
4 NC
5 NC
6 RESET
7 A0
8 SDA
9 SCK
10 CS
11 SCH (?)
12 MISO
13 MOSI
14 SD_CS
15 LED+
16 LED-

Allora, la mia domanda iniziale è:
- Basta un Arduino Pro Micro per pilotare due display? Io ero rimasto che il display veniva pilotato via SPI ma siccome c'è anche la memoria SD non ci sto capendo molto. In ogni caso come devo fare i collegamenti? Quei due pin SCK e SDA ricordano molto un i2c ...
- Nell'inserzione dice touch display. Siccome ne so veramente pochissimo, è veramente touchscreen? In tal caso eliminerei due pulsanti che devo mettere assolutamente per selezionare una delle 4 piste e azzerare eventualmente i valori.

Innanzitutto queste due domande.

Intanto spiego cosa andrò a fare: ho un alimentatore che alimenta 4 postazioni con 12v, la GND è su una delle due "trecce" della corsia, le 4 corsie hanno la GND in comune. Nelle postazioni i concorrenti inseriscono il proprio regolatore (presa BiTicino MAGIC 3 poli, +, - REG) con il quale regolano la velocità e la frenata delle macchine. Noi vogliamo andare a monitorare la tensione in pista dei concorrenti, salvando il picco massimo, per essere sicuri che non ci sia nessuno che bara. (dal momento che per regolamento nessuno può fornire alla macchina una tensione maggiore rispetto a quella fornita dall'alimentatore)

Devo fare dunque una misurazione del voltaggio tra la GND dell'alimentatore e il positivo della pista. (alcune piste invece hanno un alimentatore per ogni corsia, ma il GND comune... in pratica non cambia nulla siccome hanno in comune la GND) Quindi per ogni positivo delle corsie metto verso GND una resistenza / fusibile da 1 Ohm 1/4 W per proteggere qualsiasi cosa possa accadere sulla pista, poi faccio un partitore di tensione con resistenza di "precisione" da 680 k Ohm 1/4 W e verso massa un trimmer multigiro da 200 k Ohm, prelevo dunque la tensione tra la resistenza e il trimmer e metto verso massa in anti parallelo un diodo da 5.1 v per sicurezza verso l'entrata di Arduino. E' un Arduino Pro Micro, quindi funziona a 5 v con regolatore di tensione interno.

Per quanto riguarda l'alimentazione di Arduino e dei display, 220v CA, un piccolo trasformatore a 12 v CC, per Arduino Pro Micro visto che ha l'alimentatore interno non c'è problema, per i display metterò un LM7805 in package TO220 con un paio di condensatori in entrata e in uscita da 100 nF e un paio di condensatori più grossi elettrolitici sempre in entrata in uscita, sempre tra entrata / uscita e massa. Naturalmente le masse di alimentazione e della pista per le misure vanno separate.

Detto ciò e tralasciato per il momento il discorso sulla connessione con i display (e il codice da scrivere che ancora devo studiare visto che, e lo ripeto per l'ennesima volta, non ho mai lavorato con questi display), veniamo al codice semplice semplice per intanto effettuare le misurazioni.

** il primo pezzo di codice arriverà fra qualche giorno **

Go Up