Go Down

Topic: telecontrollo via web (Read 5223 times) previous topic - next topic

stefa24

Aug 26, 2017, 09:00 pm Last Edit: Aug 27, 2017, 10:36 am by stefa24
Ciao
Ecco l'ennesimo utente che chiede consigli su come realizzare un telecontrollo di utenze via web.
Conosco la policy del forum in merito ad utenze 220v, ma non intendo modificare impianti, ma controllare tramite rele.
Comunque ho seguito spiegazioni tipo questo:
http://www.logicaprogrammabile.it/come-controllare-arduino-da-internet/
Ho un hostname su questo sito:
http://dyndns.it/
Su un router Atlantis, Model A02-RB-W300N, non ho trovato spiegazioni chiare su come impostarlo, sembra che manchi la pagina virtual server.
Sto utilizzando lo sketch di esempio "webserver" fornito con l'ide
Qualche suggerimento per indirizzarmi.
Grazie
Stefano

uwefed

Quote
Conosco la policy del forum in merito ad utenze 220v, ma non intendo modificare impianti, ma controllare tramite rele.
E il relé lo metti in aria e speri che influenzi per telepatia o telecinesi l'impianto ellettrico?

Claudio_FF

Allora sarebbe da chiarire che un conto è la modifica di un impianto, vietata sia per legge che come discussione sul forum, un altro l'uso dei quella tensione al di fuori dell'impianto (abatjour, macchinetta caffè, dimmer, progetti autocostruiti ecc ecc) la cui discussione è comunque vietata sul forum, indipendentemente dal fatto che non ci siano modifiche all'impianto.

Ora buttare a mare un thread perché si è scritto 220V invece di LED, quando l'argomento principale (peraltro interessante) è: telecontrollo via WEB, cioè comando o leggo un pin 5V di Arduino da remoto, mi sembrerebbe un peccato.
* * * * Una domanda ben posta è già mezza risposta * * * *

uwefed

Qualsiasi intervento su un circuito 230V che sia impiantisico o dopo una spina (apparecchio) necessita della conoscenza di effettuare un lavoro in modo corretto  (A regola d'arte) e se impianto di produzione relativa documentazione e certificazione. Un utente che chiede informazioni a riguardo significa che non ha leconoscenze necessarie per efetuare il lavoro.

Poi se si chiede come accendere un LED da Web non vedo problemi. Poi se l' utente a sua discrezione decide di non mettere un led ma sa come mettere un relé e come collegarlo in modo sicuro ai 230 é affare e responsabilitá sua. Gli utenti e i gestori del sito in questo caso non hanno responsabilitá.

Ciao Uwe


stefa24

Qualsiasi intervento su un circuito 230V che sia impiantisico o dopo una spina (apparecchio) necessita della conoscenza di effettuare un lavoro in modo corretto  (A regola d'arte) e se impianto di produzione relativa documentazione e certificazione. Un utente che chiede informazioni a riguardo significa che non ha leconoscenze necessarie per efetuare il lavoro.

Poi se si chiede come accendere un LED da Web non vedo problemi. Poi se l' utente a sua discrezione decide di non mettere un led ma sa come mettere un relé e come collegarlo in modo sicuro ai 230 é affare e responsabilitá sua. Gli utenti e i gestori del sito in questo caso non hanno responsabilitá.

Ciao Uwe
Ciao
Potevo scrivere LED o altro a tensioni 12v 24v, anche se certe utenze saranno in quelle situazione.
Ovvio che poi tutto sarà a mia discrezione e totale responsabilità.
Il tema è comunque quello di un telecontrollo tramite web.
Grazie ai molti

stefa24

#6
Aug 27, 2017, 08:01 am Last Edit: Aug 27, 2017, 08:04 am by stefa24
a pagina 50 del manuale
http://www.atlantisland.it/download/USERGUIDE/A02-RBX-W(300)N(V2.0)_MI01.pdf
Grazie Brunello
Ho fatto quello a pag 52 ma non capisco cosa mettere come: indirizzo IP del server che fornisce il servizio
Inoltre a pag 68 trovo solo dyndns.org mentre io ho dyndns.it, in appendice B descrive il .org che è a pagamento.
Grazie
Stefano

gpb01

#7
Aug 27, 2017, 08:34 am Last Edit: Aug 27, 2017, 08:51 am by gpb01
Potevo scrivere LED o altro a tensioni 12v 24v, anche se certe utenze saranno in quelle situazione.
... ecco, e allora la prossima volta fallo, perché ... se rileggo un post in cui si parla di 220V, devo chiudere senza altri preavvisi.

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

astrobeed

Potevo scrivere LED o altro a tensioni 12v 24v, anche se certe utenze saranno in quelle situazione.
Il punto della questione è che in Italia, ma anche nel resto del mondo, se dai consigli su come modificare impianti che sono soggetti a regolamentazione, leggi serve una abilitazione per poterci mettere le mani, oppure su cose potenzialmente pericolose, come collegare la 240 ac di rete, sei passibile di denuncia civile, o penale a seconda dei casi, se chi mette in pratica il tuo consiglio si fa male o fa dei danni.
Il regolamento vieta esplicitamente i discorsi legati a situazioni potenzialmente pericolose, o soggette a regolamentazioni, proprio per evitare problemi legali a chi, in buona fede, vuole aiutare senza sapere se chi sta dall'altra parte è veramente in grado di mettere in pratica i consigli.
Ovviamente se un persona vuole costruirsi una scatola con dentro un relè e una lampadina che si accende con la 240 ac nulla gli vieta di farlo come vuole e come meglio crede, però se io gli spiego come farlo e poi il tizio rimane folgorato dopo passo un brutto guaio con la legge, quindi mi astengo dal dare consigli in merito.
Se invece il progetto è dichiarato per accendere un led con la 12 V posso dare tutti i consigli del caso e se il tizio rimane folgorato perché usa la 240 ac invece della 12V è solo un problema suo e non mi possono portare in tribunale.
Fino a che si parla di cose in bassissima tensione (max 60 V dc o 25 Vrms ac) e non si toccano impianti civili, industriali, elettrodomestici, in generale nessuna apparecchiatura che richiede omologazioni, non ci sono problemi a parlarne sul forum, per tutto il resto la cosa viene valutata caso per caso dai moderatori e a loro insindacabile decisione thread può continuare oppure viene chiuso.
Se uno ha le competenze per mettere le mani su un impianto elettrico, o domotico, etc, di sicuro non ha bisogno di chiedere sul forum come si fa a collegarsi, per assurdo nemmeno io posso mettere le mani sull'impianto elettrico di casa perché sebbene ho titoli di studio in abbondanza relativi all'elettronica, oltre ad essere un progettista elettronica/software come lavoro, non ho l'abilitazione per farlo in quanto mi occupo di ben altre cose per le quali ho dovuto prendere i necessari pezzi di carta.

Scientia potentia est

stefa24

Mi spiace avere creato tanti malintesi, non chiedo ne voglio consigli su come fare collegamenti a voltaggi regolati da normativa, ma capire come da remoto entrare nella rete domestica mandare H o L un pin.
Mi spiace se indirettamente ho messo in difficolta il mod, che se decide di chiudere la discussione. Sono stato troppo sincero. Certo che è triste doversi sempre guardare le spalle.
Stefano

Etemenanki

[OT]

Approfitto di questo thread, per una domanda al volo, che e' OT rispetto all'argomento, ma riguarda la parte "tensioni di rete" ... giusto per chiarezza ...

Se io (o chiunque altro), SENZA modificare alcun impianto, e SENZA modificare alcuna apparecchiatura regolata da normative, costruisco un prototipo che funziona a tensione di rete (sicuro, protetto, con un trasformatore di isolamento dalla rete, eccetera, ma pur sempre funzionante a tensione di rete), il suddetto oggetto in che campo normativo si viene a trovare ? ... e riguardo al forum ?

Perche' l'unica cosa che ho trovato in merito e' un riferimento piu o meno tecnico sul fatto che i prototipi non sono soggetti alle comuni normative, ma nulla di piu specifico di questo ... qualcuno ne sa di piu ?
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

Claudio_FF

#11
Aug 27, 2017, 10:59 am Last Edit: Aug 27, 2017, 11:43 am by Claudio_FF
Quote from: astrobeed
sei passibile di denuncia civile, o penale a seconda dei casi, se chi mette in pratica il tuo consiglio si fa male o fa dei danni
Però anche LED e condensatori a bassa tensione possono scoppiare (l'ho visto succedere, ci si può rimettere un occhio), una batteria da 12V con sufficiente corrente di scarica può appiccare un incendio ecc ecc. Se poi uno ha chiesto come collegare un relé 5V e solo a posteriori si viene a scoprire che serviva per un detonatore...

Per dire che il rischio c'è anche a dare consigli sugli origami...

D'accordo in ogni caso sullo scoraggiare dal procedere a chi palesemente risulta totalmente non competente in materia.

Quote from: Etemenanki
l'unica cosa che ho trovato in merito e' un riferimento piu o meno tecnico sul fatto che i prototipi non sono soggetti alle comuni normative,
Mi accodo alla domanda... visto che da oltre trent'anni costruisco "prototipi" (ad uso strettamente personale) con tensioni da 1.5V a 100kV.
* * * * Una domanda ben posta è già mezza risposta * * * *

stefa24

Appunto i detonatori lavorano a bassa tensioni

Etemenanki

... per alcuni tipi di plastico non serve neppure il detonatore, bastano due pezzi di filo ed una batteria da 9V ... questo significa che chiunque chieda informazioni su circuiti a 9V va considerato un potenziale attentatore ? ... :D

(nel caso non si fosse capito, era una battuta :D)


Seriamente, sono anch'io daccordo nel non fornire informazioni potenzialmente dannose ... pero' ci dovrebbe forse essere anche una certa "modulazione" nella cosa ... intendo dire, se arriva uno e chiede "come faccio a collegare un rele' per far accendere la luce del soggiorno" o roba simile, mi sembra abbastanza evidente che si tratta di una persona che non ha alcuna preparazione in materia, per cui avrei parecchie riserve nel rispondere ...

Allo stesso tempo se arriva uno che mi dice "sono impiantista civile abilitato, e vorrei imparare come integrare un controllo domotico negli impianti che gia eseguo per lavoro", o roba simile, la cosa e' un tantino diversa, mi sembra ...

Poi, certo, c'e' anche da considerare il fatto che non siamo in grado di controllare quello che gli utenti ci dicono, per vedere se e' vero (anche se un po si puo capire dal tipo di domande) ...
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.

stefa24

Tornando alla discussione
Grazie Brunello
Ho fatto quello a pag 52 ma non capisco cosa mettere come: indirizzo IP del server che fornisce il servizio
Inoltre a pag 68 trovo solo dyndns.org mentre io ho dyndns.it, in appendice B descrive la procedura per il .org che è a pagamento.
Grazie
Stefano


Go Up