Go Down

Topic: Sistema di monitoraggio di un impianto di riscaldamento (Read 478 times) previous topic - next topic

YetAnother

Ciao, sono un neofita su Arduino. Mi sembra però un modo molto interessante. In particolare penso che possa fare al caso mio per una necessità impellente, cioè la preparazione di un sistema di monitoraggio per il mio impianto di riscaldamento. Pensavo di usare un Arduino, forse la sua versione Mega, per acquisire i valori di alcune sonde, eventualmente pre-elaborarli e poi passarli ad un raspberry che si dovrebbe occupare di visualizzarli e memorizzarli. Il raspberry è già in uso per il monitoraggio fotovoltaico.

Sono però proprio all'inizio. Devo acquistare tutto il materiale. Volevo chiedervi un primo consiglio in merito al contalitri che avrei scelto.

Si tratta di un apparecchio 'robusto' che mi deve contare il flusso dell'acqua sul ritorno dell'impianto. Il suo scopo è permettermi di calcolare la potenza e l'energia termica erogata dal generatore (una pompa di calore) in modo da calcolare di conseguenza il COP della stessa. La misura dell'energia elettrica è già realizzata sull'attuale sistema, che devo integrare con l'introduzione del controller Arduino.

Il contalitri che avrei scelto è un modello Zenner con uscita impulsiva 1 impulso 1 litro.

Il datasheet però è scarno.
lanciaimpulsi

via mail mi han detto dal post-vendita: max 12 V, max 20 mA

Questo tipo di sensore è gestibile? Riesco a stare in questi limiti di tensione e corrente? Mi viene in mente: mando il segnale Vcc di Arduino +5V al lanciaimpulsi e il ritorno lo collego ad uno dei pin di interrupt. Per limitare la corrente inserisco una resistenza da 250 Ohm (ammesso che esista). Ha senso?

Grazie

gpb01

Quell'oggetto altro non è che un reed-relè che sia apre e si chiude, a seconda della versione, 1 volta per ogni litro (1 l/Imp) o una volta ogni 10 litri (10 l/Imp) e che in serie, per evitare danni, ha già una resistenza da 47Ω.

Banalmente puoi usare un pin digitale dotato di interrupt (funzione della scheda Arduino che scegli) con la sua pull-up attivata (e quindi tenuto normalmente a livello HIGH) e collegare i due estremi del contatore uno a massa ed uno al pin.

Ad ogni impulso si avrai il passaggio da HIGH a LOW ed il ritorno ad HIGH ... ti basta innescare l'interrupt per il "falling" ed avrai che la ISR verrà chiamata ad ogni impulso.

Guglielmo
Search is Your friend ... or I am Your enemy !

vovovoa

Sto cercando di utilizzare anch'io arduino per un progetto simile al tuo, il mio gestisce il cambio di risorsa in base alla temperatura esterna (si sa che le pompe di calore rendono poco quando è freddo e umido), decide se preriscaldare dell' ACS ( a 43°C) se è selezionata la pompa di calore e gestisce le chiamate dei termostati di casa. Tutto questo con enormi difficoltà ed essendo arrivato ad un punto morto per mancanza di conoscenze basilari di programmazione.
Sei riuscito a calcolare il COP della pompa di calore?io utilizzo un contalitri fisso con display avendo una pompa sul primario a velocità fissa. Ah, la mia è una PDC autocostruita ;)

Go Up