Go Down

Topic: Passaggio da step-down 10A a step-down 20A.. DRAMMA giroscopio! (Read 1 time) previous topic - next topic

aldoz

Troppa confusione
Quindi non hai resistenze di pull up
E hai un bus ibrido, parte 5v e parte 3v3
Mi sembra 'non bello'
Esatto, nessuna resistenza esterna e dovrei avere abilitate quelle della scheda (che dovrebbero essere attive di default)

Adafruit a 5V (collegata al 5V arduino)
Giroscopio a 3,3V (collegato al 5V arduino -essendo tollerante)
Ricevitore PS2 a 3,3V (collegato al 3,3V di arduino)
LIDAR laser a 5V (collegato al 5V arduino)

I sensori di forza non utilizzano l2c.

Quote
cosa hai usato per adattare i livelli tra 5 e 3v3?
assolutamente niente!


Standardoil

Non credo sia il collegamento giusto
 ma non sono sicuro
Aspettiamo qualcuno più bravo di me
Prima legge di Nelson (che sono io): Se vuoi il mio aiuto dimostrami almeno che hai letto il nostro "aiutateCi ad aiutarVi"

Non bado a studenti, che copino altrove

Tu hai problema-Io ti domando-Tu non mi rispondi: vuol dire che non ti serve più

miky_police

Esatto, nessuna resistenza esterna e dovrei avere abilitate quelle della scheda (che dovrebbero essere attive di default)

Adafruit a 5V (collegata al 5V arduino)
Giroscopio a 3,3V (collegato al 5V arduino -essendo tollerante)
Ricevitore PS2 a 3,3V (collegato al 3,3V di arduino)
LIDAR laser a 5V (collegato al 5V arduino)

I sensori di forza non utilizzano l2c.
assolutamente niente!


praticamente un pastrocchio...
Aivoglia a parlare di alimentazione, step down, switching e bla bla bla bla se non hai neanche dei level shifter per l'i2c... lascia perdere il fatto se i sensori sono più o meno 5v tollerant. considera che hai in giro un bel popò di corrente e disturbi di varia natura...

EDIT: parti con l'alimentare a 5v quello che va a 5v e ad alimentare a 3,3 quello che va a 3,3. per l'i2c metti uno level shifter. poi possiamo iniziare a suggerire qualcosa di costruttivo.  :P
Il vero stupido è colui che fa e rifa la stessa cosa aspettandosi risultati diversi. A.E.

aldoz

Quote
praticamente un pastrocchio...
Aivoglia a parlare di alimentazione, step down, switching e bla bla bla bla se non hai neanche dei level shifter per l'i2c... lascia perdere il fatto se i sensori sono più o meno 5v tollerant. considera che hai in giro un bel popò di corrente e disturbi di varia natura...
Non sono d'accordo del tutto. Non so se hai seguito tutto il thread ma se l'avessi fatto, noteresti che, nonostante il pastrocchio, se non avessi parlato di alimentazione, step down, switching e bla bla, non avrei ottenuto il robot che, utilizzando lo stepdown da 10A, funziona PERFETTAMENTE (scusate le maiuscole ma non so se sia chiaro..).
Il robot è un quadrupede di 2,6 kg che cammina, con 3 modalita' differenti, a velocita' differenti; può curvare con angoli ampi o stretti, comprende il contatto, piu' o meno forte con il suolo grazie ai sensori di forza applicati ad ogni piede; mantiene l'equilibrio in ogni condizione, anche se spinto, grazie al giroscopio e all'accellerometro.
Ha la capacità di camminare e correre con terreno sconnesso o piatto, in salita o in discesa. Riesce a camminare con terreni inclinati lateralmente.. .
Viene comandato da un controller wireless della playstation2 con attualmente piu' di 20 comandi.. Per comprendere forma e distanza degli ostacoli utilizza il laser LIDAR v2 che puo' funzionare a diverse risoluzioni e a diverse angolazioni specifiche (praticamente il robot puo' andare dritto e la sua testa laser che guarda a 90° a sinistra ad esempio)

Viene alimentato da una singola batteria lipo e utilizza processing per gestire modelli di funzionamento e variabili.... mi fermo qui se no occuperei mezzo forum.. considera che i miei 500 e passa post in questo forum sono TUTTI relativi a questo robot.
Componente per componente, problematica dopo problematica, sono stati affrontati e risolti grazie a tutti quei "bla bla" di tutti quei e questi post..  :)

tutto questo l'ho scritto esclusivamente per far capire che non è un progetto nato dal nulla.. non è nato oggi ma quasi 5 anni fa.. passo dopo passo, test dopo test, ogni singolo componente, quando aggiunto, è stato testato centinaia di volte (e non esagero)..
l'attuale schema di funzionamento, che appunto mi permette di avere (utilizzando lo step da 10A), il 100% di test positivi, in ogni condizione,  è frutto esclusivamente di centinaia di consigli (applicati) dati dalle persone di questo forum!..

Probabilmente, fosse cosi' un pastrocchio, nemmeno con un telescopio vedrei tali risultati! (utilizzando una una MEGA 2560).

La sostituzione del cavo SCL del giroscopio, con uno più spesso, stramba come cosa o meno, ha eliminato totalmente i blocchi appunto del giroscopio.. (grazie anche alla precedente modifica del file .h della libreria del mpu6050)

Ogni cosa dentro questo progetto, che sia chiaro, non è dovuta al caso.. è dovuta a decine di consigli, tutti testati, tutti registrati.

I disturbi di varia natura sono ovvi in un robot con tanti gingilli in funzione.. .I servi, da soli, con il loro funzionamento, ne generano a iosa.. lo so, e difatti stiamo discutendo anche di questo, di come ridurli. Grazie a questi bla bla ho avuto il consiglio di acquistare l'ISO1540 che ancora di più dovrebbe ridurre i disturbi della linea l2c.


Per quanto riguarda il fatto del 5V tollerant.. come posso lasciar perdere? grazie a questa caratteristica del GY-521 ho ottenuto proprio la possibilità di non dover utilizzare un level-shifter; cosa che ovviamente ho gia' testato senza nessun beneficio effettivo.
Anche appunto perchè il GY-521 è perfettamente tollerante rispetto ai 5V.
Potrei seguire il consiglio dell'utilizzo eventuale del level shifter per quanto riguarda l'uso dell'unica
periferica realmente a 3.3V, il ricevitore PS2.
E' bastato connetterlo al 3.3V di arduino e funziona perfettamente!
Forse il pastrocchio è meno pastrocchio di quel che puo' sembrare comprendendo il mio scarso livello di esperienza in ambito di elettronica e materie affini.. e grazie al cielo esiste appunto questo forum con un sacco di persone con mooolta piu' esperienza di me che mi hanno accompagnato passo per passo fino ad oggi.

Con questo messaggio non sto attaccando nessuno eh! anzi, ogni critica a me da spunti di riflessione, sempre! ma sarebbe opportuno leggere bene tutti i messaggi prima di credere di aver le idee chiare riguardo l'affidabilità o inaffidabilità di questo sistema elettrico.

E OGNI CONSIGLIO per ottimizzare in meglio questo robot, per me è come ORO!
quindi non prendete queste mie parole nel senso sbagliato.
E' grazie ad un sacco di persone di questo forum che questo robot sta andando avanti.
Da solo non avrei fatto muovere un servo mi sa..


Comunque,
Utilizzando lo step da 10A il robot su oltre 30 test consecutivi, non ha avuto il minimo problema, in nessuna periferica e il giroscopio sta funzionando alla grande.

Ora aspetto lo step da 15A che mi confermerà, o meno, l'affidabilità del sistema (e mi fara' comprendere se eventualmente lo step da 20A sia difettoso o eccessivo rispetto alla batteria da 11.1V che attualmente uso).
Poi ISO 1540 e regolatore di tensione isolato.

Questi sono i prossimi step!

qualsiasi esperimento vi venga in mente DITEMELO che li provero' come sempre!
Intanto appena ricevo i nuovi componenti, vi aggiornero' subito.

aldoz

Ciao ancora a tutti, sono in procinto di acquistare l'ISO1540 consigliato da gt4020.

Ho trovato sia il chip solitario:
http://www.ti.com/product/ISO1540/samplebuy?dcmp=dsproject&hqs=sandbuy&#samplebuy



 Sia quello installato su una specie di shield:
https://www.elettroshop.com/i2c-isolator-click/

ecco la descrizione di quest'ultimo:
Quote
I2C Isolator Click supporta l'ISO1540, un isolatore bidirezionale a bassa potenza compatibile con l'interfaccia I2C.
Sulla scheda, il chip Texas Instruments è collegato a due serie di pin I2C, uno sul connettore mikroBUS (SDA, SCL), l'altro sul bordo superiore della scheda (SCL2, SDL2). L'ISO1540 utilizza una barriera al biossido di silicio che separa i buffer di input e output logici. Gli isolatori bidirezionali basati sulla tecnologia di isolamento capacitivo di TI presentano molti vantaggi rispetto agli opto-accoppiatori (prestazioni, dimensioni, consumo energetico, ecc.).
poi una cosa che mi lascia perplesso :
Quote
Se utilizzati insieme ad alimentatori isolati, bloccano le alte tensioni, isolano la terra e impediscono l'interferenza dalle correnti di disturbo.
Cioe' si otterrebbe l'effetto di isolamento del canale l2c solo se si utilizzasse un "alimentatore isolato"?
Me la spiegate per favore?

E poi quale scelgo tra i 2? il 1540 solitario o montato nel chip TI?



Go Up