Go Down

Topic: Official topic: multicotteri con arduino! (Read 358546 times) previous topic - next topic

astrobeed


ehm.. non per contraddirti ma dipende dal tipo di sgancio e dalla velocità del mezzo, per raggiungere la velocità di 300m/s (mach 1 circa) partendo da ferma dovrebbe partire da mooolto alta,


La quota è molto relativa, l'ordigno raggiunge la massima velocità di discesa in pochi secondi, poi si stabilizza per la resistenza aerodinamica e i relativi vortici e flussi generano il tipico fischio di bombe e proiettili di artiglieria in arrivo.
Nessuna bomba non autopropulsa, e a questo punto parliamo di missili o razzi, può essere supersonica, la resistenza aerodinamica è alta e frena notevolmente, per esempio un paracadutista che assume un assetto di caduta con il minimo profilo di resistenza non arriva nemmeno a 250 km/h mente quella tipica con assetto a massima resistenza non supera i 150 km/h.
Se un ordigno è supersonico, p.e. un missile terra aria, non lo puoi sentire arrivare proprio perché viaggia più veloce del suono.
Se mai ti capiterà di vedere esercitazioni aeree militari, o una grossa manifestazione, dove i caccia volano bassi a oltre mach 1, p.e. dei Tornado, è impressionante vederli arrivare e non sentire assolutamente nulla per poi avere le orecchie rintronate dal boato non appena ti sorpassano.
Scientia potentia est

milvusmilvus



ehm.. non per contraddirti ma dipende dal tipo di sgancio e dalla velocità del mezzo, per raggiungere la velocità di 300m/s (mach 1 circa) partendo da ferma dovrebbe partire da mooolto alta,


La quota è molto relativa, l'ordigno raggiunge la massima velocità di discesa in pochi secondi, poi si stabilizza per la resistenza aerodinamica e i relativi vortici e flussi generano il tipico fischio di bombe e proiettili di artiglieria in arrivo.
Nessuna bomba non autopropulsa, e a questo punto parliamo di missili o razzi, può essere supersonica, la resistenza aerodinamica è alta e frena notevolmente, per esempio un paracadutista che assume un assetto di caduta con il minimo profilo di resistenza non arriva nemmeno a 250 km/h mente quella tipica con assetto a massima resistenza non supera i 150 km/h.
Se un ordigno è supersonico, p.e. un missile terra aria, non lo puoi sentire arrivare proprio perché viaggia più veloce del suono.
Se mai ti capiterà di vedere esercitazioni aeree militari, o una grossa manifestazione, dove i caccia volano bassi a oltre mach 1, p.e. dei Tornado, è impressionante vederli arrivare e non sentire assolutamente nulla per poi avere le orecchie rintronate dal boato non appena ti sorpassano.


continuaio con l' OT stavovolta vero :D ho sentito che durante la seconda guerramo mondiale, si verificava questo, come dicevo io, cioè,che quando una bomaba arrivava molto vicino il suono non si sentiva...l' ho sentito in qualche documentario... comunque di aerei supersonici ne ho visti molti, non abito lontanissimo da giogia del colle, e spesso vedo aerei in esercitazione, altre volte sono un po troppo veloci per essere solo un esercitazione.... comunque ho scaricato eagle, per ora non ho ancora capito come funziona...ma lo farò presto :D

astrobeed


comunque ho scaricato eagle, per ora non ho ancora capito come funziona...ma lo farò presto :D


Eagle è il CAD vero e proprio, molto buono e la versione free ha limiti più che accettabili per un uso amatoriale, per il rendering 3D della scheda devi scaricare Eagle 3D, totalmente open source, è un ULP (programma utente) aggiuntiva che crea un file di testo da dare in pasto a povray, è il vero engine per il rendering, a parole sembra complicato, in realtà è facilissimo.
Scientia potentia est

ratto93

Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

FEDERICO


Una piccola riflessione, e non voglio rubare il lavoro a Uwe, 8 pagine di messaggi dove si parla di motori, telai etc, ma in tutto questo Arduino dove sta ?  :smiley-mr-green:


E' che ci siamo presi bene...
Federico - Sideralis
Arduino &C: http://www.sideralis.org
Foto: http://blackman.amicofigo.com

FEDERICO

Corro a documentarmi sui modelli di motori e di eliche di cui mi avete parlato, per cercare di capirci sempre qualcosa di piu', ma  vorrei dirne una sulla qustione "cinesi" e i 20-40 euro di cui parlavate, e alcune cose dell'autocostruzione.

Come spesso dico, non sempre l'autocostruzione o il pezzo al risparmio ti danno il risultato migiore. Per esempio, se per risparmiare 20 euro devo mettere in conto 2-4 ore di debug, facevo meglio a spendere questi 20 euro e investire piuttosto quelle 2 ore nel mio lavoro, che probabilmente ci guadagnavo di piu'... O andare a prendere il sole al parco, piuttosto :-)

L'autocostruzione invece e' valida a mio avviso (e io sono uno a favore dell'autocostruzione) se poi esci con qualcosa di innovativo... altrimenti il piu' delle volte spendi di piu' in termine di soldi, materiale, fallimenti, per ottenere qualcosa di fatto peggio di un modello industriale.
Puo' anche essere che invece uno si diverta particolarmente nell'autocostruire (e lo capisco) ma secondo la mia esperienza questo non ha sempre il miglior rapporto qualita'/prezzo...

Grazie per tutti i consigli!
Federico - Sideralis
Arduino &C: http://www.sideralis.org
Foto: http://blackman.amicofigo.com

milvusmilvus

l' autocostruzione è i lmiglkior modo per capire veramente come funziona qualcosa, sbagliando si impara, e poi vuoi mettere la soddisfazione'?? il costo spesso è molto inferiore rispetto al mercato, ma se ci metti errori vari forse i prezzi si eguagliano, ringrazioamo internet, che è una grandissima fonte di guide, idee, e progetti, e ci permette di limitare gli errori. comunque la cosa piu bella dell autocostruzione è che ottieni una cosa fatta da te, e che è unica, il mio tricottero, non sarà mai uguale ad un altro, posso prendere spunto per il frame, ma sarà molto personale

astrobeed


Puo' anche essere che invece uno si diverta particolarmente nell'autocostruire (e lo capisco) ma secondo la mia esperienza questo non ha sempre il miglior rapporto qualita'/prezzo...


Concordo con tutto quello che hai detto, poi quando parliamo di realizzare pezzi meccanici dove serve una discreta precisione entra in gioco pure il fattore abilità manuale, esperienza costruttiva e la disponibilità degli opportuni attrezzi.
Troppo spesso ho visto realizzazioni fai da te, e non parlo solo di aeromodelli, dove si prendono le misure con il calibro, si segna con il gessetto e si taglia con l'ascia  :)
Il quadricottero richiede un telaio che deve essere nel contempo robusto e leggero, è molto, ma molto, difficile riuscire a fare meglio di chi li produce in serie, per non parlare della certezza dei risultati, alla fine un telaio in composito e/o alluminio costa meno di 60 Euro, vale veramente la pena di perdere tempo per andare a cercare i materiali e "accrocarli" in un qualche modo per risparmiare 10-20 Euro ?
Ovviamente ci sono persone perfettamente in grado di autocostruirsi il telaio da soli con risultati migliori di quelli dei prodotti commerciali, ma queste persone si contano sulle dita di una mano all'interno di un forum di modellismo, qui sono ancora meno.
Io non voglio scoraggiare l'autocostruzione, però poi non lamentatevi se al primo decollo il mezzo si disintegra oppure non si solleva  :)

C'è comunque una cosa che mi sfugge di questo thread, qual'è lo scopo finale ?
Ovvero volete solo realizzare un tri/quadricottero da portare con un radiocomando che sia molto docile, oppure volete realizzare un UAV ?
Scientia potentia est

superlol

beh io ho avuto la fortuna di avere al mio fianco un progettista esperto in materiali ed altro che mi ha fatto al cad un telaio fantastico e molto resistende nonchè leggero, tagliato poi a macchina ad acqua con precisione di 0,1mm.

non tutti hanno questa fortuna però.

io vorrei creare un mezzo che vada per radiocomando, ma poi se gli imposto di andare verso un waypoint ci vada autonomamente.

quindi tutti e 2 anche perchè credo che una falla nel programma o un waypoint calibrato male e qualcuno si fa male. sapendo che questo quadri verrà usato anche in manifestazioni (tenuto con alt hold a una bella altezza ovvio e dopo mesi di esercizio) deve essere calibrato alla perfezione, dal CG, ai motori che non vadano in contatto, tutto isolato, minor peso possibile per richiamarlo nel modo più facile possibile, PID impostati al meglio, scheda (quando sarà disponibile la FreeIMU) molto buona ecc..

insomma questo è il mio obiettivo, però senza spendere i 1600€ di mikrokopter più accessori..
http://www.aug-altogarda.it/ <- Il nuovo AUG per basso trentino e dintorni!

astrobeed


io vorrei creare un mezzo che vada per radiocomando, ma poi se gli imposto di andare verso un waypoint ci vada autonomamente.


Quindi un UAV, poco importa se gli invii i comandi direttamente da un computer/terminale oppure prima lo porti in un certo punto e poi lui torna da solo alla base.
Normalmente gli UAV prevedono tutte e due le modalità, pilotaggio diretto tramite un radiocomando o una console dedicata in FPV e la modalità totalmente in autonomo dove vengono definiti vari waypoint da raggiungere con le eventuali manovre da eseguire sui vari punti.

Quote

insomma questo è il mio obiettivo, però senza spendere i 1600€ di mikrokopter più accessori..


Un UAV non costa poco, non pensare che alla fine spendi meno di 1000 Euro.
Scientia potentia est

superlol

beh una volt sistemato il software cosa manca? il GPS, arrivo a un massimo di 400-500€ per un UAV autonomo completo di xbee.

300€ per il quadri, 100€ di gps (circa) e poi comunicazione con xbee altri 100€ e ci siamo no?
http://www.aug-altogarda.it/ <- Il nuovo AUG per basso trentino e dintorni!

astrobeed

Per chi ha intenzione di realizzarsi una IMU ad elevate prestazioni per i giroscopi consiglio gli ADXRS450 di Analog, è un prodotto recente che possiede ottime caratteristiche tecniche ad un costo, tutto sommato, non eccessivo.
Il sensore è un +/- 300°/s con risoluzione a 12 bit tramite ADC interno, è compensato in temperatura, cioè non soffre del drift dovuto alle variazioni termiche, è insensibile alle vibrazioni, è già filtrato internamente e i dati, tramite SPI, sono utilizzabili direttamente senza ulteriori operazioni DSP, ha una banda reale, postfiltro, di 80 Hz, alimentabile sia a 5V che a 3V.
Sono disponibili da Digikey a circa 50 Euro + iva.

Scientia potentia est

FEDERICO

Ieri sera ho provato un quadricottero commerciale di un amico, quello costruito dalla parrot per l'iphone...
Mi pare che venga comandato dall'iphone via rete wifi classica, e ha su due telecamerine che fanno streaming direttamente sul telefono. Avevo letto su questo topic che il sistema di streaming e' una cosa che richiede oggetti costosi, pero' mi pare che quello lo faccia senza costare una cifra esorbitante... Ne sapete qualcosa?
F
Federico - Sideralis
Arduino &C: http://www.sideralis.org
Foto: http://blackman.amicofigo.com

FEDERICO


100€ di gps (circa) e poi comunicazione con xbee altri 100€ e ci siamo no?

Anche io avevo capito che era tutta una questione di codice...
F
Federico - Sideralis
Arduino &C: http://www.sideralis.org
Foto: http://blackman.amicofigo.com

astrobeed


Avevo letto su questo topic che il sistema di streaming e' una cosa che richiede oggetti costosi, pero' mi pare che quello lo faccia senza costare una cifra esorbitante... Ne sapete qualcosa?


Un conto è coprire 20-30 metri di distanza, la portata del WiFi, un conto è coprire centinaia di metri con un segnale video che dovrebbe essere di buona qualità.
Con il WiFi c'è pure il problema del lag sul segnale video, può arrivare a qualche centinaio di ms, sarebbe interessante vedere come hanno risolto il problema sul Parrot.
Un sistema di trasmissione WiFi in grado di coprire centinaia di metri con una antenna omnidirezionale costa di più di un trasmettitore video dedicato, però ha il vantaggio che con un solo sistema radio puoi sia ricevere il video e la telemetria che pilotare e/o inviare comandi al velivolo.
Personalmente consiglio la soluzione del Tx video a bordo del velivolo, magari con OSD per i dati principali di volo, e un canale dati bidirezionale separato implementato con una coppia di moduli Xbee.
Se il mezzo è un vero UAV, cioè realmente in grado di volare da solo, diventa inutile il telecomando, si può controllare direttamente da un notebook utilizzando un Joystick per pc, possibilmente uno buono con controllo sui tre assi più la manetta del gas e vari pulsanti.

Scientia potentia est

Go Up