AAA - biotecnologo cerca progettista Arduino per strumento analisi

Salve a tutti,
spero di aver postato nel posto giusto. Sono un biotecnologo e mo occupo di biogas. Sono qui per chiedere aiuto a qualcuno di voi per progettare insieme uno strumento semplice d'analisi portatile per il mio ambito lavorativo. Si tratterebbe di un titolatore automatico (un aggeggio che aggiuge un acido/base fino a determinato pH) con magari un cervello Arduino. La macchina in sè non è complessa ma io non ho le basi necessarie. Cerco gente capace e seria per realizzarla, io ci metto idea, fonti, esperienza in analisi e un poco di impiantistica. Magari con l'aiuto di un servizio di crowdfunding possiamo ingrandire l'idea. Se qualcuno ci vuol provare credo che per voi sia una passeggiata.

Antonio :slight_smile:

Oh Oh, un collega XD
In commercio esistono delle sonde pH complete ma "chiuse" mentre a te serve qualcosa che possa pilotare un circuito in base al valore rilevato. Allora a te serve la sola sonda, alla quale dovrai poi applicare un circuito amplificatore/adattatore per poter leggere il dato con Arduino. A mio modesto parere, a questo punto potresti pilotare una elettrovalvola idraulica (o due, una per l'acido, una per il sale), la lettura costante ed istantanea della sonda ed un minimo di software faranno il resto.
In bocca al lupo!
x il MOD: forse il Topic sarebbe da spostare in Generale, questa non è la sezione giusta, almeno per ora...

Biogas ? ... ho quasi paura a chiedere :fearful: (scherzo :stuck_out_tongue: :D)

Cosa usi come sonda ? ... le normali sonde da laboratorio non credo siano adatte ... usi qualcosa tipo le serie HI1006 della Hannah o simili sonde industriali ?

esistono le sonde di PH, ne occorre una analogica che misura il valore impostato. Basta ancora un potenziometro e una elettrovalvola 12V on-off .Mi sembra qualcosa di semplice. Bisogna vedere quale segnale esce dalla sonda e se va eventualmente amplificato.Se ti interessa una collaborazione vai su termoinrete

ntaraschi: il problema e' che le normali sonde per PH sono piuttosto delicate ... quelle da laboratorio con la sfera di vetro ed il gel, si rompono a guardarle male (quasi :P) ... quelle con i diaframmi in ceramica si contaminano (e se deve usarle in un'impianto per biogas, di certo non ci misura campioni non contaminanti :wink: ) ... quelle con il gruppo a polimeri sono piu robuste, ma non indistruttibili ... ecc.

Io per una diversa applicazione (ROV) ho passato quasi due settimane a cercare una sonda che avesse tutte le caratteristiche che volevo, e poi ci ho rinunciato perche' nessuna delle sonde disponibili poteva reggere piu di 6 bar, e a me ne servivano 50 :stuck_out_tongue: ...una cosa e' misurare il campione in laboratorio o in un becher, un'altra e' inserirne una abbastanza robusta in un'impianto ciclico che debba anche effettuare compensazioni autonome (o almeno e' questa l'impressione che mi ha dato il post) ...

Scusate ma forse ho dato idea di essere molto in alto mare, non è proprio così. Ho individuato sia la sonda, il traduttore di pH, la peristaltica e pure l’agitatore magnetico. Il problema non sono i componenti ma farli dialogare con Arduino. Rimarco, sono un biotecnologo, ne sò un poco di impiantistic ma, purtroppo, a diguno di elettronica.

Il funzionamento è questo:
_metto il campione sull’agitatore magnetico e lo accendo
_immergo la sonda di pH e il sistema mi memorizza il valore a tempo 0
_allo START la pompa entra in funzione e aggiunge acido/base fino a valore di pH (X) (ovviamente rallenterà nelle vicinanze)
_il sistema memorizza la quantità di acido/base aggiunta (ovviamente và tarata la pompa con il n°giri= ml aggiunti)
_ si procede con l’aggiunta fino al valore di pH (Y)
__il sistema memorizza la quantità di acido/base aggiunta (ovviamente và tarata la pompa con il n°giri= ml aggiunti)
_così per alcuni cicli poi STOP
_calcolo del risultato

Io pensavo di mettere tutto dentro un dispositivo a mo’ di box e uscire con cavetto su PC o meglio su Android. I calcoli che il sistema deve fare sono banali.
Il trasduttore esce con un segnale 4-20mA 12-24 vdc ,la peristaltica è una 12vdc 6VA e presumo necessiterà di potenziometro per variarne la velocità.

Dimenticavo,
lo strumento lavorerà su banco, quindi niente di estremo dal punto di vista delle condizioni ambientali di lavoro

Ah, ecco, allora avevo capito male io, pensavo andasse su un'apparecchiatura e non per misura a banco, scusa per la confusione.

il programma mi sembra semplice.L’uscita 4-20 ma può essere trasformata in 1-5v con opportune resistenze=ingresso analogico. start=ingresso digitale . La pompa a quanto volt è? se 12 V con comando pwm il numero di giri può essere variato.

comunque la mia email se ti serve il programma è
taraschi_nicola@libero.it
www.termoinrete.com/index.htm

Se sfociamo nel classico annuncio economico, chiudo subito il thread.

Qualcosa di simile ?

http://www.dmxpassion.altervista.org/pg007.html

Ciao, sono laureato in elettrochimica, per cui gioco in casa con questi strumenti.

I problemi di un'apparecchiatura del genere sono:

  • velocità di acquisizione del segnale (sonda buona)
  • stabilità del valore letto (circuito di amplificazione utilizzato)
  • controllo sul volume a livelli estremamente precisi (pompa)
  • un minimo di algebra

Per cui la parte strumentale la vedo così: sonda da pH in acciaio per condizioni estreme, oppure elettrodo ROSS per strumento da banco (a mio avviso sono i migliori a velocità e stabilità), amplificatore da strumentazione, magari a più stadi se necessario, con appositi filtri passa banda per eliminare il rumore di fondo, pompa peristaltica ad alta precisione, accuratamente tarata (ci sono altre pompe migliori ma la peristaltica offre buone garanzie a prezzi accettabili e si pilota in maniera semplicissima una volta tarata). Stiamo parlando di circa 1200 euro di materiali.

Software: il titolatore deve leggere il valore di pH, iniettare il reagente e rileggere l pH. Costruire un grafico mV vs Volume e derivarlo due volte. Quando legge la derivata seconda uguale a zero memorizzare il valore. Eventualmente settare il numero di flessi da analizzare.
La creazione di uno storico dei dati è un dettaglio a questo punto.

Servono due subroutine nel programma: una per tarare la sonda di pH, che è il punto fondamentale per avere una buona lettura e una per tarare la peristaltica, che se è buona non dovrebbe comunque stararsi.

Si potrebbe sostituire la peristaltica con un sistema a cella di carico, ma sarebbe più lento e non so se altrettanto accurato.

Non ho il tempo materiale per dedicarmi ad un progetto del genere, ma per qualsiasi delucidazione sono a disposizione, perché la cosa mi interessa e vorrei realizzare anche io qualcosa di simile.

icio:
Qualcosa di simile ?

CUSTOM2

Questo progetto non affronta il problema principale del macchinario che si vuole realizzare, il controllo del volume e il calcolo della derivata della funzione mV vs V