Accensione software

Ciao a tutti, ho un dubbio riguardo la circuiteria per l'accensione via software. Il mio obbiettivo è avere un pulsante normalmente aperto che funzioni sia da input per il processore sia da tasto software per l'accensione. Io ho pensato al circuito seguente, secondo voi funziona o la caduta di tensione sul mosfet è troppo elevata, e la chiusura del canale a vcc-vth comprensiva di effetto body riducono eccessivamente la tensione disponbile?

Lo schema è sul messaggio seguente perchè il forum non permette di postare immagini nel primo thread :)

I tre pin VSS hanno le seguenti funzioni: da sinistra a destra: 1) pin digitale di una porta per il controllo del gate 2) alimentazione della scheda principale 3) pin digitale input per rilevare quando viene usato il pulsante

Il mio circuito sarà costituito da un adruino FIO e uno shield LCD 6100 della sparkfun, ho stimato che la corrente attraverso il mosfet sarà massimo di circa 0,5 Amp e il mosfet ne supporta massimo 1,1Amp. L'alimentazione è costituita da una batteria al litio da 3,3 V.

Si accettano anche consigli ;)

Grazie in anticipo

ciao Ruscoff

Non credo che funzioni, ma non per i dubbi tuoi.

L'arduino esegue all'accensione oppure ad un reset il Bootloader che aspetta se c'é un PC collegato che vuole caricare uno sketch. Per questo ci mette qualche secondo per eseguire il programma caricato. Per questo il tasto deve rimanere premuto finche l'arduino ha eseguito il programma e ha acceso il Mosfet che lo tiene acceso.

Vedo meglio un circuito con un RS-FlipFlop della serie CMOS che viene acceso (set) tramite il tasto e spento (reset) tramite un pin di arduino. Il Flipflop pilota il MOSFET che da alimentazione alla restante elettronica.

Un altra possibilitá é usare le modalitá di basso consumo del ATmega. Non ho mai provato di usarli, ma secondo i dati tecnici del controllore riesci ad ridurre il consumo ad qualche µA. Tieni il controllore in attesa di premere un tasto che lo sveglia e che accende con un Mosfet la restante elettronica. indaga anche se parte del elettronica ha una modalitá di sleep che resta acceso in attesa con un consumo bassisimo.

Non capisco il senso e la necessitá della resistenza da 20kOhm ti consuma solo corrente della batteria visto che la hai collegata ai 2 poli dellla batteria.

La batteria al litio non é a 3,3V ma 3,7V nominale. Non dovrebbe essere un problema ma controlla se tutti i componenti sopportano i 3,7V. Se usi un accumulatore al litio non so quanto é la tensione a batteria carica al 100% o a batteria vuota. Informati e considera anche questi 2 valori estremi. ecventualmente devi aggiungere un alimentatore switching tipo http://www.robot-italy.com/product_info.php?cPath=6_35&products_id=532 che puó sia alzare che abbassare la tensione.

Ciao Uwe

La pressione prolungata del tasto non è un problema anzi mi viene in aiuto, dato che l'utente dovrà tenere premuto il tasto per qualche istante prima che l'arduino si accenda evitando così accensioni accidentali. La resistenza da 20K mi serve perchè il pulsante funziona anche da input per l'utente e il pin VSS collegato alla resistenza è collegato ad una porta digitale dell'arduino e non alla batteria (è un errore dell'immagine).

In ogni caso ho provato a simulare il circuito e sicuramente non funziona perchè la tensione all'uscita del mosfet è di circa 1,5V (chiusura del canale con effetto body) rispetto ai 3.8V della batteria.

Ho provato a simulare il circuito qui sotto utilizzando un fotoaccoppiatore e sembre andare molto meglio inanzitutto per il consumo praticamente nullo e secondo la tensione in ingresso al processore è massima e con una minima dissipazione di potenza.

Il filo senza destinazione collegato al drain del PMOS andrà collegato ad una porta digitale dell'Arduino così da mantenere aperto il fotoacoppiatore

Secondo voi così funziona? vorrei evitare un latch CMOS ho paura che consumi troppo.

Ciao Il consumo di un FF CMOS della serie 4000 viene dato tipicamente 0,02 µA max 1µA. Consumano tanto quando comutano ma in un stato statico Ti si scarica la batteria prima per autoscarica che a causa del consumo di un CMOS. Ciao Uwe

Il consumo di un FF CMOS della serie 4000 viene dato tipicamente 0,02 µA max 1µA

:o

Il problema è che devo alimentare anche uno schermo LCD con un step-up voltage che assorbe la bellezza di 40mA, penso che l'uscita di FF CMOS non sia sufficiente a pilotare il circuito.

Altre idee?

Un step up potrebbe avere un entrata per spegnerlo; senó pilota con il FF un MOSFET che accende il convertitore DC-DC. Comunque gli stessi problemi li hai anche se usi un pulsante controllato dal Arduino. Nello schema che alleghi al replay#1 non serve la resistenza da 20kOhm, È solo collegata tra 3,3V e massa una volta acceso. Ciao Uwe