Aiuto per impianto audio

Salve ragazzi,
sto realizzando per casa mia un impianto di diffusione audio e ho bisogno di qualche consiglio.
Vi spiego prima brevemente come lo sto strutturando:
1 IPAD fissato al muro con libreria musicale. da qui parte un cavo audio con convertitore stereo->mono che arriva alla centralina.
All'interno della centralina 2 amplifier board 50w+50w (4ohm) per comandare un totale di 8 casse (4-8 ohm).
il positivo di ogni cassa passa per un relay in modo da permettermi di accendere le casse indipendentemente le une dalle altre.

Il mio problema è di alimentazione.
Le ampli board hanno le seguenti caratteristiche:
Supply voltage: DC12 to 26V
Supply Current: 4.5A to 7.5A
Standby power consumption: 20 to 45mA
Audio signal input: A LOW -0.3to6.3V
Output power: DC12V 4Ω 25W + 25W
DC21V 4Ω 50W + 50W
Operating frequency: 20Hz to 20KHz

Potrei usare un'alimentatore 24v 10A, ma mi chiedo, come posso alimentare poi l'arduino stesso (7-12V) e la relay board (5V)?

Vorrei evitare di far entrare nel box in cui metterò tutto il progetto più di un cavo di alimentazione.

A proposito di BOX... Mi sapreste dire dove reperire dei box in plastica buoni, belli da vedere, economici e di varie dimensioni? Mettere tutta quella roba in un box, ne richiede uno abbastanza grande.

DarioM:
... 1 IPAD ...

E gia qui, siamo rovinati :stuck_out_tongue:

A parte le ovvie battute, perche' un'ipad e tante cose, ma non certo uno stereo, vedo alcune incongruenze ... parli di convertitore stereo/mono, ma usi due finali, se e' mono a che servono ? ... le casse non ci si puo limitare ad attaccarle e staccarle con dei rele', perche' causi scompensi ai finali e potrebbero bruciarsi ... il box ti servira' con areazione, probabilmente forzata (ventola) ... l'alimentazione di stadi ampli audio a volte e' critica, ci vuole poco per trovarsi con fastidiosi ronzii sulle uscite senza sapere da dove vengono, a volte basta sbagliare un loop di massa ...

Non ho capito Arduino che deve fare?

Etemenanki:
E gia qui, siamo rovinati :stuck_out_tongue:

A parte le ovvie battute, perche’ un’ipad e tante cose, ma non certo uno stereo, vedo alcune incongruenze … parli di convertitore stereo/mono, ma usi due finali, se e’ mono a che servono ? … le casse non ci si puo limitare ad attaccarle e staccarle con dei rele’, perche’ causi scompensi ai finali e potrebbero bruciarsi … il box ti servira’ con areazione, probabilmente forzata (ventola) … l’alimentazione di stadi ampli audio a volte e’ critica, ci vuole poco per trovarsi con fastidiosi ronzii sulle uscite senza sapere da dove vengono, a volte basta sbagliare un loop di massa …

Allora… L’iPad è sicuramente, tra le altre cose, un lettore musicale con un’uscita stereo che può essere amplificata e che con le giuste app permette di equalizzare, anche se assolutamente non necessario per l’uso a cui deve esser deputato. Inoltre mi serve sicuramente come monitor per comandare non solo l’accensione e lo spegnimento delle varie casse, ma anche per gli altri progetti a cui sto lavorando quali automazione tapparelle e impianto d’allarme.

Dal momento che ho una cassa per stanza, converto il segnale in mono e lo duplico in modo da avere 2 uscite amplificate. 2 ampli per rispettare le impedenze… se collegassi 8 casse 8 ohm su un solo ampli 4 ohm, non credo che quest’ultimo gradirebbe… Non va bene così?

Per quanto riguarda staccare e attaccare le casse con relays, ho pensato di far così dal momento che attrezzature specifiche funzionano come semplici interruttori.

So già che caratteristiche deve avere il box, quello che in realtà mi serviva era un consiglio su come alimentare relay board e arduino. Ho trovato un “DC 12V 24V to USB 5V 3A 15W Converter Regulator” che sembrerebbe fare al caso mio per la relay board. E per quanto riguarda l’arduino forse mi conviene alimentarlo da solo in modo da fargli comandare un SSR per accendere l’alimentatore degli ampli solo quando serve.

Per rispondere a Pablos, l’arduino (mega) servirà per controllare i vari relay (attraverso pulsanti sul box e webapp accessibile da smartphone/ipad) e sto pensando di usare uno shield MP3 per poter switchare la sorgente.

Ovviamente, ogni consiglio/dritta/critica è sempre ben accetta :slight_smile:

Be’, per alimentare Arduino dal 24V, non fai altro che metterci un regolatore che te la abbassi a 8 o 9 V (anche se l’idea dell’alimentatore separato e’ la migliore ;)) … i rele’ prendili da 12V, ma se proprio devi usare quelli da 5V, puoi usare un convertitore DC-DC che ti abbassi la 24V a 5V (potresti usarne uno anche per Arduino, ma filtrandolo piu che bene) … su ebay se ne trovano una marea di convertitori “buck” o “stepdown” a prezzi minimi …

Per quanto riguarda i rele’ per connettere le casse, intendevo dire che non e’ mai bene usare semplicemente dei rele’ per collegare e scollegare … secondo la combinazione che usi, potresti passare, per un finale, da 4 casse collegate (2 ohm) a nessuna cassa collegata (niente carico) o viceversa … prova ad immaginare che fine farebbe il finale in quei casi ? … di solito quando si fanno quei box di commutazione, si usano resistenze di potenza per evitare di “aprire” l’uscita del finale, oppure sistemi che distribuiscono il carico in modo attivo (molto piu complessi e costosi) …

Inoltre i prodotti professionali che ancora usano i rele’ (ormai molti sono passati ai mosfet), per le commutazioni delle uscite, usano rele’ di tipo “telefonico” (anche se ormai le centraline telefoniche non usano piu rele’ da un pezzo, li chiamano ancora cosi perche’ furono studiati e prodotti specificamente per la telefonia), non rele’ standard, e c’e’ un’enorme differenza fra i due tipi, anche se ormai quasi nessuno la conosce piu … detto in parole povere, un contatto deviatore di un rele’ standard, quando commuta, apre il contatto NC prima di chiudere il contatto NO, e viceversa … un rele’ telefonico, al contrario, apre il contatto NC solo DOPO che il contatto NO si e’ chiuso, e viceversa (altrimenti, durante le commutazioni, sarebbe sempre caduta la linea), consentendo di creare sistemi in cui non c’e’ mai una totale assenza di connessione, e quindi il finale non passa mai di colpo da “circuito aperto” a “carico presente” durante una commutazione …

Etemenanki:
Be', per alimentare Arduino dal 24V, non fai altro che metterci un regolatore che te la abbassi a 8 o 9 V (anche se l'idea dell'alimentatore separato e' la migliore ;)) ... i rele' prendili da 12V, ma se proprio devi usare quelli da 5V, puoi usare un convertitore DC-DC che ti abbassi la 24V a 5V (potresti usarne uno anche per Arduino, ma filtrandolo piu che bene) ... su ebay se ne trovano una marea di convertitori "buck" o "stepdown" a prezzi minimi ...

Per quanto riguarda i rele' per connettere le casse, intendevo dire che non e' mai bene usare semplicemente dei rele' per collegare e scollegare ... secondo la combinazione che usi, potresti passare, per un finale, da 4 casse collegate (2 ohm) a nessuna cassa collegata (niente carico) o viceversa ... prova ad immaginare che fine farebbe il finale in quei casi ? ... di solito quando si fanno quei box di commutazione, si usano resistenze di potenza per evitare di "aprire" l'uscita del finale, oppure sistemi che distribuiscono il carico in modo attivo (molto piu complessi e costosi) ...

Inoltre i prodotti professionali che ancora usano i rele' (ormai molti sono passati ai mosfet), per le commutazioni delle uscite, usano rele' di tipo "telefonico" (anche se ormai le centraline telefoniche non usano piu rele' da un pezzo, li chiamano ancora cosi perche' furono studiati e prodotti specificamente per la telefonia), non rele' standard, e c'e' un'enorme differenza fra i due tipi, anche se ormai quasi nessuno la conosce piu ... detto in parole povere, un contatto deviatore di un rele' standard, quando commuta, apre il contatto NC prima di chiudere il contatto NO, e viceversa ... un rele' telefonico, al contrario, apre il contatto NC solo DOPO che il contatto NO si e' chiuso, e viceversa (altrimenti, durante le commutazioni, sarebbe sempre caduta la linea), consentendo di creare sistemi in cui non c'e' mai una totale assenza di connessione, e quindi il finale non passa mai di colpo da "circuito aperto" a "carico presente" durante una commutazione ...

Grazie per le delucidazioni sui relays... Purtroppo non conosco i mosfet ma magari faccio una ricerca per capire se l'utilizzo sarebbe alla mia portata evitando i relays.

Per quanto riguarda il carico non ho problemi in quanto avrò in totale 4 uscite a 4 ohm x 8 casse a 4-8 ohm, quindi collegherei direttamente in parallelo a 2 a 2 le casse, magari scegliendo di mettere sulla stessa uscita 2 casse che difficilmente staranno accese assieme.

Se hai/avete altre dritte son sempre ben accette!

Non c'è bisogno di quotare per intero il messaggio immediatamente precedente.