Algoritmi di codifica su arduino

Ciao ragazzi, sono nuovo di questo fantastico mondo! Ho proposto al mio professore universitario un progetto con arduino (è di telecomunicazioni) e mi ha detto di provare a vedere se si possono implementare i seguenti circuiti di codifica.

Il problema è che non ho la più pallida idea di come fare perchè non ho mai realizzato nulla. Qualcuno può darmi qualche dritta? Grazie mille :D

ciao

faccio fatica a capire gli algoritmi da quella immagine... riesci a tradurli in uno pseudo linguaggio? tipo:

  • prendi il byte
  • fanne lo XOR
  • estrai il primo bit dai risultato
  • ...

Non credo proprio che Arduino abbia velocità sufficiente per elaborare in tempo utile codici convoluzionali (ricorsivi per giunta). Ciao.

lucadentella: ciao faccio fatica a capire gli algoritmi da quella immagine... riesci a tradurli in uno pseudo linguaggio? tipo: - prendi il byte - fanne lo XOR - estrai il primo bit dai risultato - ...

E' lo stesso problema che incontro io, ho mandato una mail al prof così magari mi faccio spiegare meglio. Conosco solo il concetto base dell'algoritmo per la codifica a bit di parità.

dalubar: Non credo proprio che Arduino abbia velocità sufficiente per elaborare in tempo utile codici convoluzionali (ricorsivi per giunta). Ciao.

Ecco, il prof infatti aveva bisogno proprio di questa prova del nove. I convoluzionali dovrebbero essere considerati, quindi dici che non sarebbero implementabili su arduino? Di quali ordini di grandezza parliamo per le risorse?

Grazie mille!!

Sto dicendo solo che dal punto di vista "didattico" sono perfettamente implementabili su Arduino (alla fine, nella versione più semplice, sono codificatori "lineari" e funzionano come degli "shift register" con delle semplici tecniche di programmazione tabellare); ma dato che è noto che la loro complessità asintotica è esponenziale sul numero dei simboli (o vincoli) della stringa, la vedo dura implementare Trellis o Viterbi per aumentare, ad esempio, la comprensibilità di un segnale disturbato in "real time". Quindi Si come tecnica implementativa teorica e NO come uso reale.