alimentare arduino con batteria

ciao a tutti,
vorrei preparare un sistema di backup per alimentare un arduino.
In sostanza arduino verrebbe alimentato direttamente da un alimentatore 12V ed in caso di mancanza di corrente entrerebbe in funzione una batteria tampone.
Ho letto alcune discussioni in merito e si parla di utilizzare uno schema a 3 diodi, tipo questo:

Circa alimentatore e batteria ci sono delle specifiche particolari ?
Lo schema pubblicato può andar bene ?

Perché reinventare l'acqua calda quando con una schedina "Torpedo" (... o Torpedo 2 se ti serve più corrente) risolvi in un attimo ? :slight_smile:

Guglielmo

grazie !!
molto interessante.
ma dove lo compro ?

con un prodotto tipo questo riesco ad ottenere lo stesso risultato ?

ric63:
ma dove lo compro ?

In Italia, da Futura Elettronica ...

Guglielmo

Sarò stato sfortunato ma con la torpedo (il modello piccolo) non sono rimasto molto soddisfatto, l'avevo comprata insieme ad un pannello solare da 15W per ricaricare una pila per una stazioncina meteo, ma a 100mA non riusciva a ricaricare la pila in quanto la corrente era troppo bassa, a 500mA non riusciva il pannello a fornire abbastanza corrente e scaldava parecchio, dopo poco più di una settimana ha smesso completamente di ricaricare la pila anche con la corrente più bassa :confused:
Funziona benissimo come step-up per portare la tensione della pila da 3,7 a 5V e come step-down per portare la tensione del pannello dai 20V a 5V

>-zef-: ... e difatti hai sbagliato prodotto, quella NON è fatta per i pannelli solari, che richiedono un'altra logica, quella è fatta per creare un piccolo UPS adatto ad Arduino. Alimentazione 12V dalla rete che alimenta Arduino e carica la batteria. Se manca la rete, automaticamente l'alimentazione viene prelevata dalla batteria e portata a 5V.

Il prodotto adatto a te (pannello solare + alimentazione + batteria) è QUESTO, magari in accoppiata ad un pannellino come QUESTO :wink:

Guglielmo

Grazie del consiglio Guglielmo, prima di comprare pila, pannello e torpedo avevo chiesto all'assistenza di Futurashop se erano idonei e mi avevano risposto di si. Alla fine ho fatto un circuito con un lm317 uno step-down e una batteria da 7,2V, adesso funziona se ci sono almeno 3 ore di sole diretto al giorno.

ric63:
con un prodotto tipo questo riesco ad ottenere lo stesso risultato ?

Senza un link al prodotto, con solo una foto, ci vorrebbe un mago per sapere cosa fa quello sconosciuto modulino!!

Quel modulino fa sia da caricatore per una cella Litio con ingresso a 5V che da protezione per la cella stessa, ma NON anche da step-up dalla cella ai 5V ... per avere anche l'uscita a 5V, serve collegarci un secondo modulino ... oppure usarne uno diverso, come ad esempio questo o un'altro simile ...

Attenzione pero' a provarli, perche' la maggior parte di quei moduli (ce ne saranno una quindicina di modelli diversi su ebay) provengono da powerbank, e la maggior parte dei powerbank scollegano l'uscita quando si ricarica la batteria interna, solo pochi modelli la mantengono ... e se il venditore non lo specifica, l'unica e' provarli di persona ...

il dispositivo nell'immagine dovrebbe essere un TP4056.
Il secondo modulino nella foto dovrebbe essere questo:

ossia uno stepup DC-DC in grado di erogare fino a 600 mA
giusto ?
lo schema dovrebbe essere qualcosa come questo:

eventulalmente anche alimentato da pannellino solare....

Con l'ultimo schema bruci tutto quando la cella solare anche per breve tempo genererà una tensione superiore a quella che ill TP4056 può tollerare, devi interporre all'ingresso del battery charger una protezione c limiti la tensione a 6V ...al massimo 7V

ma avendo a disposizione solo batterie 12V di tipo AGM (come quelle che si usano per vidoesorveglianza, UPS e simili), quale schema devo utilizzare ?

Il primo schema va bene, ma l'alimentatore DEVE essere da 14V affinché la batteria venga mantenuta a circa 13.5V.

La resistenza la metterei da 22Ω 1W.

Verso Arduino aggiungerei qualche diodo in serie per ridurre la tensione al di sotto dei 12V.

Se proprio serve un circuito di distacco con relé, lo farei comandare ad Arduino leggendo la tensione della batteria da un pin analogico (tramite opportuno partitore ovviamente), e userei un bistabile per non ridurre ulteriormente l'autonomia.