alimentatore variabile per progetti con arduino?

è vero che il lineare ha un segnale più stabile? Che alimentatore usate per i vostri test sui circuiti? Vorrei spendere non più di 100 euro, ma che sia un acquisto incentrato sulle future prove anche su circuiti complessi senza incorrere in rotture di componenti per via di sbalzi vari… . Uno switching puô dare problemi in determinati casi con arduino? Conviene forse un lineare per la stabilitá di frequenza? Grazie.

Se l' alimentatore é buono (costruito come si deve) uno lineare o uno switching equivalgono.

Caio Uwe

uwefed: Se l' alimentatore é buono (costruito come si deve) uno lineare o uno switching equivalgono.

Mica tanto, infatti nei progetti realizzati come si deve, sopratutto se c'è di mezzo una parte analogica, l'alimentazione può essere switching, però dopo c'è sempre un lineare LDO che serve per eliminare del tutto il rumore residuo, sempre presente sugli switching. Se poi parliamo di alimentatore da laboratorio non esiste che sia switching, deve essere lineare, non a caso tutto quelli seri sono di questa tipologia, inoltre devono avere sia la regolazione di tensione che quella di corrente. Col budget proposto un ottimo acquisto è questo, oppure lo stesso dotato di interfaccia USB, dato che l'ho testato personalmente posso affermare che rispetta perfettamente le caratteristiche tecniche dichiarate.

Ok grazie.

questo come ti sembra? https://www.reichelt.de/Labornetzgeraete/KD3005D/3/index.html?&ACTION=3&LA=2&ARTICLE=148149&GROUPID=4952&artnr=KD3005D

Ups; non ho letto “variabile”

Ma per la maggior parte dei progetti non serve variabile basta uno fisso. Servono 5V per arduino e 12 o 24V per elettronica di potenza tipo motori.

Ciao Uwe

frankpayne: questo come ti sembra? https://www.reichelt.de/Labornetzgeraete/KD3005D/3/index.html?&ACTION=3&LA=2&ARTICLE=148149&GROUPID=4952&artnr=KD3005D

E' la versione con controllo puramente analogico di quello che ti ho consigliato. Il controllo digitale consente una migliore precisione nell'impostazione dei valori, inoltre quello che ti ho consigliato ha quattro memorie per impostare i valori di tensione/corrente più utilizzati, li scambi semplicemente premendo un pulsante invece di ruotare manopole, in più ha modalità di sicurezza non disponibili sulla versione analogica, p.e. l'attivazione dell'uscita a comando.