Alimentazione arduino UNO

Ciao a tutti, ho notato che il comportamento del mio arduino UNO (Originale), a parità di sketch cambia a seconda del tipo di alimentazione, mi spiego: -Alimentazione tramite USB -> tutto funziona regolarmente -Alimentazione tramite connettore 9V -> alcuni sensori non si accendono o non funzionano regolarmente. Come mai questo comportamento? Misurando la tensione ai morsetti dei sensori ho notato che c'è una caduta di tensione (su essi) di circa il 50% rispetto ai 5V nominali (SOLO se arduino è alimentato tramite connettore 9V), mentre se il sistema è alimentato tramite USB ciò non si verifica.. perché? Grazie

Allora Ti consiglio di misurare la tensione della batteria 9V Ciao Uwe

:O non mi ero accorto che fosse scesa a 6.5V ! Grazie mille! Non appena posso recupero una batteria carica .. un piccolo O.T. volevo costruire un regolatore di tensione come quello che ha in ingresso arduino e sulla guida ufficiale del sito viene utilizzato un 7805 con 2 condensatori da 10uF ....mentre su internet ho trovato cose completamente diverse (addirittura 100, 200 uF chi dice 22uF) sapete darmi qualche dritta?

Qui una serie di link utili, non inerenti al tuo problema: - qui una serie di schede by xxxPighi per i collegamenti elettronici vari: ABC - Arduino Basic Connections - qui le pinout delle varie schede by xxxPighi: Pinout - qui una serie di link [u]generali[/u] utili: Link Utili

Tra le varie schede di xxxPighi c'e' anche quella per il 7805

Grazie per i link però ho trovato la scheda “5V Power supply” con condensatori 220uF e 47uF ma le mie idee non si sono schiarite… :frowning:

Al 7805 metti 2 condensatori ceramici da 0,1µF piú vicino possibile tra entrata e massa e tra uscita e masse. Questo é per togliere disturbi e per evitare che il 7805 oscilli. Poi gli altri condensatori (che comunque vengono sempre messi tra entrata e massa e tra uscita e massa) servono per tenere costante la tensione. Il loro valore dipende dalla corrente per la quale hai progettato il circuito e dal circuito che sta prima ( é diverso se usi una batteria o se usi un trasformatore 50Hz e un ponte radrizzatore).

Ciao Uwe

Grazie uwefed, googlando un po’ ho trovato che per il dimensionamento di C1 (elettrolitico a monte del regolatore, tra entrata e massa) bisogna considerare 100uF per ogni ampere di corrente assorbita, mentre per il condensatore (elettrolitico) a valle (tra uscita e massa) si considera C1/3. E’ corretto oppure puoi darmi qualche dritta? Grazie

In linea generale, i regolatori 78xx come configurazione minima richiedono un condensatore ceramico da 0.33 uF su Vin e un ceramico da 100 nf su Vout, poi a seconda del tipo di tensione in ingresso e corrente richiesta in uscita si dimensionano opportunamente le capacità. Se il 7805 è alimentato da batteria o alimentatore stabilizzato in ingresso va bene usare un condensatore ceramico da 10-22 uf con in parallelo un ceramico da 100 nf, idem in uscita. Se il 7805 è alimentato da una sorgente non stabilizzata e con molto rumore in ingresso va messo un condensatore da 100 uf per ogni 100 mA di corrente massima in uscita, p.e. se vuoi usare fino a 500 mA deve essere da 500 uf, sempre con in parallelo il condensatore da 100 nf, in uscita bastano 100-200 uF, sempre con il 100 nf in parallelo, indipendentemente dalla corrente. Attenzione che se su i 78xx in uscita c'è un condensatore maggiore di 100 uf è bene mettere un diodo contropolarizzato tra Vin e Vout, per scaricare la capacità su Vout, altrimenti si rischia di danneggiare il regolatore quando viene tolta la tensione in ingresso.

Grazie per la risposta astrobeed!

astrobeed: Se il 7805 è alimentato da batteria o alimentatore stabilizzato in ingresso va bene usare un condensatore ceramico da 10-22 uf con in parallelo un ceramico da 100 nf, idem in uscita.

Ma non era elettrolitico il condensatore da 10-22 uF? (Vedendo il tutorial arduino standalone sul sito arduino)

I condensatori ceramici sono low esr, mentre gli elettrolitici generici non lo sono, elettrolitici low esr non sono facili da trovare e costano cari, fino a 30-40 uF conviene sempre usare un condensatore ceramico, compatibilmente con la tensione, si trovano facilmente, costano poco, sono meno ingombranti.
Riguardo i vari tutorial presenti sul sito di Arduino, spesso sono realizzati da gente che ha solo una conoscenza marginale dell’elettronica e della programmazione, non dico che sono errati al 100%, però spesso e volentieri contengono inesattezze o indicazioni non ottimali.