Alimentazione ATmega328 standalone

Ciao a tutti.

Ho un dubbio sull'alimentazione di un ATmega328 standalone. Ho realizzato il circuito con un'alimentazione a 12V regolata a 5V con un 7805. Inoltre ho predisposto il connettore per il collegamento del convertitore seriale-USB (http://arduino.cc/en/Main/USBSerial) che utilizzo sia per la programmazione (ho messo il bootloader sul 328) sia per visualizzare su PC alcuni dati in fase di funzionamento della scheda.

Finora ho provato le due alimentazioni separatamente e funziona tutto correttamente. Se alimento il circuito a 12V è autonomo dalla USB. Se invece collego la USB per la programmazione, non sono necessari i 12V.

Questo perchè la linea 5V è comune con l'uscita del 7805 e con il corrispondente piedino del connettore del convertitore.

Ora però mi è sorto un dubbio e vorrei il vostro parere prima di fare guai. Se alimento il circuito con i 12V e contemporaneamente collego il convertitore (per ricevere sulla seriale l'output della scheda) cosa succede? Le due alimentazioni vanno in conflitto?

Grazie a tutti e buona serata. Vittorio.

Se il circuito dovrà lavorare in modo autonomo con la 12V e la programmazione è sporadica puoi pensare di non collegare all'Arduino i 5V provenienti dalla USB ma solo i segnali per la programmazione e il GND. L'alimentazione verrà fornita all'Arduino dai 12V e al programmatore dalla USB e non hai problemi con differenze anche minime di tensioni. Infatti a bordo delle schede Arduino c'è un selettore automatico che sceglie o l'USB o l'alimentazione esterna. Mai insieme.

Per l'alimentazione oltre ai consueti condensatori per la stabilizzazione della tensione ti consiglio di mettere a monte del 7805 un 7809 per ripartire il calore dissipato dovuto al salto di tensione. Meglio da 12 a 9 e da 9 a 5 che da 12 a 5 in un salto unico. Oppure ti prendi uno step down e risolvi anche il problema del calore dissipato.

Ciao Paolo,

intanto grazie per la risposta.

In effetti avevo pensato di eliminare i 5V dal connettore del convertitore USB/seriale. Questo dovrebbe semplicemente rendere necessario alimentare la scheda con i 12V anche durante la programmazione. E' corretto?

Per quanto riguarda il 7805, ho previsto i condensatori a monte ed a valle. Non ho invece pensato al 7809 perchè il regolatore alimenta solo il 328 che dovrebbe assorbire solo pochi mA che moltiplicati per i 7V di caduta non dovrebbero rappresentare una potenza eccessiva.

Ho già uno step-down LM2596 sulla scheda che uso per ottenere i 4V che mi servono per alimentare un modulo GSM FONA della Adafruit. Volevo evitare un secondo stadio del genere perchè l'induttore è piuttosto grande. Ma forse per la potenza che serve per il 328 esiste una soluzione più semplice. Mi puoi aiutare in questo senso?

Grazie e ciao. Vittorio.

I 4V del fona che tolleraza possono avere? P.es. potresti regolare lo step-down ai 5V da mandare al 328 e poi creare un ramo con uno o due diodi raddrizzatori in serie per ottenere una tensione più ridotta da dare al fona.

Ciao Michele,

grazie per il consiglio e scusami se ti do riscontro solo ora... purtroppo nei giorni scorsi sono stato impegnato per lavoro.

Il FONA può essere alimentato tra i 3,4V e i 4,4V. Basterebbe quindi un unico diodo che mi abbassi i 5V a 4,3V.

In realtà avevo già fatto questa prova utilizzando 7 diodi (4,9V di caduta) ed una alimentazione di 9V per alimentare correttamente anche l'Arduino. La cosa non funzionava perchè il FONA si resettava continuamente.

Inizialmente avevo pensato che il problema fosse dovuto all'alimentatore che non riusciva a fornire i 2A di cui il FONA ha bisogno in trasmissione. Ho però provato anche con un ottimo alimentatore da banco ed il problema si presentava comunque.

Ti viene in mente quale poteva essere il problema?

Grazie e ciao. Vittorio.