Amplificatore 10x

Ciao a tutti Dal mio studio dei transistor il parametro beta determina l'amplificazione. Ora come è possibile costruire un amplificatore il più vicino possibile a 10x disponendo di transistor con beta molto variabile?

flz47655: Dal mio studio dei transistor il parametro beta determina l'amplificazione. Ora come è possibile costruire un amplificatore il più vicino possibile a 10x disponendo di transistor con beta molto variabile?

Con una cosa che si chiama retroazione, oltre a stabilire il guadagno indipendentemente dalle caratteristiche del transistor, purché quest'ultimo sia compatibile con le prestazioni desiderate, permette di stabilizzare il punto di lavoro, determinare la banda passante, regolare l'impedenza e tante altre cosette. E' un argomento molto complesso non liquidabile con poche righe su un forum, puoi trovare tutto quello che serve sapere su un buon testo di elettronica generale per le superiori.

Non so se basta un libro delle superiori, studiare il guadagno di un amplificatore a transistor con una retroazione è un argomento molto ostico.

non ti conviene usare un operazionale?

Grazie, allora ne riparleremo quando sarò alla retroazione nel mio libro (il Jaeger e il Millamn), sospettavo una cosa del genere

Ciao

Un operazionale ti permette di avere un'amplificazione in tensione praticamente infinita ma non è in grado di erogare grosse correnti.

@flz Dicci qual è l'applicazione che ti serve e magari vediamo di aiutarti un po' meglio.

Era diciamo una curiosità nata da una discussione con un amico all'università

Grazie a tutti per l'interessamento

Janos: Un operazionale ti permette di avere un'amplificazione in tensione praticamente infinita ma non è in grado di erogare grosse correnti.

Esistono opamp in grado di erogare correnti elevate, anche qualche Ampere, però si tratta di componenti molto particolari e molto costosi. Anche se un opamp può amplificare una tensione molte centinaia, se non migliaia, di volte è buona norma limitare l'amplificazione massima di ogni singolo stadio a non più di un fattore 30, meglio se solo 10, utilizzando più opamp in cascata per ottenere alti valori di amplificazione. Il motivo per cui è meglio non amplificare troppo con un singolo opamp è legato sia alla banda passante, quella riportata sul data sheet è riferita ad un guadagno unitario e non al guadagno in anello aperto, e per il rumore che si viene a generare con amplificazioni mono stadio troppo elevate, più tante altre cosette, e qui torniamo agli stessi concetti della retroazione su un transistor che alla fine governano anche gli opamp.

Si si, lo so. L'amplificatore operazionale in anello aperto ha un'amplificazione (parlo dei vecchi ua741) di 100.000 e una banda passante di 10Hz. Tanto si abbassa il guadagno tanto aumenta la banda passante (almeno fino al limite di applicabilità del corto circuito virtuale).

C'è un parametro di merito degli amplificatori operazionali che si chiama PGB (prodotto guadagno-banda) ed è appunto il prodotto fra il guadagno e la frequenza del polo (in altre parole della banda passante) in anello aperto. Tale parametro si può considerare costante (almeno fino a frequenze non troppo elevate, diciamo dell'ordine dei 100KHz), quindi se si fa un amplificatore (invertente o non) con guadagno pari a 10, la banda passante passa da 10Hz a 100KHz.