Arduino in auto... idea malsana?

Buonasera a tutti!

Ho letto in svariati post sul web delle "difficoltà" ad alimentare e gestire Arduino con i 12v "sporchi" dell'automobile.

Per un progetto devo verificare se alcuni dispositivi sono accesi (fari o altro) e quindi volevo portare portare su un pin digitale di Arduino questa informazione. Visto che però girano i famosi 12v-14v avevo pensato di usare un relè per ogni dispositivo da testare in modo da farlo eccitare con il 12-14v ma farmi tornare a Arduino i 5v.

Ci vorranno 5-6 relè, uno per ogni "sorgente".

Vi sembra esagerato? Eviterei tutti i vari passaggi 12v->5v...

Grazie!

Oops... E' il tuo primo messaggio!
Prima di tutto, Benvenuto! :slight_smile:

Per cortesia, da regolamento è indispensabile che tu ti presenti accodandoti nell'apposita discussione spiegando bene quali esperienze hai in elettronica e programmazione, affinché possiamo conoscere la tua esperienza ed esprimerci con termini adeguati.

Poi leggi attentamente tutto il regolamento, in particolare leggi bene i punti 15.3 e 17.1, e impegnati a rispettarlo.
Grazie!

...POI, puoi leggere quanto segue :slight_smile: :
Usa dei fotoaccoppiatori, come i classici ed economici PC817 o PC847:
https://www.google.com/search?q=pc817
https://www.google.com/search?q=pc847

Buongiorno, ammetto di non essere riuscito a mantenere l'ordine delle cose da fare, ma adesso ho compiuto anche il mio dovere da buon utente! :slight_smile:

Grazie DATman per avermi suggerito i fotoaccoppiatori, li proverò sicuramente!!!

Fotoaccoppiatori sicuramente si, ma anche masse ben separate, ad Arduino fai arrivare solo l'alimentazione da un punto preciso da cui prelevi positivo e negativo, magari interponendo quattro diodi 1N4007 in serie in modo da ridurla di 2,6..2,8V seguiti da un elettrolitico 100µF 35V tra Vin e GND (e a monte di tutto un fusibile 100..200mA ritardato). Non far mai passare le eventuali masse (il negativo) dei segnali esterni attraverso Arduino. Anche se col tester come continuità è tutto GND, dal punto di vista disturbi/interferenze sono circuiti diversi.

Ok Claudio, non lo avrei fatto, ma grazie per la conferma!

Per Arduino pensavo di riciclare un vecchio adattatore USB da accendisigari, tolte le plastiche.