Arduino per la LockIn syndrom e....

Ciao a tutti inizio questo nuovo Topic per parlarvi di un progetto che sto portando avanti e che ora mi trovo a non poter più continuare da solo per via della complessità.

Premetto che il progetto una volta realizzato sarà distribuito liberamente attraverso il sito dell'associazione per la quale è nato il progetto www.amicididaniela.it e da chiunque parteciperà sotto licenza GNU GPL.

In sostanza si tratta di un sistema per facilitare la comunicazione e non solo alle persone affette da Locked In o di altre patologie di post coma in stato semivegetativo e non solo ma anche in generale a persone diversamente abili.

Come funziona per ora, in sostanza è molto semplice ho comprato un arduino 2009 e gtramite un sensore IR10 cm della phidget (ma oggi ne provo uno nuovo con la paziente) con il quale ho scoperto che può intercettare il movimento di una palpebra in modo soddifacente o anche piccoli movimenti di arto, scritta la prima bozza di firmware che presto pubblicherò, vado mandare una serie di segnali tramite la seriale al software sul pc anchesso scritto da me, putroppo in Vb.net 2003 dato la mancanza di tempo e dato che per ora è l'unica opziona che conosca che offra una gestione TTS di vocalizzazione a costo quasi nullo utilizzando una voce in italiano che sia comprensibile.

Perchè questo progetto, la paziente(Danela da ora in poi) , con la quale sono venuto in cotatto , è paralizzata al 98% muove solo le palpebre e da pochi mesi il pollice della mano sinistra, normalmente comunica aprendo e chiudendo una palpebra tramite un sistema formato in tabelle dove una persona conta i primi 4 insiemi da 1-4 mentre lei ha la palpebra chiusa, e quando la apre ferma e entra nel sottoinsieme che contiene le lettere: es:

1 (a,e,i,o,u) 2(b,c,d,f,g) 3(h,l,m,n,p) 4(q,r,s,t,z)

così facendo può comunicare, ma nell'ultimo periodo abbiamo dovuto abbandonare gli occhi perchè un'acuta forma ulcere al bulbo oculare causato dall'impiego massivo dell' occhio la sta rendendo cieca. Quindi gli sforzi ora sono protesi a far si che la comunicazione avvenga tramite il piccolo movimento del pollice. E per ora abbiamo raggiunto buoni risultati , ma ad oggi mi trovo nella condizione di chiedere aiuto per quando riguarda una serie innumerevole di problemi. che vi posterò in altro momento.

concludo dicendo che tutte le alternative in commercio ad oggi sono state già sperimentate , sono venuti persino dagli USA con un sistema di telecamere, ma non hs svuto risultati e i costi lasciamo stare...

E aggiungo che questo progetto nasce in collaborazione con l'Associazione di cui sopra e la neonata lisaonlus, www.lisaonlus.org, con il chiaro intento che non si può far pagare la speranza di poter comunicare.

Tutto ciò sara una nuova alternativa in attesa dell' avvento della giovanissima tecnologia ancora allo stato embrionale che è la BCI brain computer interface...

Spero si possa costruire un buon gruppo e arrivare a raggiungere l'obbiettivo. Grazie a tutti scusate se son stato prolisso.

Alessio

Ciao! Io nel limite delle mie possibilità ti potrei aiutare, però dovrei farti qualche domanda..innanzitutto, senza usare un sistema automatizzato, Daniela riesce a comunicare con le persone? Si tratterebbe "solo" di automatizzare il "lavoro" che svolge la persona che interpreta i cenni compiuti da Daniela?

ciao, io personalmente sono interessato, conosco una famiglia che sta vivendo una realtà analoga, e questa per me è una motivazione.

Penso che progetti del genere (sociali ed anche opensource) stiano a cuore a tutti.

Perchè non condividi il materiale fin'ora prodotto? Il progetto riceverà sicuramente moltissimi contributi, e crescerà in fretta. Questo è il naturale evolversi dei progetti os..

Ciao grazie dell'interessamento, Daniela parla normalmente con le persone con il sistema che ho pubblicato nel post precedente , in sostanza si tratta di utomatizzare questo processo, per darle la libertà di parlare con chiunque sopratutto con i suoi figli ancora molto giovani, uno di 15 e l'altra di 4 anni... Poi una volta superato questo scoglio , si cercherà di utilizzarlo per fargli gestire la carrozina e la domotica, che nascerà..

ciao

Si certo molto presto posterò tutto il codice finora prodotto e tutto l'elenco del materiale... Tra poco più di un ora andrò da Daniela e sperimenteremo un nuovo sensore, sperando che riesca a manipolarlo, senno si dovrà rimanere sul sensore IR. E quindi ora sto preparando il materiale per dopo.

Publicherò anche il codice e i binari del software in Vb.Net 2003 spero che ce lo abbiate a disposizione per poter lavorarci sopra. O qui solo Arduino?

Grazie a tutti

ciao

Publicherò anche il codice e i binari del software in Vb.Net 2003 spero che ce lo abbiate a disposizione per poter lavorarci sopra. O qui solo Arduino?

non penso che ci siano problemi a postare (o al massimo linkare come risorsa esterna) anche il codice vb net.

Qui però, ti posso dire che da me non caveri un ragno dal buco :P Preferisco, in progetti open, utilizzare sw open. Oltretutto lavoro su macchine linux, e vb qui proprio non funzia :D

Considera anche l'ipotesi di migrare all'os al 100%. Per la parte tts, c'è per esempio Orca, o Festival. Riguardo quest'ultima, la sua versione lite veniva utilizzata anche sui dispositivi gps/navigatori... Inoltre, per la parte in italiano, hanno supportato il progetto: ITC-irst Istituto Trentino di Cultura e ISTC-SPFD CNR Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione

oh grazie mille di questa info, in realtà la mia intenzione era migrare su un sistema linux e rendere il tutto open al 100% ma come dicevo prima, ci vuole molto tempo per fare tutto, e prediligo riuscie a far funzionare la cosa.. Anche perchè un obbiettivo è riuscire a sistemare il tutto sulla carrozina su un embedded linux, e usare Arduino come interprete di segnali, proprio per rendere il tutto molto libero, cosicchè non si è costretti ad utilizzare perforza quel software o quell'architettura ma con qualsiasi sistema che usa Arduino, si può interagire e ci sia una comunità già avviata per dare supporto...

Qui però, ti posso dire che da me non caveri un ragno dal buco Preferisco, in progetti open, utilizzare sw open. Oltretutto lavoro su macchine linux, e vb qui proprio non funzia

Hai mai provato a usare Mono? ;)

[OT] @saverio

Hai mai provato a usare Mono?

attento, non voglio aprire flame.. In ogni caso, da vb .net a Mono in passaggio non è proprio così immediato.. [/OT]

non ho ancora capito come si faccia a fare il quote... cmq..

Si mi piacerebbe usare mono se non sbaglio si scrive in C# ma la cosa che mi ha frenato è che non conoscevo SDK TTS che mi ha indicato prima pittuso... Cmq questo è uno dei problemi del sistema trovare la piattaforma adatta e la base di tutto, vb.net mi ha dato la possibilità di fare moltissime cose in poco tempo, ovviamente con i limiti anessi e connesi.... Ah si anche perchè in principio il sistema usava una picker classico con 5 ingressi IO che si usano per sistemi per disabili e funzionava con Win.. in sostava aveva un aborto di programma che quando l'abbiamo provato ho deciso di rifarglielo nuovo, poi ho conosciuto Arduino e anche il quel picker l'abbiamo lanciato... ma pian piano postero tutto

Ciao Grazie ancora!!

ciao
a infrarossi è troppo dispendioso per un movimento cosi continuo, prova dei sensori su tessuto che registrano tensioni, o pressioni, di modo da fare un guantino da indossare, o forse un giroscopio tipo il controller della wii che è facile interfacciare a arduino, si smonta e si mette sul guantino.

http://www.plugandwear.com/default.asp?mod=cat&cat_id=86

Ciao e grazie

eh diciamo che il movimento non è così continuo come tu pui immaginare.. sensori mems sono impossibili da usare in queste situazioni dato che si acorgono della differenza di accelerazione... In questo caso Daniela è assolutamente immobile al 98% e spesso molti movimenti sono involontari, il problema tecnicamente è che il suo sistema nervoso ha perso la capacità di inibire i segnali attivi... Infatti per eludere questa situazione ho provato ad aggiungere ,giusto 3 giorni fa, al poggia braccio della carrozina un sensore di vibrazione,e sembra dalle prime prove che il risultato sia soddisfacente..

Perchè dici che l IR sia dispendioso?

grazie a presto

ciao mi dispiace per questa situazione, ho visto il sito e il film loscafandro e la farfalla che mi aveva colpito molto. dicci quale parte del corpo può muovere volontariamente e individuare il rumore da eliminare , individuare la statistica. dicevo dispendioso per lei, per muovere il pollice continuamente per interrompere il circuito. perchè le vibrazioni del gomito? sono volontarie?

ah ok.. eh si per le è un po' faticoso, ma questo è anche perchè la fisioterapista mi ha spiegato che, facendo molto movineto pian piano può recuperare il movimento naturale o quasi, allora da li si è deciso per questa soluzione, per prendere 2 piccioni con una fava, la cominicazione e la riabilitazione. dalle prove che ho fatto ho notato che il sensore di vibrazione avverte un cambiamento diverso se il movimento è volontario o involontario... In realtà devo ancora decidere se posizionarlo sotto la metà dell' avambraccio, o vicino al pollice.

grazie ancora, presto metterò il link per scaricare le cose che già ho fatto.

Ottima iniziativa di progetto.

Se puo controllare le onde alfa del cervello ti consiglio uno sguardo a quest'articolo:

http://hackaday.com/2009/10/20/brain-control-for-the-arduino/

Ottima iniziativa di progetto.

Se puo controllare le onde alfa del cervello ti consiglio uno sguardo a quest'articolo:

http://hackaday.com/2009/10/20/brain-control-for-the-arduino/

grazie mille proprio ieri sera mi è arrivato il contatto di un neurologo che si è dato disponibile a collaborare, e che fornirà gli elettrodi giusti in base alle richieste... E' incredibile... Grazie a tutti

putroppo questo progetto non può essere utilizzato a causa della conformazione di arduino che implica problemi di sicurezza a livello di normativa. Dato il funzinamento diretto sulla pelle con l'emisione di una tensione che viene utilizzata come massa.

Per poter emettere un progetto Open Source che vada ad essere un ausilio, bisogna comunque attenersi alle regole di sicurezza, poichè così sarà possibile emettere una dichiarazione di conformità CE a basso costo e far sostenere le piccole spese per l'acquisto dei materiali direttamanete dall'ASL.

parlavo del progetto brain control

Ecco il link preliminare alla prima parte dei lavori che ho eseguito

http://www.lisaonlus.org/comunicatore.htm

sperando che partecipiate in molti

saluti Alessio

Strano, arduino funziona anche con una batteria da 9 volts e quindi non dovrebbe avere problemi di sicurezza, ma non credo che si riuscirebbe ad ottenere niente dalla burocrazia con il buonsensoIn effetti il massimo della sicurezza sarebbe usare un arduino con shield bluetooth il tutto alimentato a batterie. Penso che in tanti qui dentro daranno la loro collaborazione, posta pure tutti i problemi software e hardware in cui ti troverai, molte teste sono meglio di una.