Assorbimento Arduino

ciao a tutti,
da qualche tempo (avevo già chiesto e ottenuto un grandissimo aiuto dal forum) ho costruito una centralina per irrigare il giardino ( al momento è tutta su breadboard ... ) che comanda 2 elettrovalvole bistabili a 9 V (distribuite da RPE srl) che in precedenza eran comandate da una centralina (sempre della RPE srl) con batteria 9 V.
il progetto è così composto:
arduino UNO rev. 3
RTD Tiny
scheda 4 relays a 5V optoisolati
LCD 2 righe 16 char Hitachi compatibile contenuto nello starter kit acquistato su ebay.
alimento (invertendo la polarità di volta in volta) le elettrovalvole con un impulso di 40 ms.
Al momento uso funzioni Delay() perchè ho costruito la funzione Manuale in modo da testare il tutto. Tramite un pulsante apro le elettrovalvole per un certo tempo - con Delay()- poi le chiudo allo stesso modo. Ho già provato la parte di RTD così da dare uno start time e uno stop time senza usare i Delay().
Il problema però è la durata della batteria!! dopo pochi utilizzi (direi una decina) arriva ad una tensione di 8,7V e non pilota più le elettrovalvole! (se la collego direttamente senza passare da Arduino posso comandare le elettrovalvole normalmente)! con la centralina RPE la batteria durava una stagione!
CHE POSSO FARE? A POTETE CONSIGLIARMI? GRAZIE INFINITE

Arduino UNO così com'è non è progettato per andare in sleep e consumare poco o nulla , è una scheda educazionale, ha 2 processori e quindi dovresti mandarli in sleep entrambi, ha un regolatore di tensione che consuma anche a riposo
In questo settore TUTTI dico TUTTI si progettano una scheda ad hoc per le loro esigenze, comunque forse ci sarà pure una scheda pronta per andare in sleep, ma ci sarà sempre da metterci le mani

Grazie Icio,
avevo il timore che Arduino non fosse proprio adatto ad applicazionei del genere. Purtroppo ne pozzetto docv ci sono le elettrovalvole non riesco a far arrivare corrente e quindi devo per forza di cose utilizzare centraline a batteria (pena la "bruciatura" del prato :cry: ).
Quindi, per dirla tutta se volessi far da me dovrei considerare PIC o altri micro... corretto?
tra l'altro ne esistono in commercio con proprio IDE e possibiltà di inteffacce tipo I2C?
L'idea era di fare una centralina che si potesse monitorare con tablet, smartphone ecc..
grazie ancora

silvo62:
Quindi, per dirla tutta se volessi far da me dovrei considerare PIC o altri micro... corretto?
tra l'altro ne esistono in commercio con proprio IDE e possibiltà di inteffacce tipo I2C?
L'idea era di fare una centralina che si potesse monitorare con tablet, smartphone ecc..

Arduino non e' adatto, ma il Micro su cui e' basato, si.
Ti fai un Atmega328 in standalone, cosi' non devi stravolgere niente.
Poi, niente scheda rele', ma un pilotaggio delle valvole a Mosfet.
Come display un COG Lcd e come RTC uno basato su PCF8563 o DS3231, visto che e' possibile programmare un allarme per risvegliare il Micro dallo Sleep.

grazie Brunello, allora mi metto alla ricerca dei componenti che mi hai indicato... una delle problematiche sarà fare il circuito di pilotaggio Mosfet (potrebbe essere tipo ponte H?)
grazie ancora...

PS: avevo letto sulle specifiche delle elettrovalvole (RPE) che potevano essere comandate con un impulso della durata di 25 mS... con i Mosfet secondo te si può fare (ora con arduino comando con un impulso di50 mS )?

Se nel DS c'è scritto 25mS allora bastano 25mS, il mosfet commuta in meno di 1 microsecondo, comunque tutti i oltre 200 modelli di microcontrollori della atmel della serie tiny , mega, xmega e molti della serie at89 e at90 possono andare in sleep e quindi adatti al lavoro che devi fare, solo che bisogna progettarlo ad hoc

Oltre ai MOSFET, devi anche rinunciare all'eventuale retroilluminazione del display, oppure accenderla solo nel caso di impostazione dell'ora o dei set point.

Inoltre, ti consiglio di usare 6 batterie in serie AA alcaline e non la semplice 9V, in modo da ampliare di molto l'autonomia.

Dai , oggi si passa alla litio, tutto il resto è obsoleto

grazie a tutti!
mi sto muovendo per costruirmi una board dedicata con il micro Atmega328. Già in questo progetto, avevo pensato di utilizzare il display LCD solo nel caso di impostazioni di set data oppure tempi di irrigazione. Utilizzerò le 4 pile, anzichè una sola.l'unica cosa che mi rimane ancora un pò nebulosa è l'utilizzo di mosfet. Ossia, sapete dell'esistenza di ponti H a mosfet?
grazie ancora a tutti per i vostri preziosissimi consigli..

Quattro pile ti forniscono 6V, ma le elettrovalvole funzionano a 9V o sbaglio?

E poi, perché usare un ponte H? Devi invertire la tensione alle elettrovalvole?

Perchè sono bistabili, lo aveva scritto nel primo messaggio

sì cyberhs, le elettrovalvole sono bistabili a 9 V. sono un modello di circa 5 anni fa della RPE srl...

Puoi usare dei semplici L293D (doppio ponte H con diodi di clamp) con cui piloti due elettrovalvole.

Non sono MOSFET, ma, visto il basso assorbimento, credo possano andare, ma sempre con una tensione di almeno 9V (6 batterie AA).

Icio ha proposto delle batterie al Litio (immagino ricaricabili Li-PO), ma poi avresti bisogno di ricaricarle con un caricatore con bilanciatore per ottenere una equa ricarica delle celle.

grazie cyberhs del suggerimento... mi procuro il datasheet così magari riesco a capire i collegamenti da fare..

L293D non è adatto per alimentazione a batterie perchè ha una corrente in stand-by troppo alta, il SN754410 è già migliore ma comunque ancora troppo alta, ci sarebbe il A4990 della allegro , a mosfet e con corrente in stand-by adatta per alimentazione a batterie

cyberhs:
...Icio ha proposto delle batterie al Litio (immagino ricaricabili Li-PO), ma poi avresti bisogno di ricaricarle con un caricatore con bilanciatore per ottenere una equa ricarica delle celle.

Il bilanciatore costa 0.18 euro
http://it.aliexpress.com/item/5pcs-lot-TP40561A-Lithium-Battery-Charging-Board-Battery-Charger-Charging-Module-Free-Shipping-Dropshipping/1084643386.html?adminSeq=205957859&shopNumber=731260 ogni cella litio sostituisce 3 celle NiMH, qualche alimentatore usb e via

icio, quello è il caricatore per una cella Li-PO/Li-Ion (4.2V max 1A) non per due in serie.

Potresti utilizzarlo se si usassero due batterie ad una cella messe in parallelo per la sola ricarica, evitando così il bilanciatore.

2 batterie=2 caricatori = 0.36euro
3 batterie=3 caricatori = 0.54euro
.............

ognuno con il suo alimentatore USB cinese da 1 euro
http://it.aliexpress.com/item/For-iPhone-5s-for-SAMSUNG-Galaxy-S3-S4-Note-3-N9000-EU-Plug-USB-5V/32380519918.html?ws_ab_test=201526_1,201527_2_71_72_73_74_75,201409_1

con il cavetto magari costa mezzo euro in più

icio, a quanto pare compri spesso da AliExpress: come ti trovi? Cosa paghi di dogana?

compro una montagna di roba, raramente qualche "sola" tipo tutto il lotto fallato dovuto a scarti di produzione, ma sempre tutto il lotto, tipo 10-20 pezzi, al massimo da 20-30 euro l'anno, con quello che risparmio ci stà dentro anche la sola
la dogana te la fanno pagare sempre con importi superiori ai 30-50 euro , non ho capito se c'è una soglia o vanno "a simpatia", comunque quando te la fanno pagare sono il 22%+ 10 euro di diritti di dogana, i venditori più in gamba che hanno a che fare molto con la dogana italiana per sveltire le pratiche ti domandano il codice fiscale o la partita iva da inserire nella dichiarazione per la dogana, altrimenti sarà la dogana a contattarti con i loro tempi cioè ..."a simpatia"