Blocco portellone

Salve a tutti, volevo sapere se qualcuno sa come funzionano i portelloni o anche i finestrini elettrici delle auto, mi interessa sapere come funziona il blocco di quest'ultimi nel caso in cui trova un ostacolo, ad esempio sulla macchina di mio padre che ha il bagagliaio automatizzato se mentre si chiude io sono sotto, appena mi tocca la testa sento che spinge per un secondo circa e poi si blocca, per farlo ripartire devo ripremere il pulsante. Su internet non ho trovato nulla sicuramente e tutto integrato nell'attuatore del portellone, dovrei trovare il modo di replicare questo blocco con arduino ma non sono sicuro del metodo che utilizza, pensavo a due metodi: il primo è un piccolo amperometro o voltmetro, quando trova un ostacolo quindi deve fare più "fatica" i valori di tensione corrente cambiano quindi il microcontrollore blocca il motorino, il secondo metodo e quello che utilizza un piccolo encoder, quando il portellone trova resistenza diminuisce la sua velocità quindi il rapporto rad/s cambia e il micro blocca il motorino. Voi che ne pensate, sapete qualcosa a riguardo? Grazie mille

Si possono usare più metodologie ... ... una, ampiamnete usata ad esempio dui cancelli automatici, è un interruttore lungo tutto il bordo del cancello in movimento; appena tale interruttore rileva la pressione contro un ostacolo, blocca il cancello e ne inverte il senso di marcia, ma dubito che sia utilizzata sui portelloni delle macchine. Un altra, come hai giustamente immaginato, basata sull'assorbimento del motore elettrico. Come tale assorbimento aumenta oltre il normale è evidente che il motore sta sforzando, per cui si blocca e si inverte la marcia ... e credo sia quella utilizzata nel tuo caso. Poi, ovviamnete, c'è tutta la serie di protezioni fatte con barriere luminose o di altro tipo che, appena rilevano un'ostacolo, bloccano ciò che era in movimento.

Ma tu esattamente cosa ci devi fare ? ? ?

Guglielmo

Ciao e grazie della risposta, sto progettando un forno elettrico automatizzato che come scopo finale deve essere impiegato per una persona disabile (Sto facendo un corso biennale di meccatronica e ci hanno imposto di fare un progetto, ma come spesso accade i professori non sanno tutto) Una cosa cruciale di questo progetto è la sicurezza e per una persona disabile deve essere vista maggiormente, prima pensavo a mettere sensori di prossimità a basso raggio sul portellone ed era l'opzione migliore in quanto non c'era un contatto fisico, ma poi mi sono reso conto che la temperatura elevata poteva creare problemi a lungo andare e poi c'é anche da calcolare il fattore estetico, e purtroppo anche il costo Poi mi è venuto in mente il portellone dell'auto e mi sembra l'idea più accurata anche se meno efficace in quanto ci deve essere un contatto fisico, però non capivo il meccanico in se è devo optare per uno più sensibile possibile Andrea

Ok, visto l'argomento, mi raccomando solo, nei tuoi post successivi, di porre molta attenzione al REGOLAMENTO, punto 15 e suoi sotto punti ... così evitiamo incomprensioni e problemi ;) Grazie,

Guglielmo

Mah diciamo che butto lì la prima idea: un misuratore di corrente con ACS712 che converte la corrente assorbita dal motore, in tensione, che misuri con un pin analogico. Seconda idea: un encoder sul motorino che misura la velocità di rotazione che deve essere costante per tutto il range dell'apertura/chiusura, se scende al di sotto di una soglia arresta il motore.

Si tranquillo conosco bene i punti in materia di sicurezza, grazie a te :wink:

Alla fine e come me lo ero immaginato io, penso userò il piccolo amperometro che risulta essere meno invasivo e vedrò nel software come migliorare la sensibilità, Grazie a tutti :D Andrea