Bruciato due CB603AL 25V, 20A Logic Level

Sono a quota due, per fortuna sono recuperati ma mi dispiace comunque. Il problema nasce con
il controller PID con Attiny84A che sto sviluppando, in verità è pronto, almeno con un piccolo motore
più encoder ottico lavora perfettamente. Vedi foto allegata.

datasheet CEB603AL

Il progetto deve controllare un motore molto più potente, più di quanto mi aspettavo in effetti. Allo spunto anche in PWM porta in protezione un alimentatore PC che sulla 12Vdc dichiara 9Amper. Le caratteristiche del motore sono sconosciute, so solo che lavora a 7.2V ed è montato su un trapano avvitatore super economici.

Risolto il problema alimentatore; ho ripiegato sul tradizionale toroidale + ponte + 20000uF (Lo so sono tanti ma questo avevo di assemblato pronto all’uso). Collego tutto è imposto Setpoint il più basso possibile, il motore gira va non in modo uniforme, sicuramente penso c’è da sistemare il PID per questo motore. Non faccio a tempo e senza neanche scaldarsi il CEB va in corto, panico panico il motore gira all’impazzata per di più con circa 17Vdc misurati a vuoto.

Ora ho dentro (sempre recuperati) NTD70N03R → link che però non sono dichiaratamente Logic Level ma dalle caratteristiche bastano 5V per portarlo in piena conduzione almeno dai grafici.

Poi ho IRF3205, 55V, 110A RDS(ON) 8mohm, per questi mi serve un driver anche discreto dovrebbe andare. Il PWM
lavora a circa 15kHz. Come diodo di ricircolo ho usato un UF5404, ora mi sembra piccolo e lento, ma a portata di zampa ho MUR1560G 15A, 600V UF Recovery.

L’encoder montato sul motore da 7.2V è simile a quello in foto, testato è lavora.

Sicuramente escludo il PID, per il momento e vado di potenziomentro per regolare il PWM, quasi quasi ci metto anche una R in serie da 0.1 così con un ingresso ADC se supero un certo valore spengo tutto. Ci sta che qualche componente lo si fa fuori, ma la strage di silicio vorrei evitarla.

Diavolo del silicio dove sei?

Come procedo? Intanto ci rifletto su e attendo suggerimenti.

Ciao.

Sarebbe bello uno straccio di schema. Il MOSFET ha un dissipatore?

Comunque temo che hai suriscaldato il transistore perché lavora con frequenze altine e la corrente per caricare e scaricare il gate é bassina. Questo comporta che il transito tra acceso e spento é lento e hai parecchia potenza da dissipare per quell attimo di transisto. Visto che questo transito avviene spesso (15kHz) la perdita si somma a valori consistenti.

Dirrei che Ti serve sia un bel dissipatore nonche un driver per Mosfet che riesce a dare spunti nella grandezza dei A per caricare e scaricare velocemente il Gate.

Ciao Uwe

Comunque temo che hai suriscaldato il transistore perché lavora con frequenze altine e la corrente per caricare e scaricare il gate é bassina. Questo comporta che il transito tra acceso e spento é lento e hai parecchia potenza da dissipare per quell attimo di transisto. Visto che questo transito avviene spesso (15kHz) la perdita si somma a valori consistenti.

Dirrei che Ti serve sia un bel dissipatore nonche un driver per Mosfet che riesce a dare spunti nella grandezza dei A per caricare e scaricare velocemente il Gate.

Sicuramente uno dei problemi è questo, ma se avesse lavorato correttamente encoder e pid avrei avuto il tempo di accorgermi dell’aumento di temperatura, comunque ho sostituito il CEB con NTD70N03R e rimosso il pid e quindi niente encoder ma solo potenziometro che varia il PWM e lavora, certamente mi sono limitato a farlo girare lentamente incrementando il PWM poco per volta. Adesso mi sono potuto accorgere del surriscaldamento e quindi ho spento senza friggere nulla.

Il dissipatore ci vuole sicuro, al momento essendo un componente SMD è montato su PCB e questo fa il possibile per smaltire il calore, comunque come dici tu non c’è abbastanza corrente per la capacità di gate CISS=1333pf (1.3n), ci vuole un driver. RDS(ON) in piena conduzione vale circa 5.6mohm e ciò mi dovrebbe permettere di usare il PCB come dissipatore.

Lo schema lo allego e quasi simile, manca l’induttore e qualche condensatore.

Ho scoperto di avere un problema con il sensore dell’encoder ottico, posizione, disco leggermente deformato e poi non mi pare sia IR, infatti si illumina di rosso, ci sarei dovuto arrivare subito perché con motore+encoder della foto del post precedente lavora perfettamente a patto di lasciare un poco di margine al PID perché il PWM massimo è 255.

Il driver
Ricordo di avere dentro due driver IGBT, ma non mi ricordo dove sono, quindi per adesso provo con bjt in simmetria complementare, stile stadio di uscita interno a TL494, SG3525 ecc. sempre alimentato a 5Vdc.

Mentre per il codice postarlo mi viene difficile, perché troppo frazionato, comunque lavora con il TIMER1 configurato ad 8-bit in Phase Correct Mode. Il PID è quello della AN di Atmel, ogni 1ms salvo il valore dell’encoder connesso su INT0 e relativa ISR. Il codice è da sistemare ma lavora, serve un timeout per passare in stato di STOP e segnalare che non ha ricevuto segnali dall’encoder. Il problema è metterlo a punto con questo motore + riduttore giri con cui ha un comportamento davvero inaspettato. Sarà l’encoder??

Ciao, e grazie per il supporto.

Il pid lavora tanto bene che voglio condividere il video: VID 20190428 052549 - YouTube

Ho solo modificato il timer1 per lavorare a 10-bit.

Per i driver ho trovato i TC4426 ancora da montare e testare con il motore più potente con cui avevo problemi.

Ciao.