▪Cancello automatizzato con fotocellule a infrarossi.

.

Ma deve essere realizzato un "modellino iin scala" o pensi di fare un vero impianto ? ? ?

Guglielmo

Ciao Guglielmo! Al momento devo solo realizzare lo schema funzionale, nessun modellino in scala, dovrà funzionare nel cancello del mio appartamento

Guarda che i cancelli elettrici hanno una specifica “normativa” e chi NON è autorizzato, per legge NON ci può mettere le mani anche perché … fare del male a qualcuno con un cancello elettrico è un’attimo.

Naturalmente prima verifico, ma poi, se è così, dovrò chiudere il tuo thread (REGOLAMENTO, punto 15) .

Guglielmo

P.S.: Guardati QUESTA … ::slight_smile:

No assolutamente, ho semplicemente e solo bisogno di sapere di più sulla fotocellula in particolare(aggiornamento, prima mi affidavo al LM358 che non è la stessa cosa) ho trovato questa:
omron E3JK-5DM1 / E3JK-5L
come la posso implementare nello schema funzionale, di sopra riportato?
P.S. mi correggo, Il concetto del cancello come prodotto reale è solo a scopo di uno sviluppo migliore del progetto, l elenco delle normative tornano molto utili è faranno parte del progetto di tesina.

Allora, se parli di tesina, e' un conto, ma se volessi applicare poi la cosa ad un "vero" cancello automatico, non potresti (e sara' bene che questo fatto lo citi anche nella tesina, a scanso di trovare un prof particolarmente bast ... ehm, "cattivello" :D, che ti rinfacci che il tuo lavoro e' illegale se applicato alla realta' ... )

Infatti, come puoi leggere qui, le normative in merito sono piuttosto severe e restrittive (oltre che, ovviamente, incasinate :D) ... il succo di tutto quanto, comunque, e' la frase:

Le nuove norme costituiscono il vero e proprio braccio operativo della Direttiva macchine: la filosofia di partenza è che, nel momento in cui una porta o un cancello o qualsiasi altra apertura, viene automatizzata, essa diventa una macchina e come tale deve essere trattata.

In pratica, oltre ad essere sottoposti a normativa per gli impianti civili (per la parte cablaggi), l'intero oggetto e' sottoposto alla piena "direttiva macchine" ed a tutte le limitazioni e gli obblighi ad essa associati, in piu, come specificato, l'installatore e' equiparato al "produttore" per quanto riguarda gli obblighi e gli adempimenti, poiche' non ci si limita ad installare un blocco preconfezionato, ma ogni cancello e' un'opera "a se", diversa da tutte le altre, per cui e' come se l'installatore la "fabbricasse" sul posto, ed e' tenuto anche a certificare tutti i parametri di sicurezza e le analisi effettuate ... per cui, finche' rimane una tesi o un modello/prototipo da banco/laboratorio, tutto bene, ma ad installarlo nella realta' non pensarci neppure, a meno che non ti piaccia rischiare parecchio ...

Etem, grazie mille per il tuo preziosissimo intrvento ...
... oltretutto mi segno il link al post ... dato che è una cosa che, ogni tanto, salta fuori :wink:

Guglielmo

Grazie mille per le risposte, si, il progetto è una tesina sul comando a distanza per avviamento diretto e inverso di un motore. Per rendere le cose più complesse ho sviluppato l'idea del cancello automatico con fotocellule ma ho notato appunto questo problema con lo schema iniziale; delle norme che avete citato non mi aspettavo un argomento così vasto vi ringrazio perché riguardo la sicurezza, da questo punto di vista, avevo pensato poco da scrivere! :slight_smile: