Colorimetro sensore RGB

Buongiorno primo topic su questo forum... Sto improntando, direi che ho finito ma mi manca solo la parte ottica che poi è quella più importante, un colorimetro. Il problema è che per leggere le sostanze colorate avrei bisogno di diversi led come fonte luminosa che mi diano la lunghezza d'onda necessaria. Inizialmente ho improntato la cosa con fonte di luce un led RGB comandato in PWM da arduino, con un convertitore frequenza luce, calcolavo i valori da dare al led per ottenere il colore desiderato (diciamo), utilizzando poi OPT101 come fotorivelatore e trasformando la transmittanza in assobranza con il suo calcolo. Il problema è che con il led RGB non ottengo alcune lunghezze d'onda che mi interessano, quindi alternativa era aggiungere altri led a lunghezza d'onda specifica per coprire range, ma diventa difficoltoso creare ed assemblare in modo corretto la fonte di luce, con più led. A questo punto avevo pensato di utilizzare una normale lampada che emetta tutte le lunghezze d'onda ed utilizzare come ricevitore un sensore RGB TCS230 che legge anche in UV. Ora mi chiedevo secondo voi è possibile con questo sensore non leggere solo la luce che lo colpisce, ma decidere io quale diciamo la lunghezza d'onda di cui mi interessa sapere che quantità di luce riceve gestendolo elettronicamente?

Grazie a chiunque risponda.

Ti invitiamo a presentarti (dicci quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione) qui: Presentazioni
e a leggere il regolamento se non lo hai già fatto: Regolamento
Qui una serie di link utili, non inerenti al tuo problema:

Pilotando un LED RGB in PWM non ottieni un colore uniforme ma pulsato che l' occhio umano dato la sua inerzia vede un certo colore misto.

http://www.pobot.org/IMG/pdf/tcs230_datasheet.pdf

presentati come richiesto da nid.

Ciao Uwe

Buongiorno, sono un perito elettronico. Conosco i circuiti elettronici ci lavoro da 25 anni, smanetto un po in programmazione con Visual Basic, C e Access e qualche altra cosina. Ho cominciato da qualche mese la mia esperienza con arduino. Cercavo un alternativa ai normali filtri utilizzati per i colorimetri e avevo visto nel sistema rgb la soluzione, invece a quanto leggo dal messaggio di Uwe in realtà pilotando in pwm il led non ottengo la lunghezza d'onda desiderata ma una miscela pulsata di varia intensità che l'occhio vede come un colore misto, mentre una per una lettura elettronica non sarebbe cosi. Ora la mia domanda era un pò al contrario, considerando che un oggetto è di quel colore perchè assorbe tutte le altre lunghezze d'onda, volevo sapere se colpendo questo oggetto con un fascio di luce completo di tutte le lunghezze d'onda (una normale lampada alogena), e mettendo dal lato opposto un sensore RGB secondo voi questo riuscirebbe a rilevare quale e quanto colore lo colpisce?

Saluti, Vito.

Il problema e' che, anche pilotando un led RGB in modo lineare e non pulsato, hai una miscela di 3 bande di colore, che l'occhio percepisce come altri colori, ma che un sensore percepira' sempre come miscela (percentuali) di solo quei tre colori ... anche perche' un colorimetro e', appunto, un sensore che ha al suo interno, di solito, SOLO sensori per rosso, verde e blu, non un sensore lineare che e' in grado di dirti quale lunghezza d'onda e' quella che vedi (per quello servirebbe un monocromatore, o un sensore a riga con un filtro a diffrazione) ...

Quello che potresti invece fare, e' fare come fanno attualmente alcuni degli scanner a colori in commercio ... illuminano ogni riga alternativamente con solo rosso, solo verde e solo blu (che a te sembra bianco solo perche' la frequenza e' alta), leggendo la percentuale di riflessione per ogni singolo colore, e poi calcolando il colore del punto in base alle percentuali ... ovviamente non hai IR o UV, ma sono dispositivi per colori visibili, quindi agiscono nell'ambito della luce visibile ... altro limite e' che l'oggetto non deve essere colpito da fonti di luce esterne, che falserebbero la lettura ...

Se invece ti serve leggere un colore di un'oggetto ad una certa distanza, senza poterci appoggiare sopra il sensore, ci sono sistemi che usano camerine a bassa risoluzione ed illuminatori a led bianchi o alogeni ... ma non credo siano utilizzabili con arduino ...

Ciao Etemenanki (ma dove trovate sti ? nik :-), interessante la tua proposta della rifrazione. Allora cerco di spiegare bene il dispositivo così magari riesco a rendere più semplici i consigli. Da un lato avremmo la fonte che emette luce incanalata direttamente tramite una lente convessa su una cuvetta in plastica ottica all'interno della quale c'è un liquido colorato. Dall' altro lato della cuvetta ci sarebbe direttamente posizionato il sensore o un cavo ottico che lo porta al sensore (tutto rigorosamente schermato). Il punto è leggere quanta luce passa. Il cammino ottico è di 1 cm. Normalmente questo viene fatto utilizzando una normale lampada alogena che prima di arrivare alla cuvetta passa attraverso dei filtri che selezionano la lunghezza d'onda desiderata e poi la luce, dopo aver attraversato la cuvetta arriva su un fotorivelatore collegato ad un amplificatore operazionale. Io vorrei semplificare il tutto e fare qualcosa diciamo di più nuovo e tecnologico.

Saluti, Vito.

Quindi un colorimetro a trasparenza (immagino per uso chimico o medico/farmaceutico) ... puoi sempre utilizzare il sistema delle tre letture con rosso, verde e blu sequenziali, in questo caso leggerai la permeabilita' al colore (cioe' quanto ne passa), o se preferisci i relativi assorbimenti, invece che la riflessione della superfice, quindi le formule le dovrai modificare in quel senso (ma credo questo gia tu lo faccia, se usavi un'alogena con i filtri) ... l'unica differenza e' che avrai solo tre lunghezze d'onda ... potresti colmare un po il "vuoto" fra rosso e verde aggiungendo un led giallo, e se la misura deve riguardare anche l'assorbimento della parte IR ed UV, per determinate sostanze, ti tocchera' aggiungere pure quelli ... a questo punto pero' vedo un diverso problema, piu che altro di tipo "meccanico/ottico) ... tutti quei led non saranno "in asse" fra loro (neppure i tre chip all'interno di un singolo led RGB lo sono), quindi focalizzarli esattamente potrebbe essere un problema ... a meno di non costruirsi un'accrocchio a base di fibre ottiche e/o vetrini sabbiati ed usare led singoli dei diversi colori ...

athlon73: ... (ma dove trovate sti ? nik :-) ...

Be', che ci vuoi fare ... essendo un meta-demone sumero di prima classe senza limitazioni da 54 secoli, questo e' il nome che mi ritrovo al momento, e mi tocchera' tenermelo per i prossimi 46 secoli, prima di passare ad un nuovo incarico e poterlo cambiare (non e' che possiamo cambiare nomi quando ci pare ... altrimenti poi voi umani confondete i nomi nelle evocazioni e rischiate di evocare per sbaglio un Leviatano, un Djinn, un Dormiente, o magari qualcosa di peggio) ... :D

Comunque, "e-temen-an-ki" e' davvero sumero ... una delle traduzioni e' piu o meno "le fondamenta del cielo e della terra" (riferita ad un'edificio, un tempio), mentre un'altra e' "colui che deve aiutare" oppure "colui che deve sostenere" (riferita ad una persona o all'incarico di una persona) ...