Consiglio acquisti per progetto complesso

(deleted)

Buongiorno e benvenuto, :slight_smile:
essendo il tuo primo post, nel rispetto del regolamento della sezione Italiana del forum (… punto 13, primo capoverso), ti chiedo cortesemente di presentarti IN QUESTO THREAD (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione ... possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con molta attenzione tutto il su citato REGOLAMENTO ... Grazie. :slight_smile:

Guglielmo

P.S.: Ti ricordo che, purtroppo, fino a quando non sarà fatta la presentazione nell’apposito thread, nessuno ti potrà rispondere, quindi ti consiglio di farla al più presto. :wink:

Giusto per curiosità, come ci arriva a 40 km di altezza?

E, se pensi che sia una cosa "burocraticamente" semplice da fare ... per cominciare leggi QUI (... e sono vecchie informazioni, oggi è ancora più complesso) ... ::slight_smile:

Guglielmo

alfredfox:
Vengono lanciati palloni aerostatici tutti giorni da privati, scuole, associazioni. Non è burocraticamente difficile/impossibile.

... convinto tu ... ok ... ::slight_smile:

Guglielmo

Non la vedo niente facile

Per cominciare tu per poter guidare il modulo di rientro hai bisogno di 4 cose:

La tua posizione, che è facile, ti basta il gps
La posizione di arrivo anche questa facile
La direzione da prendere, che qui comincia il difficile, dato che devi ragionare in 3d e la velocità di rientro è poco influenzabile
Il tuo orientamento, che ti dice da che parte sei 'girato'

E questo è meno facile ancora
C'era qui uno il mese scorso mi sembra che ci aveva provato, ma aveva piantato li
Magari prova a cercarlo

A me risulta che il NOAA ci abbia rinunciato a cercare le sue di radiosonde,
Si limita a mettere la busta preaffrancata sperando che chi le trova gliele rispedisca; altro che emettitore gps

Altra cosa:

E se per caso la direzione da prendere per rientrare ti mettesse in ombre il pannello solare? Ci hai pensato?

... piu che costruire unn'aliante a delta in polistirolo da usare sia come contenitore del tutto che come "carico piu o meno guidabile" in caduta ... non sopravviverebbe alll'impatto e non sarebbe ne semplice ne economico, ma almeno cosi al volo altro non mi viene in mente ...

Etemenanki:
... piu che costruire unn'aliante a delta in polistirolo

Che come per tutti gli aereomodelli è soggetto al divieto di superare una certa quota, non ricordo quale ma se non sono cento metri siamo li...

No, no, non un completo aeromodello ... un contenitore in polistirolo per arduino che invece di essere una semplice scatola fosse una specie di "quasi-planante" dotato di rudimentali superfici di controllo, in modo da poter controllare almeno in parte la direzione della discesa ...

Un po come le prime bombe radiocomandate dei nazisti, o gli attuali proiettili da obice plananti con GPS dell'esercito USA, solo senza il "KABOOM" finale :smiley:

c'é anche un problema di ordine etico, oltre che legale

mettiamo caso che il modulo di rientro, non guidato, cadendo provochi danni, o peggio

non è guidato, al di la di ogni questione legale, non esiste un problema "etico"
non c'è stata nessuna "azione" di guida, se ha colpito qualcosa o qualcuno lo ha fatto solo per caso

ma se il veicolo di rientro, guidato, fallisse il bersaglio per qualsisi ragione? e provocasse danni o peggio?

li "certamente" il danno sarebbe dovuto alle (pur'anche fallite) manovre di guida, e questo apre anche un problema etico

il supremo moderatore svizzero ricorderà certamente che la sua emittente TV nazionale alcuni anni fa ha trasmesso alcuni corti con rappresentazioni di situazioni che aprono a problemi filosofici ed etici di questo tipo

in particolare sto pensando al filmato del tram coi freni guasti...

nessuno nega che sia possibile fare le due cose che cerchi

e ti prego di non pensare nemmeno per un istante che noi lo stiamo negando

infatti ti stiamo aiutando, che è il migliore indice che "anche" noi crediamo nel progetto

Io veramente non ho mai parlato di "aliante telecomandato" ... i proiettili a cui mi riferivo, ad esempio, sono preprogrammati e contengono un GPS, vengono sparati quasi in verticale in direzione del bersaglio, quando arrivano all'apice della parabola, aprono delle alette, planano autonomamente fin sopra il bersaglio guidati dal GPS interno, poi si buttanio in caduta verticale correggendo sempre autonomamente i possibili spostamenti ...

Ovviamente mi rendo conto che non e' possibile replicare una tecnologia militare del genere a livello amatoriale, ne tantomeno ottenere la stessa precisione ... pensavo solo che un semi-planante che potesse controllare in qualche misura la sua caduta fosse pur sempre meglio di un paracadute, che per quanto possa avere pesi che si spostano, sarebbe pur sempre molto piu soggetto alle deviazioni causate dalle correnti d'aria ...

Poi nessuno vieta, ad esempio, di unire alette controllate dal GPS a bordo ad un picoclo paracadute attaccato sul retro, o al limite a dei "paracadute a striscia" (semplici striscie lunghe di tessuto in nylon leggero o simile attaccate ad un'estremita') posteriori per rallentare comunque in parte la caduta ...

E non dovrebbe neppure essere necessariamente una struttura rigida ... immagina ad esempio un qualcosa di simile ad un deltaplano in tela da vele e stecche elastiche, con il contenitore dell'elettronica attaccato piu o meno al posto del passeggero umano sui deltaplani ... se ben bilanciato e con un paio di leggeri servo per spostare dei pesetti, potrebbe perfino funzionare (certo c'e' da sperimentare un bel po prima :P) ... fra l'altro data la scarsa velocita' di salita la forma non influirebbe piu di tanto, entrerebbe in gioco l'aerodinamica solo in fase di caduta ...

Allora c’e’ poco da fare, oltre ad usare lo smartphone come tracker GPS attraverso uno di quei servizi online, tipo quelli per tracciare la macchina se la rubano o per tracciare la posizione dei figli attraverso il loro smartphone …

>alfredfox: Quando si quota un post, NON è necessario riportarlo (inutilmente) tutto; bastano poche righe per far capire di cosa si parla ed a cosa ci si riferisce, inoltre, se si risponde al post immediatamente precedente, normalmente NON è necessario alcun "quote" dato che è sottinteso. :slight_smile:

Gli utenti da device "mobile" (piccoli schermi) ringrazieranno per la cortesia :wink:

Guglielmo

P.S.: Ho troncato io il "quote" del tuo post #17 qui sopra :wink:

Ho riletto la tua presentazione

Non parli molto della tua esperienza come programmatore C

E anche delle tue conoscenze di elettronica non sappiamo molto

Facciamo cosi:

Ti dico come farei io

Tenterei, per cominciare, a duplicare il lavoro svolto da quello del quale ti scrivevo stamane
Quello che cercava anche lui di calcolare un percorso tra un punto conosciuto e la sua posizione attuale
E arrivare ad avere una 'direzione' (intesa come angolo di prua) da seguire
A quel punto andiamo avanti

Quindi direi che potresti cercare quella discussione è partire da li

Oh no

Non era per quello
Sentiti libero di non entrare nei dettagli, se preferisci mantenere la privacy

Io lo ho fatto, per esempio

Era solo per stabilire la base di partenza

alfredfox:
...
... per creare il sistema autopilota (giroscopio, altimetro, ecc).
...

Credo ci sia stata un po di confusione, qui e la ... ma non molta, solo un paio di badilate :smiley:

Allora, tu dici di non voler aggiungere peso con un sistema di pilotaggio autonomo perche' vuoi raggiungere i 40Km, pero' vuoi metterci un'autopilota ... la cosa un po si contraddice da sola ... comunque ho l'impressione che ti manchi qualche base riguardo i palloni sonda, se permetti ... la quota che potrai raggiungere dipende da diversi fattori, ma il peso non e' uno di quelli piu importanti ...

Sono molti anni che non traffico piu con il modellismo, ma posso dirti che il tuo pallone potrebbe anche raggiunerli, i 40Km, ma dipendera' in massima parte dal pallone stesso, non dal carico ... di base, dovrai scegliere un pallone piuttosto grosso, che dovrai gonfiare il minimo necessario, questo per il semplice motivo che salendo, la pressione esterna al pallone diminuira', quindi l'elio all'interno si espandera' gonfiandolo sempre di piu ... se metti troppo elio alla partenza, salirai piu velocemente, ma il pallone esplodera' prima di arrivare alla quota che vuoi ...

Inoltre, ovviamente, c'e' da considerare pure il peso del pallone ... ed il fatto che usando l'elio hai una spinta idrostatica di circa 1Kg per metro cubo di gas, per cui devi scegliere un pallone che, da gonfio alla partenza (quindi parzialmente) abbia una capacita' in metri cubi che supera il peso complessivo di pallone piu carico ...

Poi la quota che potresti raggiungere variera' moltissimo in base a diversi fattori, come qualita' del pallone, temperatura esterna in quota, possibili correnti ascensionali che potrebbero aiutare (sempre che non siano cosi cariche di umidita' da produrre un cumulonembo con relativo temporale), grado di umidita' (se la condensazione in salita fosse eccessiva, ad una certa quota potrebbe iniziare a ghiacciarsi sul pallone appesantendolo) e cosi via ... non esiste, letteralmente, un sistema certo e sicuro per sapere a quale quota riuscirai ad arrivare, si puo solo tentare e sperare ...

Tieni presente che il record di 41Km fatto in USA nel 2014 sfruttava un pallone con 900 metri cubi di elio ... mentre la NASA nel 2018 ha superato i 48Km, ma usando un "palloncino" con 1.7 MILIONI di metri cubi ... e non e' poco ...

usando idrogeno si avrebbe una spinta idrostatica maggiore, ma alcuni piccoli incidenti passati, come ad esempio quello dell'Hindenburg, lo sconsigliano :wink:

Non c'è così grande differenza nella spinta tra Elio e idrogeno

Poi da casa se vuoi ti faccio i conti

La ragione dell'uso dell'idrogeno sullo Hindenburg è solo perché il governo USA non vendeva ai tedeschi il suo Elio
Considerato prodotto strategico

E il solo produttore di Elio in quantità industriali erano gli USA : l'Elio era un 'inquinante' dei loro pozzi petroliferi

Ostia c'entro ancora io o almeno il mio nickname...

Standardoil:
Non c’è così grande differenza nella spinta tra Elio e idrogeno

… in effetti, solo 100 gr/m3 in più :wink:

Guglielmo

meno di 100, poco meno

a parte che su 1000 e passa gr/m3 100gr sarebbero al massimo meno del 10%

ma i conti sono:

un normal metro cubo d'aria pesa 1225 gr/m3
un normal metro cubo d'elio pesa 179 gr/m3

differenza 1046 gr/m3

un normal metro cubo di idrogeno pesa 90gr/m3 (occhio, che l'idrogeno fa molecola biatomica, pesa il doppio di quello che si crede)

diffrenza 1135 gr/m3

maggior portanza grazie all'idrogeno= 1135-1046
89 grammi al m3

meno dell'otto percento di differenza

uno pensa sempre che l'idrogeno (che ha un solo protone) faccia una grande differenza,
invece come si vede, siccome bisogna fare la differenza con la densità dell'aria, la diffferenza tra i due gas è meno importante

e adesso la smetto coi miei giochi di parole

interessante notare che se invece il pallone lo riempissimo di metano avremmo ancora circa il 50% della portanza, con molti meno costi, anche la logistica sarebbe molto più semplice.......