Contagiri!

Sto realizzando un 'computerino' per la moto... Premetto che la moto non ha batteria, tutto funziona in AC 12 volts. Ho provato a rilevare i giri direttamente dai 12 volts, ma riesco solo fino attorno ai 3000rpm, poi ho valori sballatissimi. Ho pensato di utilizzarte l'uscita dalla centralina CDI verso la bobina (cavo orange), ma anzichè i circa 300volts, leggo pochissimi mVolts!! Sono un pò alla frutta, anche spulciando in giro trovo solo schemi e sketch che presuppongono gia un'onda quadra attorno ai 5volts..... Qualche idea? Grazie!!

Allego lo schema elettrico della moto

il mio Vespacomputerduino, che già funziona, sfrutta un sensore di hall posto vicino al volano al quale ho incollato un piccolo magnate preso dal geomag!

funziona perfettamente ad ogni regime! devi però avere una pipetta per la candela del tipo schermata, o si impalla tutto con le RF!

in alternativa, potresti provare un metodo che usai tempo fà! fai un paio di spire sul filo della candela! non a contatto elettrico, ma proprio sulla guaina! spire a vuoto insomma! poi in serie ad un capo di questo filo metti una resistenza di qualche ohm e poi dritto ad un piedino digitale dell'arduino! l'induzione provocata dall'alta tensione che circola nel filo della candela sarà sufficiente a dare un livello alto all'arduino e poterti ricavare gli RPM! un mio vecchio progetto con i PIC ha funzionato per un bel po in questo modo su un Go-Kart!

ciao

e per gli appassionati di moto d’epoca, non dici che modello è?

Non posso lavorare sul volano, è a bagno d'olio, e facendo fino a 10000rpm, non è possibile montargli sopra un magnete (chi lo bilancia, poi?), come anche montare un sensore..... Quella delle spire sul cavo candela la provo, anche se temo un pò che l'alta tensione possa arrivare ai pin dell'AVR.... boh, forse mi preoccupo per nulla, anche a motore immerso in acqua non ha mai sbagliato un colpo, per cui l'isolamento suppongo sia ottimo!

no bhe, il filo della candela ha circa a 3mm di isolamento! non passa niente, garantito! ma il campo magnatico che genera è assurdo! a me funzionava anche solo avvicinando "l'antenna" al motore! di che moto si tratta?

mmm a bagno d'acqua ci vanno solo moto da enduro. non sapevo che non montavano la batteria. scusa, ma all'ingresso della bobina non dovrebbero esserci i 12V alternata? ovviamente non essendoci la batteria non puoi misurarli, se non col motore acceso. giusto? io per prova metterei una lampadina da 12v prima della bobina e accenderei.

La moto è un yamaha WR400F del 2001, tra le ultime di media-grossa cubatura prodotte senza messa in moto elettrica e di conseguenza senza batteria! Mettere una lampadina non credo sia il caso.... se l'accensione è CDI, dovrebbero esserci attorno ai 300volts, e in ogni caso non vorrei rompere la costosissima centralina....

da qui : http://it.wikipedia.org/wiki/Bobina_d%27accensione ho capito la differenza con un'accensione che utilizza la betteria. ma a questa centralina, chi glielo da il tempo per mandare i 300V? a cosa è collegata? gli arriverà un impulso dal volano, o dall'albero? ci sono delle puntine?

Nei sistemi senza centralina, l'accensione era data dalla scintilla fatta scoccare dalle candele. La selezione della candela a cui spedire la scintilla veniva fatta dallo spinterogeno, dove una puntina girava mossa da un meccanismo collegato al motore e passava alternativamente su dei contatti collegati alle candele. http://it.wikipedia.org/wiki/Spinterogeno

vedo se ho due minuti e rispondo io, in generale!

vi è un generatore a magnati permanenti, il così detto Volano. dove all'interno vi si trovano varie bobine o poli. Generalmente la maggior parte sono di basso voltaggio, collegate in monofase, bifase, o generalmente trifase! si usano per alimentare i servizi dopo aver raddrizzato e regolato il tutto! i volani senza servizi invece hanno una sola bobina. In entrambi i casi, la bobina dedicata all'accenzione del motore, è avvolta con migliaia di spire di filo sottilissimo, pertanto in grado di generare 250-300V a pochissimi mA! sufficienti a caricare un grosso condensatore che al punto di fase viene scaricato sulla bobina AT che crea la scintilla nella candela! (spiegato semplice semplice!!) questo sistema viene chiamato CDI (capacitor Discarge Ignition) !!

vi è un secondo sistema, più moderno. che prevede una nobina AT con un'impedenza maggiore della CDI! In sostanza si manda 12V alla bobina e vi è un IGBT che interrompe la massa non appena il motore è nel punto di fase. l'energia immagazzinata dall'induttanza della bobina stezza va a creare la scintilla nella candela! ( spiegato mooooolto semplicemente!) questo sistema viene chiamato TCI (Transistorised Coil Ignition)!!

l'unica differenza è che con la CDI puoi lavorare a giri alti, tipo 25.000 e oltre, con la TCI ti fermi molto prima!!

ce ne sarebbe da discutere, ma ho poco tempo e le cose da scrivere troppe!

Ciao,

qui trovi degli schemi per fare una misurare indiretta senza “toccare” il circuito elettrico dcella moto.

Come e’ gia’ stato scritto mettendo un sensore sul filo della candela che misura la variazione di campo elettromagnetico indotta.
http://www.sportdevices.com/rpm_readings/index.htm

Ciao,
Marco.

[quote author=Marco Benini link=topic=97878.msg734298#msg734298 date=1332417741] Ciao,

qui trovi degli schemi per fare una misurare indiretta senza "toccare" il circuito elettrico dcella moto.

Come e' gia' stato scritto mettendo un sensore sul filo della candela che misura la variazione di campo elettromagnetico indotta. http://www.sportdevices.com/rpm_readings/index.htm

Ciao, Marco. [/quote]

Allora un cavetto con qualche spira sul cavo candela è da considerarsi un "Inductive RPM sensing circuit" suppongo.... gli schemi mi lasciano qualche dubbio: il NE555, guardando i datasheet non ha in+ e in-....

Ciao,

utilizzano il 555 come "one shot timer". Qui trovi il circuito coi pin. http://electronic-circuits.blogfa.com/page/555.aspx

Potresti anche convertire la frequenza in voltaggio mediante un LM2907. http://www.ti.com/lit/ds/symlink/lm2907-n.pdf

Ho trovato un post sul forum di Arduino che ti puo' essere utile. Mi ricordavo di averlo visto 2 o 3 settimane fa quando cercavo un sistema per controllare i giri di un piccolo motore Honda GX 25. http://arduino.cc/forum/index.php/topic,71739.0.html

Il sensore si puo' fare facilmente, anche con un tubetto di rame di qualche cm, tagliato su un lato cosi' lo si puo' montare piu' facilement attorno al cavo della candela. Poi lo puoi schermare con della carta stagnola, dopo averlo isolato, cosi' lo proteggi da eventiali disturbi provenienti da altri componenti.

Ciao, Marco.

Mi rimane qualche dubbio....ora ci studio un pò! Intanto grazie x10^3!

Edit:

Una cosa così può andare?

Niente da fare, ho realizzato il circuito qua sopra, ma in uscita non ho mai nulla, anche con un analogRead rilevo sempre 0.....

ciao, sto realizzando anche io una cosa simile, è possibile usare il segnale che esce dal pickup?

in fondo è un sensore di prossimità, non vedo perché metterne un altro :grin: