Criptovalute

La criptomoneta mesi fa i prese di brutto. Mi sono comprato un 5/6 di quelle schedine FPGA… ovviamente non ci ho ricavato una cippa… :stuck_out_tongue_closed_eyes:
Il mining conviene se hai uno di quegli apparati che costano 5/6000 euri che hanno una potenza di calcolo talmente elevata da tirar fuori da soli i bitcoin. Se usi le schedine FPGA come facevo io ti agganci ad uno di quei servizi di sharing di blocchi da minare per cui contribuisci percentualmente al mining dei bitcoin che poi sono ridistribuiti in base a quanto hai contribuito. Credo di aver guadagnato qualcosa come 0,00001 bitcoin prima di accorgemi che era più la corrente che consumavo che i bitspiccioli che tiravo fuori dal giochino :stuck_out_tongue_closed_eyes:

Wikipedia:
La moneta virtuale ha raggiunto, nel 2013, il 21% del totale delle operazioni di cambio della valuta cinese

Visto che il creatore della moneta e' un anonimo, chi sta facendo la guerra a chi ?

leo, per i bitcoin ormail gaudagno solo con gli ASIC.
litecoin e simili nascono per evitare questo strapotere degli ASIC, che riduce i miner a pochi grandi specializzati (distruggedo l'idea alla base), e lì ci puoi guadagnare. Io ho circa 0.5€ equivalent in dogecoin.

Visto che il creatore della moneta e' un anonimo, chi sta facendo la guerra a chi ?

la moneta permette scambi senza regolamentazioni.la guerra la fanno gli stati a chi usa la moneta (in particolare a chi bbypassa le dogane e tasse), ma finisce per farla con tutti. In generale in america e europa gli scambi monete verso valute reali devono seguire le regolamentazioni delle banche, quindi DEVI essere identificato.

Visto che i pagamenti NON sono aninimi, nel moento in cui so ce tu hai il portafoglio X (perchè l'hai usato per scambiare in euro/dollari) posso risalire da che portafogli hai ricevuto soldi. Certo però che se usi un scambio denaro "in nero".. è un modo come un altro per far sparire soldi laddove neanche la finanza svizzera ti può beccare :slight_smile:

Testato:

Wikipedia:
La moneta virtuale ha raggiunto, nel 2013, il 21% del totale delle operazioni di cambio della valuta cinese

Visto che il creatore della moneta e' un anonimo, chi sta facendo la guerra a chi ?

Questo è uno dei lati oscuri di Bitcoin. Non si sa se sia una sola persona.

@lesto:
per Litecoin hai qualcosa da suggerirmi per iniziare?

ma e' proprio il particolare Cinese, che lesto ha stralciato dal quote, che mi ha impressionato, parliamo di tantissimi soldi, Sono i Cinesi che fregano gli americani comprando Bitcoin con una valuta da carta straccia, oppure sono gli americani che vendono ai cinesi sti bitcoin tanto poi possono far fallire il tutto quando vogliono ?

Di certo sarebbe stato un affare comprare un paio di annetti fa sti sottosoldi perche' si sono triplicati di valore :slight_smile:
1 Bitcoin vale 5€ :fearful:

1 bitcoin vale attualmente sui 500$, veramente.
E 6 mesi fa fecero il boom arrivando quasi a 1000$.

diavolo, mi ero perso degli zeri :stuck_out_tongue_closed_eyes:

ma con un cosino di questi tenuto acceso 24ore al giorno quanto ci fai ?
https://products.butterflylabs.com/homepage-new-products/10-gh-s-bitcoin-miner.html

Da solo? Nulla.
Ti devi agganciare ad un sistema di pooling come Bitcoin.cz. Tu mandano dei pacchetti, tu li scavi in cerca di tracce di bitcoin e poi spedisci i dati al server. Quando il server trova qualcosa, suddivide i dati fra tutti i partecipanti allo scavo di quel blocco. Alla fine sono spiccioli per tutti tranne che per i pezzi grossi, tra cui il server.

ecco, mi sembrava strano

https://www.coinbit.it
Questi comprano 1 BTC a 377€ e lo rivendono a 432€
cioe' qui tutti possono fare i banchieri, come si pagano tasse su questo mestiere ? non e' illegale comprare e vendere soldi ?

per Litecoin hai qualcosa da suggerirmi per iniziare?

le FPGA nonvanno benissimo ma sono un inizio. Tutti gli algoritmi "SCRIPT" sono pensati x essere ottimizzati sulle CPU, al massimo GPU.

esiste una serie di pool/miner che minano la criptmoneta più conveniente da una serie di monete (quelle più accettate), quindi se mini e poi subito scambi con una moneta forte (litecoin, bitcoin) vanno molto bene. Magari trovi anche la fasedi scambio automatizzata

edit: leo, vedi http://doge.hashfaster.com/ e BFGMiner x gli FPGA, poi famme sapè a che hashrate vai. (e quanta corrente usi!)

Sono i Cinesi che fregano gli americani comprando Bitcoin con una valuta da carta straccia, oppure sono gli americani che vendono ai cinesi sti bitcoin tanto poi possono far fallire il tutto quando vogliono ?

no, i cinesi usano i bitcoin perchè bypassano la loro banca centrale.. come dicevo bitcoin non è anonimo se sai di chi è il portafoglio, ma se riesci a comprare bitcoin bypassando i controlli, sei a cavallo.

Infatti la cina è arrivata persino a bloccare i conti correnti di chi veniva beccato ad usare la moneta, ora mi pare abbia fatto un passo indietro

oppure sono gli americani che vendono ai cinesi sti bitcoin tanto poi possono far fallire il tutto quando vogliono

nessuno può far fallire tutto quando vuole.
Chiunque può comprare gli ASIC per minare, e ne sono stati venduti così tanti in tutto il mondo... e salvo bug del sistema, l'unico attacco possibile è essere in grado di produrre il 50%+1 potenza di calcolo sul sistema, facendo così "deviare" la block chian. Il principio base è il p2p, la mancanza di un controllo centrale, forza e debolezza del sistema.

cioe' qui tutti possono fare i banchieri

esatto

come si pagano tasse su questo mestiere

e quì casca l'asino, in teoria devi dichiarare come sefossero normali soldi, ma dipende... http://en.wikipedia.org/wiki/Legality_of_Bitcoin_by_country

non e' illegale comprare e vendere soldi

assolutamente no, è una tipica operazione di borsa, si chiama FOREX http://it.wikipedia.org/wiki/Foreign_exchange_market

La cosa è controversa, secondo me. Ufficialmente non è una valuta riconosciuta quindi si potrebbe equiparare ad un bene, per cui puoi farne compravendita. Certo che nel caso del venditore, dovrebbe emettere ricevuta. O mi sbaglio? Lì non è una compravendita fra privati, c'è un sito e come tale credo che sia equiparabile ad una vetrina e-commerce quindi ci vorrebbe partita IVA? Boh.. non sono un commercialista

due domande ancora:

  • sul discorso anonimato, se voglio comprare 1 BTC devo dare la mia carta di identita’ ? E mi viene assegnata una chiave privata univoca che quindi mi identifica in eterno visto che dovro’ sempre usare quella ?

  • Sul discorso fallimento del sistema il creatore non puo essersi riservato una backdoor ? e’ tutto opensource ?

Non so come funzioni quel sito, dovresti guardare fra le loro FAQ. Quando ho fatto il miner, i miei spiccioli di bitcoin mi sono stati accreditati sul mio conto senza dover dare il documento d'identità

Ufficialmente non è una valuta riconosciuta

dipende da pese a paese, state continuiamente semplificando il discorso. In oltre dovete ricordare che gli stati sono lenti a reagire, ancora oggi gli stessi cinesi e americani non hanno delle leggi ben definite, figuriamoci qui in italia! Tutti gli scambi sono sul filo del rasoio, ma esattamente come non possono mettersi ad arrestare tutti quelli che scaricano, non possono arrestre tutti quelli che usano bitcoin....

Certo che nel caso del venditore, dovrebbe emettere ricevuta

in cambogia fanno ricevute? in generale i siti di scambio sono equiparati a banche, in america, almeno.

sul discorso anonimato, se voglio comprare 1 BTC devo dare la mia carta di identita' ?

se passi da un sito di compravendita ufficiale e legale di solito sì.

E mi viene assegnata una chiave privata univoca che quindi mi identifica in eterno visto che dovro' sempre usare quella ?

la chiave privata te la crei da solo, puoi averne quante ne vuoi, e puoi generare infinite chiavi di ricezione. questo rende estremamente complesso il tracciamento del flusso, ma non impossibile.

quindi tu dai carta di identità, X euro e un indirizzo di pagamento. La "banca" prende i tuoi soldi, converte in coin (di solito NON a gratis, prende la commissione e/o la percentuale) e ti fa il pagamento sull'indirizzo. E' davvero tuo quell'indirizzo? bheno si può sapere, chiunque ha la chiave privata può fare pagamenti con quel conto.

il sito di scambio fallito, montgox, inevce teneva un portafoglio per ogni utente lato loro, quindi non solo facevano da scambio, ma anche da "backup" della tua chiave privata. Quindi volendo potevano fare pagamenti a nome tuo. Esistono varisiti per memorizzare le chiavi online, ma di solito prima la chiave si cripta, e al sito NON dai mai la password. Ecco, diciamo che più che avere un TUO portafoglio, montgov ti prestava uno dei loro :slight_smile:

Quando ho fatto il miner, i miei spiccioli di bitcoin mi sono stati accreditati sul mio conto senza dover dare il documento d'identità

dato che aprire un conto equivale a creare una chiave privata, cosa che non costa nulla, (le possibilità che cozzino con una chiave già esistente sono infinitesimalmente basse), chiunque può aprirsi un conto e ricevere/pagare in bitcoin senza essere tracciato. esistono siti di scambio bitcoin-altre monete che non vogliono documenti (dubbi sulla legalità ma..) e quindi a questo punto puoi scambiare monete anonimamente, se cripti la tua connessione, ti nascondi dietro proxy/vpn/top/i2p etc.. silkroad era l'ebay della droga, raggiungibile solo su rete tor.

Sul discorso fallimento del sistema il creatore non puo essersi riservato una backdoor ? e' tutto opensource ?

tutto completamente open-source, con tatnto di ottima tesi sul funzionamento. (https://bitcoin.org/bitcoin.pdf)

Tanto che il sistema è stato modificato per essere un DNS (chi mina mina indirizzi che poi vende), twister (simil twitter, chi mina mette pubblicità o simili), etc..
lo stesso bitcoin può contenere un messaggio nella transazione; puoi trovare il paper ufficiale di bitycoin,ashiart e varie altre cosuiccie(tra cui alcuni documenti criptati) persempre scolpiti nella blockchain :slight_smile:

karma +1 ad entrambi :slight_smile:

Boh, sinceramente non riesco a capire se coinbit.it stia rispettando le leggi oppure no. Ho letto nel sito che è gestito da un fiorentino. Stando così, quel sito vende merce ed è gestito da un cittadino italiano. Per me dovrebbe emettere fattura per le transazioni di vendita. Ma non sono un commercialista né uno specializzato in questo genere di cose per cui mi cheto, non vorrei dire bischerate.

già il fatto che ci sia dietro UNA persona deve far rizzare le orecchie; come dicevo le leggi sono fumose, e quindi finisce che hai ragione o torto in base al giudice che ti trovi. Se il tizio NON è un avvocato economista esperto rischia grosso.
In pratica CREDO che se segui le leggi di un cambiovaluta allora sei a posto.
Ma credo anche che purtroppo il caro fiorentino ignori questo passaggio e tratta il bitcoin come un normale bene. In ogni caso non deve rilasciare fattura essendo un ecommerce, però deve dichiarare lo stesso!
non è ecessaria fattura perchè dato che nnon accetta contanti, ci sono già le transazioni bancarie che testimoniano il flusso di valuta. Notare che se richiesto dallo stato lui deve dire che il bonifico di X è finito sul portafoglio (la chiave privata) ABC, in tal modo, visto che tutti gli scambi tra portafoglio sono visibili, la polizia sa che X poi può tracciare i suoi movimenti.

Secondo me ti conviene comprare dall'estero in uno degli stati in cui la legge è meno fumosa, vedi pagina di wiki sui paesi in cui bitcoin è legale senza problemi.

Per vedere le transizioni: https://blockchain.info/ , se osservate per 10 secondi la pagina vedrete transazioni da 0,0000niente coin a transazioni di moti coin:per esempio questa (Blockchain.com Explorer | BTC | ETH | BCH) da 100bitcoin (100*500€ = ~38000€)ma noterete anche che NON è confermata: probabilkmente è una transazione finta, che poi i miner riufiuteranno in quanto il portafoglio che ha fatto il pagamento non è valido. (edit: è confermata, qualcuno ha fatto un bel investimento!)

Ecco, il problema per cui montgox è fallito è che NON aspettava questa conferma (è un pò più complessa), quindi utenti cambiavano bitcoin in valuta locale o in altre criptomonete e facevano poi partire un finto pagamento come quello.(il bug di mt gov è molto differente; The Bitcoin malleability attack graphed hour by hour)

esiste un portafoglio la cui chiave è nota a tutti, "correct horse battery staple" (password da xkcd: Password Strength), e se vai a vedere la storia di quell'account vedrai che è pieno mi micro e macro operazioni sia finte che vere. In pratica se vuoi testare un attacco o qualche cagata usi quell'account!

Vi sono due posizioni dottrinarie in Italia:

  1. S. Capaccioli, Introduzione al trattamento tributario delle valute virtuali: criptovalute e bitcoin, su “Diritto e Pratica Tributaria Internazionale”, Cedam, n. 1/2014, pag. 27-68
  2. G. Molinaro, Sono tassabili le manifestazioni di capacità economica emergenti nelle operazioni relative a Bitcoin?, in “il fisco” n. 25/2014, pag. 2049

Entrambi concludiamo che i capital gain sui BTC sono tassabili quali redditi da capitale. Sull'interno (Italia) non vi è altro.

da Fisco / Tasse / Legge sul Bitcoin

ps. noto che il capitale del fiorentino è di ben 2.5bitcoin... inzomma...
pps.: leo, credo sia il momento per uno split della conversazione

lesto:
pps.: leo, credo sia il momento per uno split della conversazione

Dovre unire questi ultimi msg allo Spam Bar, o aprire una nuova discussione (sempre qui)

imho nuova discussione, magari chiamala "Criptovalute" così gli anglosassoni non si sbagliano e rimane generale per tutte le monete.

Ok, diviso e rinominato