Datalogger Automotive

Volevo creare un datalogger da utilizzare su una moto, volevo sapere se era possibile farlo utilizzando questi componenti

Grazie Mille

Certo che puoi, ma oltre al costo, non indifferente di tutta quella roba, devi riuscire a controllare il tutto in maniera efficiente :slight_smile:

Grazie mille della veloce risposta
il costo è circa di 300€ più le s.s. considerato che un datalogger comprato non viene meno di 700/800 euro e con meno funioni di quelle che vorrei controllare io non sono poi tanti..
per la gestione pensavo di fare leggere a rotazione tutti i sensori e inviarli dalla rom alla SD via seriale

Per quanto riguarda la gestione del GPS, che è una delle rogne più grosse io ed un altro utente del forum stiamo creando un dataloger per bici con funzioni particolari però parte del software tipo il parser delle sentenze NMEA potresti riciclarlo ed eventualmente aiutare lo sviluppo, per ora siamo in fase di test io sul mio Sw, lui suk suo, se ti interessa la cosa scrivi :wink:
http://www.electroit.tk/index.php/topic,74.0.html

secondo me lo puoi fare ma devi avere un minimo di esperienza con Arduino e le problematiche relative ai sensori.
altrimenti rischi di comprare tutta quella roba per niente! se sei alle prime armi ti suggerirei di fare un passo alla volta
e stare molto attento a comprare componenti costosi. chiedi aiuto nel forum magari :slight_smile:

personalmente credo che se intendi usare il data logger per registrare tutti quei dati a frequenze elevate (es: una volta ogni secondo) almeno per parte di essi tu debba usare un sistema real time usando un tipo di programmazione che prevede l'uso di interrupt, non conosco la tua preparazione ma come dicono gli altri non è cosa semplice per uno alle prime armi.
Se il tuo scopo è costruire il data logger per scopi didattici e infine per il suo utilizzo allora provaci pure, ma se vuoi fare tutto questo solo per risparmiare l'acquisto di un sistema dedicato allora credo proprio che non ti conviene, perchè sicuramente nell'impresa troverai difficoltà e non è detto che alla fine riuscirai ad ottenere le stesse prestazioni di un sistema dedicato.

Ovviamente questo è il mio parere...

Ciao

Sconsiglio l'uso degli interrupt per leggere dei sensori: un interrupt blocca tutti gli altri interrupt, quindi alla fine viene sempre eseguita una sola lettura per volta. Considerando anche la lentezza di risposta del campionatore analogico/digitale dell'Arduino, avresti uno sketch molto rallentato. Conviene invece strutturare il programma in modo classico, facendo leggere in sequenza i vari sensori e memorizzare i dati su SD.
Considera che anche questa operazione è lenta, vista la gestione dei file che devi fare.

Tutto alla fine dipende dal numero di letture che intendi fare al secondo.

per avere un'ordine di idee quanto tempo servirebbe per fare la lettura di tutti i sensori? (almeno l'ordine di grandezza)
dirò una st*****ta, se usassi più arduino uno collegati con SPI con l'SCK sincronizzerei la lettura dei dati e ogni arduino legge i suoi sensori e scrive sul suo OpenLog poi unirei i dati in fase di analisi...

scoprire:
inviarli dalla rom alla SD via seriale

dipende tutto dalla tua preparazione, non sara' un programma semplice, e questa tua affermazione non depone bene :slight_smile:

Si parla di millisecondi per le letture di pin analogici. Però bisogna vedere anche il tempo di risposta dei vari sensori. Ad esempio, la bussola vedo che ha una frequenza operativa media di 15 Hz, quindi vuol dire che mediamente puoi interrogarla 15 volte al secondo. Poi hai la scrittura su che può portare via anche dei decimi di secondo. Il sensore di temperatura fa una lettura in 2 secondi. Insomma, devi metterti lì e guardare un po' i vari datasheet dei sensori che stai acquistando.

ho deciso di eliminare i sensori di umidita/temperature, pressione e la bussola per snellire la cosa e di sostituire il giroscopio con uno ad asse singolo (http://www.robot-italy.com/product_info.php?cPath=15_137&products_id=2179&osCsid=2d507191307a728e54000fc753d8c99f)

grazie a tutti delle risposte