Delucidazioni sui sensori di corrente

Ciao a tutti,
sto attualmente utilizzando una pinza amperometrica esattamente l'sct-013-030 per monitorare i consumi di casa tramite arduino con la libreria emon, fino ad ora i risultati sono discreti. Vorrei però ampliare il progetto utilizzando un sensore di corrente per alcuni elettrodomestici di casa che però abbia dei risultati piu' veritieri soprattutto quando il consumo è molto basso. Girando su internet e tra i vari post sul forum ho visto che esistono dei sensori di corrente invasivi come per esempio questo: Sensore di corrente ACS712 20A amperometro shield arduino - ART. CG01 | eBay Vorrei sapere se rispetto la pinza questo è piu' preciso soprattutto per i piccoli carichi quindi in grado di darmi informazioni piu' corrette quando utilizzo per esempio lampadine a risparmio che hanno un consumo davvero minimo.
Inoltre da tutti i post si evince che con nessuno dei due è possibile calcolare il cosPhi dell'elettrodomestico come si può ovviare al problema? quali solo le soluzioni piu' economiche col migliore risultato?

Grazie a tutti per i consigli e il tempo dedicato :smiley:

Ti invitiamo a presentarti (dicci quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione) qui: Presentazioni
e a leggere il regolamento: Regolamento

fatto :astonished: pensavo di essermi già presentato, scusate :open_mouth:

Il sensore di corrente ad effetto Hall ACS712 ha un errore di circa il 3% sul fondo scala che, secondo i modelli, è 5, 20 e 30A.

Prendendo ad esempio il modello da 20A, l'errore è 0.6A che a 230V corrisponde a 138VA.

Quindi non puoi misurare il consumo di una lampada a risparmio energetico da 10W.

Usando un sensore più preciso, ma anche più costoso, puoi arrivare anche a 0.1% di errore cioè 20mA pari a 4.6VA.

Inoltre, il consumo reale (potenza attiva) può essere misurato solo se, oltre la corrente e la tensione, si dispone anche dello sfasamento tra le due misure.

Be', di gia fatto o quasi, ci sarebbero questi "cosi" qui C51 Electronic Clock Suite Electronic Production Electronic DIY kit for sale online | eBay (a parte le scritte in cinese, il resto e' comprensibile) ... oppure questi con il TA, forse un po piu seri http://www.ebay.com/itm/100A-Power-AC-Monitor-Voltage-Current-Power-Meter-Module-/271437287444?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item3f32ec5014 ... o anche quelli gia fatti "a spina" tipo questi o simili http://www.ebay.it/itm/MISURATORE-ELETTRONICO-DI-CONSUMO-ENERGETICO-RILEVATORE-ENERGIA-CORRENTE-MAX-16A-/251771172779?pt=Attrezzature_e_strumentazione&hash=item3a9ebb37ab (ci sono anche "a ciabatta" con il cavo)

Intanto, grazie a cyberhs e etemenanki per le risposte, per ciò che riguarda qualcosa di già fatto non va bene nel mio caso, i dati sono loggati tramite polling regolare sui un server centralizzato
invece :

cyberhs:
Il sensore di corrente ad effetto Hall ACS712 ha un errore di circa il 3% sul fondo scala che, secondo i modelli, è 5, 20 e 30A.

Prendendo ad esempio il modello da 20A, l'errore è 0.6A che a 230V corrisponde a 138VA.

Quindi non puoi misurare il consumo di una lampada a risparmio energetico da 10W.

Usando un sensore più preciso, ma anche più costoso, puoi arrivare anche a 0.1% di errore cioè 20mA pari a 4.6VA.

Inoltre, il consumo reale (potenza attiva) può essere misurato solo se, oltre la corrente e la tensione, si dispone anche dello sfasamento tra le due misure.

grazie per la spiegazione quindi sul modello con fondo scala a 5A il 3% sarebbe 0.15A * 230V = 34.5VA quindi l'errore sarebbe poco piu' alto di una lampadina da 20watt o mi sbaglio? il margine di errore nell ACS712 da 30A è minore rispetto a quello della pinza sct-013-030 da 30A cioè secondo voi vale la pena in termini di risultato usare il primo invece che la pinza? inoltre lo sfasamento tra le due misure è molto complicato da calcolare?
grazie ancora :slight_smile:

raelix:
inoltre lo sfasamento tra le due misure è molto complicato da calcolare?

ciao,

nelle librerie di open energy monitor ci sono le funzioni per il calcolo del cosPhy, devi fornire ad un input analogico anche la tensione di rete, tramite trasformatore (Open Eenergy consiglia un trasformatore 9Vac).
Devi anche calibrare (via SW) lo sfasamento introdotto dal trasformatore ed il delay tra campionamento tensione e corrente.

trovi le info QUI

Bye, Ste

Grazie, in effetti è una cosa che potro aggiungere per migliorare il risultato. Quindi tra i due prodotti in termini di qualità sui dati quale mi consigliate ? Invasivo da 5A/20A o pinza da 30A? Così faccio l ordine e mi metto a lavoro :smiley: :smiling_imp:

p.s. il sensore di corrente invasivo ACS712 da 20A costa la metà rispetto la pinza non invasiva da 30A , se secondo voi il sensore invasivo può avere una migliore qualità sul dato prendo sicuramente quello :slight_smile:

nessun consiglio? :slightly_frowning_face: