dimmer 220v aiuto

Un saluto affettuoso a tutto il forum.
premesso che non mastico molto l’elettronica a soprattutto l’inglese, sono alle prese con la realizzazione di un dimmer 220v controllato da arduino.
Cercando nel web ho trovato solo uno schema che utilizza un moc3020 e un 4n35 per controllare una tensione di 120volt.
ho provato ad utilizzare tale schema e codice ma non riesco a farlo funzionare.
Il link di dove ho preso lo schema è il seguente : http://efloyola.wordpress.com/2011/10/02/controle-triac-com-arduino-dimmer/
Riesco a far accendere/ spegnere la lampada ma non riesco a variare l’intensità.
Chiedo cortesemente se c’è qualcuno che partendo dal progetto sopra indicato riesca ad aiutarmi (anche con uno schema nuovo).
Non riesco a capire se l’errore è nel codice o nei collegamenti.
La mia sensazione è che c’e qualcosa nella parte che controlla il zero cross.
Chiedo scusa se sono stato un po generico ma se c’è qualcuno che vuole aiutarmi/spiegarmi mi farebbe un grosso piacere.
P.s. sono un elettricista e quindi conosco bene i rischi della 220v.
attendo vs risposte.
Saluti
Alberto

sezione sbagliata, cancella la discussione e aprila in hardware.

lesto:
sezione sbagliata, cancella la discussione e aprila in hardware.

Confermo, gentilmente chiedo al MOD di spostare il Topic in hardware e consiglio a tutti i nuovi Utenti di leggere quanto scritto nei Topic stickati nella pagina principale, un Forum ha le sue regole, rispettarle, lo rende di uso agevole e di grande utilità per tutti, anche per se stessi.
Volendo chi ha aperto il Topic può semplicemente ricrearlo nella sezione hardware e poi cancellare questo cliccando sul pulsante "Remove Topic" posto in questa pagina in basso a sinistra.

Proprio l'altro giorno mi sono procurato dei modulini ibridi con due scr e un vo4257 ( foto accoppiatore senza zcr ) e lo schetch linkato è proprio quello che ci vuole, magari ci do un occhiata e vedo dove sta l'inghippo.

Alberto

Prova a mettere un ponte radrizzatore prima del 4n35, il progetto originale prevedeva l'utilizzo del H11AA1 che ha due fotodiodi e si innesca con entrambe le semionde, il 4n35 invece ne ha uno solo e si innesca solo con una semionda e ignora l'altra.

bigjohnson:
Prova a mettere un ponte radrizzatore prima del 4n35, il progetto originale prevedeva l'utilizzo del H11AA1 che ha due fotodiodi e si innesca con entrambe le semionde, il 4n35 invece ne ha uno solo e si innesca solo con una semionda e ignora l'altra.

Non puoi usare ne un 4n35 ne un H11AA1 perché entrambe sul uscita non reggono 330V.

Devi usare :

  • un relé a stato solido senza zero cross.
  • un optocople (serie MOC) senza zero cross e un Triac.

Se scegli un relé a stato solido tipo questi non serve isolamento, lo piloti direttamente da un pin di Arduino.

Ciao Uwe

Uwe, ma lo sai quanto costa quel SSR ?

Sí, Quei tipi di SSR costano intorno ai 20-25 €

Hanno il vantaggio di non dover maneggiare 230V alternata su una scheda e che é dal tutto isolato. Basta attacare 2 cavi dei 230VAC.
Questo secondo me é un guadagno di sicurezza che giustifica la spesa di 20 € in piú ripetto a una soluzione optocoppler-Triac.

Ciao Uwe

Nello schema il 4n35 viene usato in ingresso sull'Arduino per rilevare lo zero sulla 110/220 alternata, l'uscita lavora a cinque volt.

bigjohnson:
Nello schema il 4n35 viene usato in ingresso sull'Arduino per rilevare lo zero sulla 110/220 alternata, l'uscita lavora a cinque volt.

Allora ho fatto casino. scusami.
Il 4n35 col ponte radrizzatore va bene.
Ciao Uwe

Ragazzi scusate ho lo stesso problema e da quello che scrivete non riesco a capire il nocciolo del problema. Vorrei risolvere il problema ma non ho le conoscenze necessarie.

Chi mi aiuta a capire?

Grazie mille!

David

che vuol dire hai lo stesso problema? in questa discussione lo schema postato è valido, se è quello che ti serve non hai che da realizzarlo. Nella discussione sono nati dubbi vhe sono stati dissipati, alla fine nessuno ha detto che non va bene.

Ho modificato lo schema in base alle indicazioni dei datasheet.

Potete dare un vostro parere?

Se porti la resistenza a 360 ohm, devi aumentarne anche la potenza, senno si strina :wink: ... per il resto mi sembra che possa funzionare ...

Dai miei calcoli la potenza dissipata passando da 33 a 360 non supera i 100mW.

Si, teoricamente e' corretto, ma io ho visto nella pratica resistenze da un paio di W mettersi a fumare in quelle condizioni ... non ho idea se dipendesse dai carichi non resistivi o da perdite nel condensatore in serie, ma siccome a volte succede, anche se raramente, preferisco sempre abbondare, ed ogni volta che mi serve una resistenza da 1W, la metto almeno da 3 ... paranoie personali :stuck_out_tongue: XD

ATTENZIONE!

MI sono accorto di aver scelto il MOC3031M (250V) al posto del MOC3041M (400V)

Si, e' meglio se usi il 3041 ... stessa corrente, ma regge piu tensione ... e visto che le nostre linee elettriche sono sempre un po "ballerine" e spesso arrivano a 240V e passa, meglio essere prudenti :wink: ... anche con i triac di potenza, io preferisco sempre la serie BTA da 800V ... non me ne si e' bruciato mai nessuno, in quel modo :smiley: