Disturbo su lettura termocoppie tipo K+modulo Max 6675

Buongiorno a tutti. Mi sono appena iscritto, perdonate l'inesperienza.
In effetti avevo appena postato questa domanda nella sezione "italiano" che forse non è quella giusta. Questa credo sia più appropriata.
Ho fatto uno strumento per la visualizzazione della temperatura dei gas di scarico utilizzando tre termocoppie K (motore a tre cilindri, una per cilindro) 3 moduli Max 6675, Arduino UNO R3 ATmega328P CH340 Mini USB ed un display grafico che in tempo reale restituisce su di un grafico a colonne la temperatura.
Funzionava tutto egregiamente sul banco ma una volta installato a bordo le temperature oscillano tremendamente tanto da rendere inutilizzabile lo strumento che risulta come impazzito.
Ho provato a mettere svariati filtri sull'alimentazione (pensando a disturbi derivanti dall'alternatore) senza nessun cambiamento apprezzabile, ho provato anche un alimentatore switching con separazione anche sul negativo, poi preso dalla disperazione ho scollegato l'alimentazione dalla macchina ed ho alimentato lo strumento con una pila.
Miracolosamente ha preso a funzionare tutto alla perfezione senza nessun disturbo ne oscillazione di sorta!
Sapete dirmi cosa potrei fare per alimentare lo strumento dalla batteria della macchina senza incappare nelle oscillazioni descritte?
Vi ringrazio per l'attenzione
Tommaso Rosai

Buonasera,
essendo il tuo primo post, nel rispetto del regolamento della sezione Italiana del forum (… punto 13, primo capoverso), ti chiedo cortesemente di presentarti IN QUESTO THREAD (spiegando bene quali conoscenze hai di elettronica e di programmazione ... possibilmente evitando di scrivere solo una riga di saluto) e di leggere con molta attenzione tutto il su citato REGOLAMENTO ... Grazie. :slight_smile:

Guglielmo

P.S.: Ti ricordo che, purtroppo, fino a quando non sarà fatta la presentazione nell’apposito thread, nessuno ti potrà rispondere, quindi ti consiglio di farla al più presto. :wink:

tommasorosai63:
Ho provato a mettere svariati filtri sull’alimentazione (pensando a disturbi derivanti dall’alternatore) senza nessun cambiamento apprezzabile, ho provato anche un alimentatore switching con separazione anche sul negativo, poi preso dalla disperazione ho scollegato l’alimentazione dalla macchina ed ho alimentato lo strumento con una pila.

Benvenuto nel mondo automotive! :grin:
Descrivi meglio quali filtri hai messo su quale alimentazione.

Ciao Daysleeper
grazie per l'interessamento
Purtroppo la mia ignoranza in materia mi permette solo descrizioni... ignoranti. Abbi pietà.
Intanto una precisazione: la macchina in questione è una barca, il motore è un diesel 3 cilindri aspirato.
Il problema si manifesta alimentando lo strumento con il 12 V di bordo, mentre se lo alimento separatamente con una pila 9 volt tutto funziona egregiamente.
Descrivo l'intera installazione
Documentandomi sul web leggo che Arduino UNO R3 ATmega328 può essere alimentato a 12 volt ma non essendo sicuro ho messo per sicurezza un regolatorino di tensione, fatto con un transistor ed una resistenza, che eroga 9 volt. Le prove (12 V di bordo e pila 9 V) sono state fatte senza mai escludere tale regolatore di tensione. Totale parità di condizioni apparte la fonte di energia.
I filtri sono stati levati e messi cento volte sulla linea di alimentazione dalla batteria di bordo, mentre l'alimentazione da pila 9 V è a diritto.
Non sono all'altezza di entrare nello specifico dei filtri:sono stati eseguiti da un amico al quale, mancandomi un oscilloscopio, non ho saputo dire nulla riguardo ad eventuali disturbi presenti sulla linea di alimentazione da batteria di bordo. Non sono particolarmente sofisticati: qualche elettrolitico e qualche anellino di ferrite con un piccolo avvolgimento toroidale. Mi sembra che in uno ci sia anche un condensatore non elettrolitico.
A bordo ci sono altri strumenti (GPS ecoscandaglio VHF ecc) e nessuno di loro presenta problemi di rumori o interferenze.
L'ironia del benvenuto nel mondo automotive mi fa pensare di non essere il primo ad incappare in questi problemucci... sul banco tutto bene e a bordo son dolori.
Grazie ancora

tommasorosai63:
Documentandomi sul web leggo che Arduino UNO R3 ATmega328 può essere alimentato a 12 volt ma non essendo sicuro ho messo per sicurezza un regolatorino di tensione,

Hai fatto bene, anche perchè gli alternatori forniscono molto più di 12V per caricare una batteria (13,8V almeno) e poi hanno, come hai notato, parecchi disturbi tra cui poco simpatici picchi di tensione.

tommasorosai63:
L'ironia del benvenuto nel mondo automotive mi fa pensare di non essere il primo ad incappare in questi problemucci...

No, decisamente non sei il primo. ;D

Grazie davvero!
Ho letto e riletto e per quel poco che posso capire mi sembra che lo schema sviluppato da Gimpo sia sostanzialmente diverso dai filtri finora provati. Sono molto fiducioso.
Domattina parto per qualche giorno, appena torno mi metto al lavoro e spero davvero di risolvere. Vi terrò aggiornati.
Un chiarimento. Sul topic che mi hai segnalato riesco a visualizzare solo lo schema gimpostop_2 allegato al post n.37.
Nel post 52 si parla della versione 3 (se ho capito bene quella definitiva) ma purtroppo non c'è allegato e l'immagine "has been moved or deleted".
E' possibile recuperarla?
Grazie ancora

tommasorosai63:
Nel post 52 si parla della versione 3 (se ho capito bene quella definitiva) ma purtroppo non c'è allegato e l'immagine "has been moved or deleted".
E' possibile recuperarla?

A meno di chiederla direttamente a Gimpo temo di no, sono foto caricate su host esterni al forum, quindi anche un moderatore può fare poco.

tommasorosai63:
....
L'ironia del benvenuto nel mondo automotive mi fa pensare di non essere il primo ad incappare in questi problemucci... sul banco tutto bene e a bordo son dolori.
Grazie ancora

...E stai parlando di un motore diesel... Pensa se avessi avuto un benzina con delle belle candele scintillanti !!!

Buongiorno a tutti e grazie dell'interessamento.
Sono rientrato alla base, ho comprato i componenti ed eseguito il circuito Gimpostop-2 di cui sopra.
Nel frattempo ho aggiunto allo strumento una ulteriore termocoppia per misurare la temperatura dell'olio (notevolmente più bassa di quella dei gas di scarico) ed emerge un dato significativo.
Durante il funzionamento (con e senza il circuito Gimpostop-2) le temperature dei gas (circa 500 gradi) continuano ad oscillare tremendamente mentre con mia grande sorpresa quella dell'olio (circa 100 gradi) è perfetta. Stiamo parlando dello stesso strumento (quattro canali, tre per i gas ed uno per l'olio) e quattro termocoppie uguali tra loro.
Ho fatto le seguenti prove:

  • alimentando dalla batteria del motore e lasciando il suddetto al minimo e senza carico (gas freddi, circa 200 gradi) tutto funziona a dovere (gas ed olio)
  • alimentando dalla batteria del motore ed alzando piano piano regime di giri e carico si nota che solo oltre una certa temperatura la lettura dei gas comincia ad oscillare (ma solo sui gas, l'olio continua a funzionare).
  • alimentando separatamente con pila a 9volt tutto funziona a dovere (gas ed olio)a qualunque regime, carico e temperature.
    Mi viene da pensare che le termocoppie (vendute per oltre mille gradi) scaldandosi oltre una certa soglia perdano in qualche modo il loro isolamento e creino strani loop di massa o altre diavolerie . Non mi spiego però come sia possibile che con la pila 9 volt tutto vada liscio.
    Grazie di nuovo a tutti
    Tommaso

All'uscita del modulo Gimpostop-2 metti in serie delle induttanze VK200 sia sul positivo che sul negativo e collega le uscite delle induttanze ad arduino.

Grazie Arco.
Ora sono al mare ed è impossibile trovare componentistica. Mi organizzo e vi aggiorno appena eseguito ciò che consigli.
Tommaso

Dimenticavo: di che valore devono essere le induttanze vk200?

3 spire , materiale 4S2