Dubbi su relè a 24 Volt

Ciao a tutti,
Sono iscritto da un po' ma non scrivo molto, più che altro leggo.
Ho scritto un primo Post ma mi è stato fatto notare di non aver rispettato il regolamento, mi scuso e come consigliatomi ho rivisto le parti che non andavano bene. Mi scuso di nuovo!

Avrei intenzione di costruirmi una serra demotica in aeroponica è online si può trovare molto ma non tutte le info di cui ho bisogno.
Sono un principiante e di elettronica capisco poco, ma so che Arduino è stato progettato proprio per dummy come me.
Come ho detto sono riuscito a racimolare molte info online e cominciò a capire come funziona l aspetto software ma sul hardware mi sono rimasti dei dubbi, che immagino a voi sembreranno stupidi, per questo mi scuso nel caso fossero troppo stupidi.

Vorrei pilotare tramite arduino: Un nebulizzatore ad ultrasuoni : 19 watt - 24 volt e Una ventola : 1 watt - 12 volt

Dispongo di 4 relè da 24 volt. Le info del relè sono:

Cliccando sopra si apre l immagine più grande.

Songle 10A-250 VAC /10A-125VAC/10A-30VDC/ 10A-28VDC/ SRD-24VDC-SL-C

Faccio fatica a capire come posso usare i relè.

1A- Dopo una lunga ricerca online sono riuscito a trovare il mio rele online, ma solo su alibaba e nella descrizione se ne parla come di uno già opto isolato.
Il mio rele su Alibaba
Solo nn capisco una cosa. Online tutte le guide che parlano di rele opto isolati hanno foto di rele che oltre ai 3 pin: IN-GND-VCC ne hanno altri tre di cui due protetti da un jumper. Attraverso questi altri pin è possibile alimentare l opto coppia a 5V e la bobina separatamente con i tre classici Pin. Leggendo in un forum tra i commenti addirittura si diceva che l'opto coppia serve proprio a permettere una alimentazione separata in tutta sicurezza.
Se il mio è opto isolato perché ho solo 3 pin? E mi mancano quelli con il jumper?

**1B-**Inoltre alimentandolo separatamente i volt della bobina vengono forniti separati, ma i volt del trigger ci pensa Arduino attraverso il collegamento al pin digitale, senza collegare il rele al pin 5v?

2- un relè può controllare un qualsiasi carico indipendentemente dalla tensione ? I miei sono da 24 volt, posso collegarli ad un carico che ha tensione inferiore di quella di cui ha bisogno la bobina per esempio di 12 volt, o addirittura 5 volt?

**3-**Per carichi che hanno una tensione superiore qualsiasi carico e ok ?

4A- Ho letto che per collegare un rele ad Arduino è necessario usare transistor e diodi, ma nn ho capito in che situazioni, se sempre o solo in determinati casi.

Secondo voi anche il mio rele ha bisogno di transistor e diodi a protezione?

Nel caso avrei intenzione di usare una Dimm per collegare facilmente più relè ad arduino, lla ULN2803A.

4B- Questa dimm è pensata per 8 rele, ma nel circuito che ho visto nell articolo in cui tutto è molto ben spiegato, i rele sono collegati alle uscite out, quindi se ne hai 3 ne colleghi solo tre, ma le uscite IN della dimm sono collegate tutte ai Pin arduino, anche se i rele sono solo tre, dunque sono 8 pin arduino occupati.

Non è possibile collegarne solo tre, visto che nell articolo se ne usano solo tre ?

Lo chiedo perché altrimenti nel mio progetto mi si occupano troppi PiN e non me ne restano per i sensori e il display, che già di suo ne occupa molti e tra l altro proprio quelli PWM che nell articolo vengono collegati alla Dimm, anche se non spiega che debbano essere proprio quelli.

Qui il link del articolo di cui parlo

arduino-collegare-multipli-rele-12v

5- il mio rele ha solo 3 pin da collegare ad arduino e tre attracchi per il carico, non capisco come posso alimentarlo separatamente. Nei circuiti che ho trovato il Gnd viene collegato al Gnd di arduino oltre che all alimentatore, IN lo si collega al pin arduino e vcc all alimentatore.
Ho letto da qualche parte che il pin Gnd di arduino nn sopporta più di 200 ma, collegando i rele al Gnd di arduino non lo sovraccarico?

6-Nell articolo che ho linkato viene spiegato addirittura come usare 16 rele, ma il Gnd viene cmq collegato ad arduino, la corrente è sicuramente superiore ai 200 ma che Arduino sopporta sul Gnd.
Imagino sia perché Arduino fornisce corrente solo al trigger ma non alla bobina.
E così ?

Grazie mille in anticipo a chi ha la pazienza di darmi una mano.

Intanto comincia a mettere una foto, ben nitida, della tua scheda relè che capiamo di cosa stai parlando e vediamo se ci sono driver/optoisolatori ... ::slight_smile:

Guglielmo

Per il punto 2 ... hai presente come è fatto un relè? ? ? :o

Quindi una bobina in cui si fa scorrere corrente (la tua parte a 24V) e, per effetto magnetico, una lamella che si sposta da una parte all'altra chiudendo un contatto (o un altro) ... pensi che a quest'ultima possa interessare a che tensione lavora la bobina ? ? ?

Per il punto 3. ... La lamella ed i suoi contatti, sono dimensionati per una massima tensione/corrente e ... è buona cosa stare ben al di sotto i limiti indicati sul relè. :wink:

Guglielmo

Shadsu:
1- come faccio a capire se i miei relè sono opto protetti? purtroppo il modello di cui dispongo credo non sia più in vendita e non trovo datasheet e quando lo comprai non ho badato a controllare quest info.
Però ho trovato un rele esteticamente identico ma a 12 Volt, su amazzoni ed immagino l unica differenza sia la tensione.

Non ci serve a molto uno "simile". Devi fotografare il TUO, più nitido possibile per permetterci di vedere la circuiteria sulla breakout board e magari la sigla dell'integrato (che è presente anche nella tua foto "presa da amazzoni" :wink: ) che se poco leggibile dovresti riportarci a mano. Solo allora potremo FORSE darti indicazioni.

2- un relè può controllare un qualsiasi carico indipendentemente dalla tensione ? I miei sono da 24 volt

Allora, partiamo da una prima cosa. Quando parli di relè a 24V, si intende che il relè lo COMANDI a 24V, non che il carico debba essere a 24V! Per semplicità ti direi di prendere un relè a 5V (così lo puoi alimentare con l'uscita 5V di Arduino), a patto che IL RELE' supporti il carico che hai previsto. Sul relè stesso ci sono indicate le correnti MASSIME supportate in base alla tensione a seconda se siano in alternata (AC) o continua (DC).

Se parli di usarlo per un nebulizzatore 19W 24V, parliamo di I=P/V=19/24= circa 0.8A ossia 800mA, e credo che qualsiasi relè per Arduino anche cinese supporti tranquillamente questo carico (quello della tua foto ad esempio arriva a 10A in DC). Ovviamente esssendo correnti e tensioni massime, puoi usarli per qualsiasi valore inferiore a questi (tranne per tensione e corrente per la bobina, ossia i 5V di comando).

Ma sono relè da pochi Euro, non ti conviene prenderne uno "nuovo", da 5V così ti togli tutti i dubbi?

4- I miei relè sono da 24 volt per cui dovrei alimentarli separatamente ed in casa ho già un alimentatore da 24 volt e 1,2 A, i carichi che vengono controllati dal relè devono essere a loro volta alimentati separatamente?

Sicuramente il CARICO (ossia il nebulizzatore, a sua volta attivato dalle uscite del relé come ti ha indicato Guglielmo) lo DEVI alimentare separatamente da Arduino, che va alimentato a 9V se lo alimenti tramite il suo connettore. Per cui avrai un alimentatore 9V 1A per Arduino ed uno 24V (o quello che ti serve) per il resto del carico, in questo caso il nebulizzatore.

Dici poi di avere una ventola a 12V, se vuoi evitare un terzo alimentatore o prendi un nebulizzatore 12V o una ventola 24V.

docdoc:
Sicuramente il CARICO (ossia il nebulizzatore, a sua volta attivato dalle uscite del relé come ti ha indicato Guglielmo) lo DEVI alimentare separatamente da Arduino, che va alimentato a 9V se lo alimenti tramite il suo connettore. Per cui avrai un alimentatore 9V 1A per Arduino ed uno 24V (o quello che ti serve) per il resto del carico, in questo caso il nebulizzatore.

Innanzitutto grazie di darmi una mano.

Questa è la foto del mio relè, ho pensato di inserirla anche nel Post.
I dati del relè li avevo già indicati nel post, li riporto qui, perché la foto e al contrario.

Songle
10A-250 VAC
10A-125VAC
10A-30VDC
10A-28VDC
SRD-24VDC-SL-C

Cliccando sopra si apre l immagine più grande.

L alimentazione di arduino sarà a 12 volt con un alimentatore da 12 volt. Perché parli di 9 volt?
Ho letto che dal jack lo si può alimentare tra 7 e 12 volt poi la tensione viene trasformata in 5 v per un massimo di 800 ma da Arduino.

So che il carico dovrà avere una alimentazione separata rispetto ad Arduino, il mio dubbio è se oltre all alimentatore Arduino, oltre ad alimentare i rele separatamente devo alimentare anche i carichi separatamente...nel caso usassi due rele per il nebulizzatore e ventola quindi avrei:

Alimentatore 12 v per arduino
Alimentatore 24 v per il rele
Alimentatore 24 v per il nebulizzatore
Alimentatore 12 v per ventola

È giusto così o posso eliminare un alimentatore?

Per il momento non compro altri rele da 5 v perché vorrei capire quanto più possibile e avendo questi ed essendomi presentato questo problema vorrei cercare di capire e risolvere il problema, altrimenti non imparo nulla, se giro attorno ad ogni problema che mi si presenta.

gpb01:
Per il punto 2 ... hai presente come è fatto un relè? ? ? :o

Quindi una bobina in cui si fa scorrere corrente (la tua parte a 24V) e, per effetto magnetico, una lamella che si sposta da una parte all'altra chiudendo un contatto (o un altro) ... pensi che a quest'ultima possa interessare a che tensione lavora la bobina ? ? ?

Per il punto 3. ... La lamella ed i suoi contatti, sono dimensionati per una massima tensione/corrente e ... è buona cosa stare ben al di sotto i limiti indicati sul relè. :wink:

Guglielmo

inserisco la foto del rele.

Cliccando sopra si apre l immagine più grande.

Riguardo al punto 2 e 3 mi sembra di aver capito che il rele può essere collegato a qualsiasi carico purché non superi la tensione e la corrente.

Shadsu:
Riguardo al punto 2 e 3 mi sembra di aver capito che il rele può essere collegato a qualsiasi carico purché non superi la tensione e la corrente.

E la potenza, che è molto inferiore a quello che il prodotto V*I potrebbe far pensare. Ad esempio quei piccoli relé guardando solo tensioni e correnti massime sembrerebbero adatti a gestire oltre 2kW di potenza, ma in realtà questa non deve superare i 150..300W.

Shadsu:
L alimentazione di arduino sarà a 12 volt con un alimentatore da 12 volt. Perché parli di 9 volt?

Perché Arduino PUOI alimentarlo a 12V, ma dato che come hai letto internamente ha un regolatore che li porta ai 5V, hai un SURRISCALDAMENTO del regolatore perché maggiore è la differenza di tensione maggiore è la potenza irradiata. E la cosa sebbene possibile, è sconsigliata perché il regolatore non ha una sufficiente dissipazione.

Alimentatore 12 v per arduino
Alimentatore 24 v per il rele
Alimentatore 24 v per il nebulizzatore
Alimentatore 12 v per ventola
È giusto così o posso eliminare un alimentatore?

Alimentatori di pari tensione possono essere unificati in uno solo, a patto che abbia potenza sufficiente per entrambi i carichi. Quindi teoricamente te ne basterebbero due:

  • Alimentatore 12 v per arduino e ventola
  • Alimentatore 24 v per il rele e nebulizzatore

Ma, ripeto, perché ti serve un relé da 12V, invece di prenderne uno da 9V, col quale quindi alimenti tranquillamente Arduino ed il relé? Se però il nebulizzatore esistesse solo da 24V (o che hai gà) allora prendi anche una ventola da 24V (mica costano tanto...) e semplifichi in un più tranquillo:

  • Alimentatore 9 v per arduino e relè
  • Alimentatore 24 v per ventola e nebulizzatore

Se vuoi alimentare Arduino a 12V, nonostante non sia consigliabile, di alimentatori ne dovresti prevedere TRE:

  • Alimentatore 9 v per arduino
  • Alimentatore 12 v per la ventola
  • Alimentatore 24 v per il rele e nebulizzatore

Capisco che se hai già quel relé vuoi usarlo, ma comunque ti pare che acquistare (e collegare, e gestire) alimentatore aggiuntivo costi meno di prendere un relé a 5V e magari una ventola a 24?

essendomi presentato questo problema vorrei cercare di capire e risolvere il problema, altrimenti non imparo nulla, se giro attorno ad ogni problema che mi si presenta.

Questo è comprensibile e giustissimo, siamo tutti qui per imparare. Se però ti si dice che è SCONSIGLIATO alimentare Arduino a 12V perché si può BRUCIARE il regolatore, e che per semplificare i componenti ed i circuiti è opportuno evitare di usare TRE alimentatori, e tu dici che "per imparare" vuoi fare di testa tua, allora scusa ma non stai "imparando".

docdoc:
Questo è comprensibile e giustissimo, siamo tutti qui per imparare. Se però ti si dice che è SCONSIGLIATO alimentare Arduino a 12V perché si può BRUCIARE il regolatore, e che per semplificare i componenti ed i circuiti è opportuno evitare di usare TRE alimentatori, e tu dici che "per imparare" vuoi fare di testa tua, allora scusa ma non stai "imparando".

Nn te la prendere ma la mia risposta in cui dicevo di voler imparare era riferita al voler capire come usare il rele da 24 volt piuttosto che semplificarmi la vita è comprarne uno da 5v come mi avevi suggerito.
Non era riferita all'alimentatore da 12 v con cui alimentare arduino, tant'è che ti ho chiesto perché parlavi di alimentarlo a 9 v e non 12, e mi hai risposto proprio in quest ultimo post, non prima.
Ora che so che è sconsigliato perché scalda come mi hai spiegato, sono d accordo con te che è una buona ragione per non usarlo, e anzi sto riflettendo se non sia il caso di alimentarlo direttamente a 5 volt da porta Usb, ma devo farmi tutti i calcoli per capire se riesco a stare dentro i 500 ma che in questo modo avrei, rispetto agli 800 ma che avrei da jack.

Grazie della risposta sugli alimentatori dei carichi, prendere una ventola da 24 v in effetti mi semplificherebbe la vita, oktretutto dovrebbe funzionare solo quando il nebulizzatore e in funzione, in questo modo potrei avere un solo alimentatore da 24 v per nebulizzatore, ventola e rele, mentre arduino ne avrebbe uno separato.

Riguardo ai punti 1,4,5,6 cosa ne pensi?

Grazie ancora per darmi una mano