Dubbio caricabatterie

Ciao a tutti,
ho comprato per arduino dall'amazzone (http://www.amazon.it/gp/product/B0030T1NFO) delle batterie ricaricabili NiMH 1.2V 2000mAh su cui c'è scritto standard charge: 200mA in 15 hours.
Pensavo di collegarle in serie per avere 9,6 volt e far funzionare Arduino.

Il mio caricabatterie è un Energizer Quattro (http://www.energizerrecharge.eu/eu/range/chargers/quattro) ma dopo aver messo in carica 4 batterie scariche per una mezzora ho notato un eccessivo surriscaldamento (non si riusciva a toccare con la mano ne il caricabatterie ne le batterie, probabilmente le pile hanno raggiunto gli 80 gradi anche se non ho misurato con un termometro).
Ora ho letto che la "charging current" del caricabatterie è 360 mA.

La corrente non si "adatta" in base a quanto reggono le pile? Penso di no altrimenti non si sarebbe surriscaldato il tutto, qualcuno ha una spiegazione logica a tutto questo?
Posso costruire facilmente un caricabatterie con Arduino che non presenti questo problema? Sarebbe interessante poter ricaricare la propria "costruzione Arduinobotica" direttamente alla corrente.

Ciao e grazie a tutti

Strano che si scaldi… dovrebbero scaldarsi le batterie eventualmente… :fearful:

Grazie per la risposta, probabilmente si scaldano troppo le batterie e "di conseguenza" il caricabatterie in quanto ci sono sopra.
La domanda è però perchè i caricabatterie danno una corrente fissa e non quella "giusta" per il tipo di batterie inserite. La tensione di 1.4 volt credo si corretta per ricaricare 1.2 volt invece

La tensione di carica standard per queste batterie d anche quelle al piombo è data dalla tensione nominale delle batterie pi +0.2V per ogni cella quindi 1.4V è perfetto.. tieni conto che il carica te lo danno per caricare le loro batterie... non quelle di qualcun altro :slight_smile:

Il mio caricabatterie è un Energizer Quattro (http://www.energizerrecharge.eu/eu/range/chargers/quattro) ma dopo aver messo in carica 4 batterie scariche per una mezzora ho notato un eccessivo surriscaldamento (non si riusciva a toccare con la mano ne il caricabatterie ne le batterie, probabilmente le pile hanno raggiunto gli 80 gradi anche se non ho misurato con un termometro).
Ora ho letto che la "charging current" del caricabatterie è 360 mA.

A 80 C° vedi già il fumo, anche il mio caricabatteria scalda le batterie tanto da non poterle tenere in mano, ma ti assicuro che non sono 80 gradi, pensa che quando fai la doccia l'acqua arriva 40 C° Max 45C° e senti bruciare la pelle.

Io penso che se le batterie sono quelle possono tollerare una carica di 360mA, normalmente la corrente di carica è del 10%, caricandole a 360mA hai una corrente di carica del 18%.

Ciao.

Senza misurare la temperatura non puoi dire che è arrivato a 80° perché già a 45-50° non riesci più a toccarlo.
360 mA forse sono tantine per quelle batterie, considera che in genere si usa 1/10 della capacità per 10 ore, le tue vogliono 1/10 della capacità per 15ore... mi sa che le batterie energizer(per cui probabilmente è stato progettato il caricatore) sono più solide e soprattutto reggono la carica veloce.

Nella carica delle batterie Ni-qualcosa la tensione non conta niente, devi guardare solo la corrente.
Giusto per scrupolo e per escludere che il caricatore sua un po' bruciacchiato controlla con un tester quanta corrente scorre in una batteria mentre la carichi.
Ciao

ratto93:
La tensione di carica standard per queste batterie d anche quelle al piombo è data dalla tensione nominale delle batterie pi +0.2V per ogni cella quindi 1.4V è perfetto.. tieni conto che il carica te lo danno per caricare le loro batterie... non quelle di qualcun altro :slight_smile:

Ratto cosa mi dici???

Gli accumulatori al piombio e quelli al NiMH o NICD sono 2 cose totalmente diverse che si caricano in modo diverso.

Il termine della carica nei NiMH viene misurato o cone la temperatura o nell'abbassamento della tensione a fine carica.

Ciao Uwe

Semplicemente riporto ciò che ho trovato in giro in internet e quello che cè dentro il mio carica...
è per NiMi e NiCd e non ha sensori di carica ne niente.. gli da corrente e quando la carica è finita spegne un led di stato e basta :smiley:

La regola del +0.2V non è giusta ?

per i NiCd e NiMH no.
Per il Piombo dipende, ma normalmente carichi un accumulatore da 12V finche arriva a 13,8 V per uso stazionario. Per uso ciclico alcuni modelli possono essere caricati di piú ( 14,4V). Ciclico é inteso lo carichi e poi lo togli dal alimentatore. Stazionari vuol dire che lo tieni sotto carica in modo permanente come per esempio in un UPS.
Riguardante il Tuo caricabatteria non so dirti niente.
Ciao Uwe

Adesso non sono a casa ma anch'io ho un caricabatterie simile dell'Energizer (se non proprio quel modello). Però mi pare di ricordare che la corrente indicata è per un canale da 2 batterie, quindi ogni batteria riceve la metà di quella corrente. Oggi ricontrollo.

Ci sono 4 canali singoli, uno per ogni batteria. Mi state cercando di dire che il caricabatteria da me comprato ha solo un timer di spegnimento e se metto in carica batterie non completamente scariche rischio di danneggiarlo perchè comunque rimane accesso finchè il timer non scatta?

Ci sono 4 canali singoli ma se leggi sul retro vedi che le correnti di carica sono tutte indicate con "x2", se è il modello uguale al mio. Cioè quella corrente la devi dividere per 2 per capire quanta ne arriva per singola batteria.

Cmq mi pare di ricordare che per batterie scariche o semicariche quel caricabatterie ci impieghi davvero sempre lo stesso tempo. Credo non abbia un sensore di carica ma vada proprio a tempo.

Non c'è nessun sensore di carica o timer, queste sono cose da caricatori professionali...
Semplicemente quando la batteria è carica anziché accumulare energia la dissipa in calore. È normalissimo.

Ciao

MGuruDC:
Non c'è nessun sensore di carica o timer, queste sono cose da caricatori professionali...
Semplicemente quando la batteria è carica anziché accumulare energia la dissipa in calore. È normalissimo.
Ciao

In questo caso la corrente di carica deve essere limitata a 1/10 della capacitá; percui a 200mA con un accumulatore da 2000mAh.
Un completo ciclo di carica dura in questo caso 14 ore.
Ciao Uwe

flz47655:
Ci sono 4 canali singoli, uno per ogni batteria. Mi state cercando di dire che il caricabatteria da me comprato ha solo un timer di spegnimento e se metto in carica batterie non completamente scariche rischio di danneggiarlo perchè comunque rimane accesso finchè il timer non scatta?

sí e sí.
Ciao Uwe

Allora, ho controllato.
Il caricabatterie reca: AAx4 (360mA) mentre il modello vecchio, che caricava a coppia, reca: AAx2 (170~190mA)
Certo se “pigia” 360mA per batteria è veramente tanto, è quasi 2C di carica su una batteria da 2000mAh

Oppure quel “AAx4” forse significa che divide i 360mA per 4? Ma così darebbe 90mA per batteria, un po’ poco… Caricherebbe in 22 ore, impossibile. Le pile da 2450 mAh le carica in circa 8/9 ore.

Come ho già detto questo caricabatteria fa la carica veloce(<10h) che solo alcune batterie sopportano.
Se ci fate caso su alcune batterie(quelle più costose) sono indicati i tempi e le correnti di carica sia per la carica normale che per quella veloce e alcune hanno addirittura la super-veloce.
Ciao

Grazie a tutti ancora, il prossimo caricabatteria sarà più intelligente e chissa se riuscirò a costruirlo con Arduino

esistono semplici integrato che si occupano già di tutto.