Il led che lampeggia ritorna !

Sera gente!
E siamo ancora una volta a parlare del led che lampeggia!!! Mi è venuto un terribile dubbio, se alimento un led con duty cicle 90% attorno ai 50hz l' intensità di corrente efficace scendo attorno a qualche mA quindi teoricamente potrei usare il led senza resistenza?

... perché ti costa molto una resistenza ? :smiling_imp:

E dove hai letto per QUANTO tempo un pin di Arduino può sopportare una corrente superiore al suo limite ? Perché quello è ciò che fai ...

Guglielmo

gpb01:
... perché ti costa molto una resistenza ? :smiling_imp:

E dove hai letto per QUANTO tempo un pin di Arduino può sopportare una corrente superiore al suo limite ? Perché quello è ciò che fai ...

Guglielmo

Era una curiosita chiaramente se devo progettare qualcosa evito...

… dato che sul datasheet del ATmega328P non mi sembra sia riportato per QUANTO tempo possa sopportare correnti superiori al massimo tollerato, io eviterei. ::slight_smile:

Guglielmo

Leonardo238:
l' intensità di corrente efficace scendo attorno a qualche mA

No, la corrente rimane sempre quella dovuta alla resistenza, quello che cambia è il tempo di accensione del led e di conseguenza la luminosità percepita dall'occhio, ma non quella reale del led che è la stessa di quando è acceso fisso.
Se non metti la resistenza ogni volta che il led si accende preleva la massima corrente possibile dal pin del processore, valore che può arrivare anche a 150 mA, con tutte le nefaste conseguenze del caso.

Non ci sono informazioni a riguardo perché é una situazione vietata dalle specifiche del produttore.
La Tua domanda é insensata. Questa é la risposta giusta.
Ciao Uwe

Sicuramente se facessi scorrere 1A per 1 secondo e poi facessi 99 secondi di pausa il duty cycle sarebbe dell'1% con una corrente media di 10mA, ma in quel secondo con 1A che cosa succederebbe al LED? :smiley:

Non puoi considerare solo il valore medio. Devi considerare anche il valore di picco, che deve stare entro quanto dichiarato nei datasheet. I LED IR dei telecomandi, ad esempio, accettano impulsi di corrente molto elevati per produrre forti lampi di luce e ottenere una buona portata, ma devono essere molto brevi e, comunque, rientrare nei valori previsti dal costruttore.

Un LED alimentato senza una resistenza in serie né un regolatore di corrente, comunque, è concettualmente sbagliato.