Informazioni generali

Ciao a tutti, come già scritto nel post di presentazione sono un aspirante ingegnere informatico che vorrebbe imparare a fare qualche progetto inerente alla domotica. Sono qui quindi per chiedere se effettivamente sono nel posto giusto e quindi arduino è la scelta giusta oppure meglio usare altri mezzi essendo io completamente ignorante nel campo domotica e apparecchi connessi.
Inoltre mi piacerebbe sapere anche il grado di complessità per esempio nel fare una stanza domotica(es luci che si accendono da tablet o simili, tapparelle automatiche o ad esempio computer accendibile automaticamente).
Scusate il disturbo e ringrazio in anticipo tutti quelli che vorranno aiutare un povero ignorante :smiley:

Ci sono anni di discussioni su questo argomento trito e ritrito che dipendono da quello che uno vuole fare e/o vuole ottenere.
Non sarebbe comunque un prodotto commerciabile e installabile come il 99% delle schede open fai da te sul mercato.

Ci sono centinaia di pagine google + forum sui pro e contro che discutono appunto di protocolli, software, hardware, interfacce, driver, disturbi, utilità, comodità, impianti, accessori, idee folli … 1000 altre cose, scritte apposta per:

“essendo io completamente ignorante nel campo domotica e apparecchi connessi”

Quello che serve a te non serve a me … quello che va bene a te non va bene a me, quello che è comodo a me è scomodo a quell’altro, sono un informatico e non sono un elettronico, costa poco , costa troppo … è un argomento troppo vasto che non può essere descritto con info generali. Purtroppo non esiste un prototipo universale che va bene a tutti, non c’è uno schema preciso da seguire.

Quindi, suggerisco di provare arduino, imparare “l’imparabile” e verifichi con mano quanto puoi spingerti e quali sono le tue esigienze, da lì decidi se restare o cambiare, arduino è comunque una buona scuola, un buon inizio se sei a secco di applicazioni pratiche poichè con i libri e l’università soltanto non vai molto lontano.

ciao